Tunisia: i luoghi da non perdere

di Maria Liccardo tramite: O2O difficoltà: media

Viaggiare è certamente una delle attività più belle ed emozionanti che ognuno di noi possa fare. Visitare luoghi nuovi è sempre un'esperienza divertente e ricca di emozioni, collezionare bei momenti e viste fantastiche è la passione di moltissimi turisti e viaggiatori, che, spinti dal desiderio di evadere dalla vita quotidiana e monotona, si avventurano alla ricerca di nuovi posti. Anche se la Tunisia è già abbastanza famosa come meta turistica, c'è sempre qualcosa di nuovo da vedere ed esplorare. Il bello delle vacanze, soprattutto quelle estive perché generalmente più lunghe, è proprio il poter spaziare con la mente e scegliere qualche nuova località da vedere e, perché no, direttamente qualche paese più lontano da noi e diverso nelle abitudini, tradizioni e cultura. Ecco i luoghi da non perdere in Tunisia.

1 Mahdia e Hammamet Chi ha la fortuna di recarsi in Tunisia non può assolutamente saltare i luoghi più belli e particolari che offrono delle vedute incredibili. Primo tra questi è Mahdia che non solo si presenta con spiaggia e mare fantastici ma anche perché la cittadina è un'accogliente località turistica, meta principale della zona costiera.
Anche se, parlando con i vari turisti che già ci sono stati, le spiagge più popolari sono quelle di Hammamet. Situata ad un'oretta da Tunisi, è la distesa di mare più pulita con spiagge bianche e sabbia candida. La città è all'avanguardia per le sue strutture ma la particolarità di questa zona è l'acqua del mare molto calda grazie alla quale, molti turisti praticano immersioni.

2 El Je e Sbeitla Ovviamente quando si è in visita in un paese lontano e dalle mille sfaccettature come la Tunisia, non si possono non inserire tappe a carattere culturale.
Una volta, cioè, girate le spiagge durante la mattinata è piacevole e quasi doveroso, osservare anche le strutture, le varie città e le loro costruzioni che aiutano i turisti a capire lo stile di vita e le tradizioni intoccabili.
Ad esempio, città e rovine che parlano della loro storia solo guardandole, suscitano emozioni indiscubili, come le rovine di El Je e Cartagine oppure le rovine di Sbeitla che sono considerate il patrimonio archeologico romano più importante della Tunisia.
Raggiungere questi luoghi non è difficile e sono tutti collegati tra loro grazie all'organizzazione turistica tunisina abituata alla grande mole di turisti che arrivano ogni anno ed in tutti i periodi.

Continua la lettura

3 Matmata e Tamzert Addentrarsi poi all'interno e costeggiare il deserto del Sahara risulterà un'esperienza senza paragoni e precedenti.
Villaggi come Matmata oppure Tamezret, a 12 km di distanza, offrono uno spettacolo emozionante con stradine e piazze fuori dal comune e dove la popolazione parla ancora l'antica lingua dei berberi.  In zona, visto che qui ci si avvicina al deserto, non si può di certo perdere la porta del Sahara, ossia un cancello posto sul confine della città di Douz che separa, per l'appunto, la città dall'arido deserto vicino.

Cosa vedere in Tunisia Contrariamente a quanto possono pensare molte persone la Tunisia non è ... continua » Come visitare la città di Hammamet Ogni viaggio ha un suo fascino, una storia ed una cultura ... continua » 5 posti dove fare shopping a Tunisi Tunisi, con oltre 700,000 abitanti che diventano oltre 2 milioni ... continua » Come visitare Matmata Come visitare Matmata: si tratta di una cittadina di origine berbera ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Marocco: le 5 spiagge più belle

Il Marocco costituisce un'importante meta turistica, che richiama di anno in anno sempre più visitatori, provenienti soprattutto dalla vicina Europa. Questo Paese nord-africano racchiude ... continua »

Come esplorare Cartagine

Cartagine è stata la storica nemica della civiltà romana (ai tempi della Repubblica), ed è oggi una capitale vibrante dove si mescolano diverse lingue e ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.