Tutto sulla Sacra Sindone di Torino

di Veronica De Stasio tramite: O2O difficoltà: media

Se volete documentarvi, nel modo più dettagliato possibile, sulla sacra sindone di Torino per sapere tutto su di essa, vi trovate nel posto giusto. Magari qualche giorno vi troverete a visitarla e, seguendo questa guida dettagliata, saprete cosa starete vedendo senza problemi. Qui vi parlerò della sacra sindone in generale, della sua storia, della sindone evangelica e sulle caratteristiche generali di essa.

1 La sacra sindone si trova nel Duomo di Torino Innanzitutto, la sacra sindone di Torino è un lenzuolo funerario che attualmente è conservato nel Duomo di Torino. Esso è fatto di lino, e si dice che con questo lenzuolo venne avvolto il corpo di Gesù nel Santo Sepolcro, prima della resurrezione. Infatti, nel Duomo di Torino si può vedere l'immagine di Gesù che porta i segni delle atroci torture che ha subito prima di morire. Il termine sindone significa, in greco, grande tessuto e quindi un lenzuolo. Originariamente la sindone non veniva affatto usata per avvolgere i morti, ma, dopo la morte di Gesù, esso rappresenta il lenzuolo funebre usato da Gesù.

2 Il corpo di gesù fu sepolto dopo la sua morte in croce Secondo la testimonianza che troviamo nei Vangeli, il corpo di Gesù fu sepolto dopo la sua morte in croce, fu avvolto in un lenzuolo e venne deposto nel Santo Sepolcro. Nel vangelo c'è scritto che quando venne sepolto, Gesù era stato avvolto in un lenzuolo e aveva un fazzoletto che gli copriva il volto. Quindi le ipotesi che questo lenzuolo poteva essere il Mandylion vengono sciolte da questa testimonianza. Inoltre, nei vangeli di Giovanni si può notare come la forma descritta da esso corrisponde a quella della Sindone di Torino. Quindi, di nuovo, la Sacra Sindone viene riconosciuta in quella deposta nel Duomo di Torino.

Continua la lettura

3 La sacra sindone è un vero pezzo autentico Gli studiosi dicono che la sacra sindone è un vero pezzo autentico, perché essa è stata analizzata nei laboratori di Oxford nel 1988, affinché gli scienziati scoprissero a quale hanno risaliva, scoprendo così che la stoffa del lenzuolo era datata all'intervallo di tempo compreso tra il 1260 e il 1390 e cioè al periodo corrispondente all'inizio dell storia della Sindone.  Anche gli storici ritengono che la storia sulla sindone sia vera, ma negano tutto ciò che è avvenuto prima di questo evento.  Approfondimento Le 10 cose da vedere a Torino (clicca qui) Quindi ritengono che questo sia l'autentico lenzuolo funebre di Gesù e sostengono che appartiene alla terra di Israele del I secolo.  Inoltre, alcuni studiosi sostengono che questo lenzuolo possa essere il Mandylion, l'Immagine di Edessa, che era il fazzoletto che raffigurava il volto di Gesù, che era scomparso nel 1204.

Guida al Duomo di Torino Torino è una bellissima città italiana situata nella regione Piemonte di ... continua » Guida al Duomo di Torino Torino è una bellissima città italiana situata nella regione Piemonte di ... continua » Guida ai migliori musei di Torino Cosa rende così speciale Torino? Non basta il fatto che sia ... continua » Guida ai migliori musei di Torino Torino è una delle città più belle d'Italia che vanta ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come visitare i dintorni di Torino

I viaggi culturali o di piacere vertono sulle grandi città ed i capoluoghi di provincia. Questi luighi offrono straodinarie testimonianze storiche, scientifiche come anche naturali ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.