Yerevan: cosa visitare

di Daniele Mastrogiovanni tramite: O2O difficoltà: media

Se siete attratti dai posti esotici, allora la città che dovreste visitare è Yerevan. Yerevan è la città più grande dell'Armenia, sia per importanza che per numero di abitanti. Yerevan è una città che si trova a 1000 metri sul livello del mare, vicino a quelle che sono le acque del fiume Hrazdan. Nonostante la sua posizione, Yerevan costituisce un importante polo culturale e scientifico del Paese. Se volete quindi trascorrere un weekend all'insegna del relax e della cultura è qui che dovrete recarvi. In questa guida vi mostreremo cosa visitare.

Assicurati di avere a portata di mano: Mappa della città

1 L'accademia armena della scienza Stiamo parlando di uno dei più rilevanti centri industriali, ma anche culturali, del Caucaso, il quale può vantare una serie di prestigiose istituzioni del livello dell'Università Statale di Ingegneria, dell'Accademia armena delle Scienze, di un museo di Storia e di un moderno conservatorio musicale. Numerose e ben fornite risultano anche le biblioteche pubbliche. Tra le principali attrazioni turistiche si devono però segnalare alla vostra attenzione ben due vecchie fortezze militari ormai in rovina: una risale al periodo dell'antica Roma, l'altra a quello Urartu (un antico regno dell'Armenia, nel periodo compreso tra l'860 e il 585 a. C.). Quest'ultima fortezza prende il nome di Erebuni.

2 Zoo e orti botanici Da segnalare anche la presenza di zoo e orti botanici ben curati dove potrete portare i vostri familiari e in particolare i vostri bambini, per trascorrere qualche ora di assoluto relax a contatto con le suggestioni ristoratrici delle bellezze naturali di questi luoghi. Da visitare ci sembra anche un mercato agricolo di un certo rilievo. Per i vostri spostamenti potrete servirvi della rete metropolitana presente in città.

Guarda il video:

Continua la lettura

3 Il museo del Gran Male Purtroppo l'Armenia è un Paese che subì il genocidio (o Olocausto degli Armeni) nel deserto dell'Anatolia (nel 1915).  All'epoca centinaia di migliaia di Armeni furono costretti a marciare fino alla morte dai militari dell'esercito turco.  Approfondimento Cose da vedere in Armenia (clicca qui) Questi tragici fatti sono ancora testimoniati attraverso un museo, chiamato del Gran Male (Metz Yeghern in lingua locale), che si trova allestito proprio a Yerevan.  Nel cosiddetto Muro della memoria sono tumulati pugni di terra delle tombe di quanti lottarono con ogni mezzo per aiutare la popolazione armena in un momento così tragico della sua storia, ma anche per rendere una testimonianza di quanto stava accadendo in seguito alle cosiddette marce della morte.  Tra questi ultimi si devono ricordare Anatole France, Giacomo Gorrini, Fritjof Nansen.

Alcuni link che potrebbero esserti utili: Yerevan

Armenia: usanze e costumi Situata al centro fra Medio Oriente, Russia, Asia e Europa, troviamo ... continua » Cosa vedere a Belgrado La Serbia è una nazione che ha avuto un recente passato ... continua » Cosa vedere in Ucraina L'Ucraina è un Paese dell'Europa orientale la cui capitale ... continua » Come percorrere il triangolo del caffè Viaggiare è certamente una delle attività più belle e divertenti che ... continua »

Stampa la guida Segnala inappropriato
Devi inserire una descrizione del problema

Altre guide

Come e cosa visitare a budapest

Viaggiare è il modo migliore per aprire la propria mente, per conoscere nuovi posti, avvicinarsi alla cultura e alla conoscenza di una determinata civiltà. Il ... continua »

I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer»”.