10 cose da vedere in un weekend a Trieste

Tramite: O2O 20/06/2018
Difficoltà: media
113

Introduzione

10 cose da vedere in un weekend a Trieste

Vogliamo andare in vacanza ed abbiamo un solo weekend per farlo? Perché non visitare Trieste? La città italiana, capoluogo della regione Friuli-Venezia Giulia, dal clima subtropicale umido e splendidamente nota dal punto di vista botanico (infatti la flora urbana è stata per molto tempo frutto di studi che hanno mappato ben 1024 specie e sottospecie) è pronta ad accoglierci tra le innumerevoli cose da vedere, ma concentriamoci in questa guida su 10 cose.

213

Piazza Unità d'Italia

La piazza principale di Trieste è Piazza Unità d'Italia, posizionata tra il colle di San Giusto (centro storico della città), il Borgo Teresiano (quartiere cittadino costruito attorno alla metà del XVIII secolo) e il Borgo Giuseppino (quartiere cittadino costruito attorno alla fine del XVIII secolo). Con la sua superficie totale di 12.280 metri quadrati, la piazza assunse tale nome nel 1918, quando la città fu annessa al Regno d'Italia. Da non sottovalutare i palazzi che si affacciano sulla piazza: il palazzo della Luogotenenza austriaca (ora sede della Prefettura), il palazzo Stratti (dove vi è lo storico caffè della città), il palazzo Modello, il Municipio, il Palazzo Pitteri (il più antico edificio della piazza), il Grand Hotel Duchi d'Aosta e il palazzo della compagnia di navigazione Lloyd Austriaco di Navigazione (ora sede della Regione autonoma Friuli Venezia Giulia). Al centro della piazza poi, possiamo trovare la Fontana dei Quattro Continenti (Europa, Asia, Africa e America) costruita tra il 1751 e il 1754.

313

Cattedrale di San Giusto

Il principale edificio religioso cattolico della città è la Cattedrale di San Giusto. La facciata è austera ed arricchita da un rosone in pietra carsica ed è rivestita, come anche il campanile, da reperti del periodo romano. Nel campanile troviamo cinque grandi campane in scala di Sol. All'interno della cattedrale possiamo notare alcuni affreschi originali (il più importante è "Ciclo di san Giusto") e dei mosaici absidali bizantini. Infine, sempre all'interno troviamo un "organo a canne Mascioni opus 345", costruito nel 1922, con sistema di trasmissione pneumatica, poi convertita in elettrica.

Continua la lettura
413

Museo Revoltella

Galleria d'arte moderna sicuramente è il Museo Revoltella, casa dove visse il barone Pasquale Revoltella fino alla morte. Il palazzo fu costruito nel 1858 e successivamente, per ampliare le collezioni, il Comune ingrandì la sede acquistando il Palazzo Brunner al quale poi si affiancò il Palazzo Basevi. Al giorno d'oggi quindi, il museo è composto da tre palazzi con un totale di area espositiva pari a 4000 metri quadrati. Le opere esposte all'interno sono oltre 350 tra dipinti e sculture di autori italiani e artisti del Friuli-Venezia Giulia. Per informazioni su orari e biglietti, è possibile consultare il sito.

513

Molo Audace

Sulle rive di Trieste, al centro della città, troviamo il molo Audace che separa il bacino di San Giorgio dal bacino di San Giusto del Porto Vecchio. La storia del molo è particolare: nel 1740 a seguito dell'affondamento della nave San Carlo vicino alle rive di Trieste, si è deciso di costruire sul relitto il Molo che fu intitolato appunto al Santo. Successivamente poi, nel 1918, la prima nave della Marina Italiana ad attraccare al molo fu il cacciatorpediniere "Audace" e in ricordo di tale avvenimento venne cambiato il nome al molo. All'estremità della costruzione, troviamo una rosa dei venti in bronzo.

613

Risiera di San Sabba

Non tutti sanno che la Risiera di San Sabba è stat un lager nazista utilizzato per la detenzione, transito ed eliminazione di numerosi prigionieri politici ed ebrei. All'interno del Campo di concentramento vi è anche un forno crematorio rudimentale, realizzato per l'essiccazione del riso, che veniva utilizzato per bruciare i cadaveri. Nel 1965 la Risiera è stata dichiarata monumento nazionale e ad oggi possono essere visitati la "cella della morte", le 17 celle dove venivano rinchiusi i prigionieri, l'edificio con ben quattro piani e il forno crematorio.

713

Canal Grande di Trieste

Al centro del Borgo Teresiano vi è un canale navigabile: il Canal Grande di Trieste, realizzato nel 1754-1756. Sul canale affacciano il fianco del palazzo Aedes (il "grattacielo rosso"), la sede espositiva del palazzo Gopcevich, la neoclassica chiesa di Sant?Antonio Taumaturgo, il caffè Stella Polare, il tempio serbo-ortodosso della Santissima Trinità e di San Spiridione, il fianco del palazzo Genel e del palazzo Carciotti. Inoltre, il canale è attraversato da due ponti: il Ponte Rosso, costruito in legno nel 1756 e il Ponte Verde, costruito in ferro nel 1858.

813

Civico museo Sartorio

Il Civico Museo Sartorio ha origine dalla Famiglia Sartorio che nel 1775 apriì una filiale di commercio a Trieste e affidandola a Pietro Sartorio. L'ultima erede, lasciò poi la villa, costruita alla fine del 1600, al Comune affinché divenisse un museo con tutto il suo arredamento. Al giorno d'oggi infatti, il Civico museo custodisce arredi ed oggetti d'epoca, ceramiche, quadri e libri. Per informazioni su orari e biglietti, è possibile consultare il sito.

913

Kleine Berlin

Dal nome la cui traduzione è "Piccola Berlino", la Kleine Berlin è il più esteso complesso di gallerie sotterranee della seconda guerra mondiale. Il complesso si trova al centro della città ed è formato da due settori distinti ma comunicanti: la parte costruita dagli italiani e utilizzata come rifugio antiaereo per la popolazione civile e la parte costruita dai tedeschi e adibita a deposito.

1013

Castello di San Giusto

Restaurato nel 2000 e con struttura risalente al XV secolo, il Castello di San Giusto è una fortezza-museo collocata sul colle di San Giusto. Per entrare all'interno potremo utilizzare il ponte levatorio e noteremo fin da subito le numerose iscrizioni storiche e lapidi commemorativi, oltre che gonfaloni militari e stemmi di famiglie. Noteremo quindi camminando all'interno il museo delle armi, le antiche postazioni di tiro e la guardiola. Al giorno d'oggi il castello viene utilizzato per manifestazioni culturali e di spettacolo. Per informazioni su orari e biglietti, è possibile consultare il sito.

1113

Castello di Miramare

Residenza della corte Asburgica, il castello di Miramare venne costruito nell'omonimo quartiere di Trieste ma ben presto diventò un Museo Storico. Affacciato sul golfo di Trieste, all'interno del castello troviamo una particolare raccolta di vasi orientali e potremo ammirare anche le stanze del Duca Amedeo d'Aosta con arredi in stile razionalista. Ad oggi l'intero museo e tutte le camere sono ben conservati e mantengono gli arredi originali risalenti al XIX secolo. Per informazioni su orari e biglietti, è possibile consultare il sito.

1213

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Weekend a Napoli: cosa vedere in due giorni

Napoli, città accogliente e suggestiva, è nota per la pizza e la musica neo-melodica. Situata nell'omonimo golfo ai piedi del Vesuvio, ogni anno accoglie moltissimi turisti da tutto il mondo. Oltre alla gastronomia, Napoli offre ai suoi visitatori paesaggi...
Italia

Weekend a Venezia: cosa vedere in due giorni

In questo articolo di oggi parleremo di cosa vedere in in due giorni in un weekend nella romantica Venezia. E' una delle città italiane che attira tantissimi turisti tutti gli anni, provenienti da ogni parte del mondo, che vogliono ammirare le particolarità...
Italia

Cosa vedere a Padova in un weekend

Padova, città meravigliosa del Veneto, è sicuramente una delle mete che attrae più turisti. "Venezia la bella, Padova è sua sorella": basta sentire questo detto popolare per comprendere quali bellezze ed attrazioni ci siano in questo luogo. In questo...
Italia

Come visitare Trieste in 2 giorni

Trieste è il capoluogo del Friuli Venezia Giulia, la regione dell'Italia che confina con la Slovenia e l'Austria. Da sempre è una città cardine per il commercio e la storia della nostra nazione, porta sull'est e sui paesi slavi, ed importante scalo...
Italia

I migliori posti per mangiare a Trieste

Trieste è una graziosa città del Friuli Venezia Giulia che merita sicuramente una visita. Se vi trovate da queste parti non dovete assolutamente perdere il centro storico, con il Teatro Romano, nonchè la Cattedrale di San Giusto e una passeggiata lungo...
Italia

Cosa vedere a Parma in un weekend

Parma è una delle città più importanti dell'Emilia Romagna, antica sede universitaria e centro culturale e artistico di primo livello. La città ha un'importanza storica notevole visto che è stata capitale del Ducato di Parma e Piacenza, e tutt'oggi...
Italia

Cosa vedere a Lucca in un weekend

Storia, cultura e amore per l’arte questa è Lucca. Il capoluogo toscano può soddisfare le esigenze di chiunque voglia trascorre un week end sereno in una delle città d'arte più belle d'Italia. Ricca di chiese e di monumenti, offre anche alternative...
Italia

Cosa vedere a Mantova in un weekend

Mantova è una città della Lombardia che ha visto il suo massimo splendore sotto il domino della famiglia Gonzaga tra il 1300 e il 1700 circa. Grazie a questa famiglia facoltosa Mantova si ritrovò a ospitare talentuosi artisti quali Leon Battista Alberti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.