5 motivi per non vivere in Giappone

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Il Giappone è sicuramente uno dei Paesi tecnologicamente più all'avanguardia ma in grado, al tempo stesso, di conservare e difendere con forza, una propria identità religiosa e culturale che permea il tessuto sociale e la vita quotidiana dei suoi abitanti. Molti sono attratti dallo stile di vita giapponese, altri ritengono che sia fondamentalmente molto diverso da quello europeo e quindi non adatto ad un abitante del vecchio continente. In questa guida si esaminano i 5 motivi per non vivere in Giappone.

25

Uno dei primi conflitti che possono sorgere tra europei, in questo caso italiani che vanno a vivere in Giappone e gli autoctoni, è uno scontro di mentalità. I giapponesi tendono ad essere caratterialmente molto pacati e poco inclini allo scontro verbale o al semplice scambio di pareri contrastanti, tendono a nascondere all'interlocutore il proprio modo di pensare e mantengono un riserbo e un decoro difficile da intaccare. Sembra dunque complicato per un italiano poter stabilire un rapporto di amicizia o anche di amore con le persone del luogo. È buona norma ricordare che ciò non vuol che sia impossibile!

35

Un punto da prendere in considerazione è la difficoltà incontrata da molti italiani nello svolgere mansioni giornaliere come attivare una carta di credito o cambiare operatore telefonico o anche affittare un appartamento o comprarlo. Ad esempio sebbene non ci sia il bisogno di interpellare un garante giapponese, gli appartamenti per gli stranieri risultano essere più costosi e le difficoltà per attivare una carta di credito sono enormi soprattutto per l'abissale differenza che c'è tra la burocrazia giapponese e la nostra.
Il Giappone, come ogni altro paese, ha i propri pregi e i propri difetti e così anche i suoi abitanti. Ciò non vuol dire che sia un paese invivibile! In questa guida si è voluto spiegare solamente la differenza di mentalità (che non a tutti potrebbe piacere) e le difficoltà di tipo burocratico superabili con una maggiore conoscenza delle norme del paese.

Continua la lettura
45

Sempre a proposito dello "scontro" di mentalità, è difficile per l'italiano comprendere il concetto di famiglia in Giappone. L'uomo medio giapponese cerca la scalata sociale e quindi un buon lavoro per trovare una buona moglie, che sia una degna madre dei suoi figli, dunque sono comuni i matrimoni combinati. La vita dell'uomo giapponese ruota intorno al concetto di dovere. Il dovere di sposare la donna adeguata, il dovere di mantenere la famiglia ecc.

55

Passando invece, ad argomentazioni di carattere pratico bisogna ricordare che il mondo del lavoro in Giappone è arduo. I giorni di ferie sono circa dieci nel corso dell'anno e la malattia molto spesso non viene retribuita. Inoltre è normale lavorare anche oltre l'orario stabilito, non per imposizione ovviamente! Dunque è naturale protrarsi in ufficio fino a notte inoltrata e fare tante ore di straordinario.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Asia

Come vivere in Giappone

Vivere in Giappone risulta certamente un'esperienza entusiasmante. La nazione del sol levante, infatti, presenta diverse caratteristiche che attraggono inevitabilmente gli stranieri di tutto il mondo. Per un occidentale, tuttavia, lo shock culturale può...
Asia

Vivere in Giappone: info e consigli

La prospettiva di cambiare luogo di residenza spesso spaventa, soprattutto quando ci costringe a trasferirci in Paesi totalmente diversi dal nostro. È una decisione molto importante che però va presa con attenzione, pianificando tutto nei minimi dettagli....
Asia

5 motivi per visitare il Giappone in inverno

Il Giappone è uno dei Paesi del mondo più affascinanti, poiché riesce a fondere insieme modernità e tradizione in un connubio unico e inimitabile. Durante l'Inverno spesso si prediligono mete esotiche e marittime, quali possono essere i Caraibi o...
Asia

10 motivi per andare a vivere in Cina

Molte persone si saranno trovate nella condizione di voler andar via dal proprio paese e andare a vivere lontano. Se questo desiderio si limita a essere solo un sogno legato all'eccessivo stress da lavoro o dovuto alla routine, allora potreste sognare...
Asia

10 motivi per andare a vivere a Dubai

Sono molte le persone che non conoscono Dubai, ma sono tante quelle che invece conoscono l’aeroporto per via delle moltissime volte in cui vi si fa scalo per raggiungere altre destinazioni. Ma il farci scalo limita l’opportunità di passare qualche...
Asia

5 motivi per non vivere negli Emirati Arabi

Gli Emirati Arabi Unti sono uno stato del sud-est della penisola araba, nell'Asia sud-occidentale. Esso è composto da sette emirati tra cui i più conosciuti sono Dubai e Abu DhabiGli Emirati Arabi sono famosi in tutto il mondo per l'alta qualità della...
Asia

10 motivi per andare a vivere in Egitto

Negli scorsi mesi è stato reso noto un interessante studio redatto da Expat Insider per stilare una lista dei migliori paesi in cui può vivere e lavorare un “expat”, cioè una persona che si trova nella condizione di doversi trasferire all'estero,...
Asia

10 cose da non perdere in Giappone

Il Giappone è uno dei posti più pittoreschi e incantevoli della terra, dove perdersi in tante fantasticherie e in luoghi unici dove sviluppare la propria fantasia e vivere giorni rilassanti nei complessi termali o nei luoghi più remoti dell'Arcipelago....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.