Bangladesh: usanze e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Il Bangladesh (paese del bengala, in lingua bengalese) conosciuto in via ufficiale come "Repubblica popolare del Bangladesh" è un paese asiatico, racchiuso interamente tra l'India e la porzione di oceano indiano del golfo del Bengala, tranne per una piccola striscia di terreno, situata ad occidente, che confina con la Birmania.
Situato geograficamente sulla pianura del delta del fiume Gange, il paese è molto densamente popolato (più di 168 milioni di abitanti su una superficie di poco superiore a 147.000 km quadrati, all'incirca la metà della superficie italiana).
In questa breve guida che riguarda le usanze ed i costumi del paese, tenterò di fornire un quadro sintetico, esaustivo il più possibile, attraverso alcune nozioni storiche, geografiche e sociologiche, al fine di comprendere meglio il tema.

24

Il clima locale è tropicale monsonico: gli inverni (periodo marzo-ottobre) sono miti, mentre la stagione estiva è torrida. Da giugno ad ottobre, frequenti ed abbondanti sono le piogge, favorite dai venti monsonici. Prendendo in considerazione che la quasi totalità del territorio si trova ad un'altitudine inferiore ai 12 metri sul livello del mare, ed il particolare regime climatico, ecco spiegata l'elevata frequenza di calamità naturali, quali inondazioni, tornado, cicloni, alluvioni e smottamenti, favorite anche dall'intensa attività umana. La deforestazione ha prodotto un costante fenomeno di erosione del terreno, il quale tende ad amplificare gli effetti delle piogge torrenziali.
Queste cause naturali, unite a svariati problemi di cattiva gestione economica delle risorse disponibili, hanno reso il paese povero ed arretrato rispetto agli standard mondiali.
La principale fonte di sostentamento della popolazione è rappresentata dall'agricoltura (coltivazione di tè, senape, juta, riso) e dall'industria tessile, che negli ultimi anni sta facendo registrare notevoli passi in avanti, anche grazie ai consistenti investimenti stranieri. Nel complesso, l'economia, nonostante il livello di partenza non sia dei migliori, è in forte crescita, anche grazie alla diffusione del microcredito, all'espansione dei consumi interni ed allo sviluppo di un recente tessuto urbano, entro il quale si sta sviluppando una solida classe media sul modello occidentale.

34

La nazione ha una storia millenaria, durante la quale varie entità etniche e religiose si sono susseguite alla guida del paese, lasciando di volta in volta segni indelebili sulla cultura e sulle tradizioni del popolo. All'incirca quattromila anni fa, un miscuglio di popolazioni di stirpe birmana, tibetana, dravidica e proto-asiatica era originariamente stanziato sul territorio. In seguito, l'invasione di genti indiane, modificò gli equilibri storico-culturali presenti, egemonizzando la classe dirigente attraverso l'istituzione del regno Magadha e dell'impero Maurya, fin quando la dinastia Pala, di religione buddhista, salì al potere. Dopo quattro secoli al comando, le conquiste musulmane portarono ad una rapida islamizzazione del paese, che persiste tuttora.
Al giorno d'oggi la principale religione professata è l'islam (88% della popolazione) seguita dall'induismo (circa il 9%), mentre il rimanente 3% è suddiviso tra piccole minoranze buddhiste e cristiane. Il paese garantisce comunque il rispetto di tutte le confessioni religiose.
La quasi totalità della popolazione è di etnia bengalese, con piccole minoranze provenienti da India e Birmania. Il tasso di alfabetizzazione è piuttosto basso, in rapporto al mondo occidentale (solamente il 41% della popolazione è in grado di leggere e scrivere) e la speranza di vita media è di 63 anni circa.

Continua la lettura
44

La prevalenza della componente musulmana sul territorio non ha completamente oscurato le antiche tradizioni buddhiste e indu, che sono ancora seguite prevalentemente nelle zone rurali del territorio.
L'abito tradizionale degli uomini è il "lungi" una sorta di gonna lunga, indossato in particolari occasioni religiose, anche se per la maggior parte l'abbigliamento occidentale ha soppiantato quello tradizionale. Per le donne è invece ancora tenuto in grande considerazione il "sari", abito tipicamente di origine indiana.

Piatti tipici della cucina tradizionale sono a base di riso e curry, con pesce, carne di agnello o manzo condito con spezie (pepe, zafferano, coriandolo tra le principali), spesso unite a uova, patate, pomodori e melanzane, tra cui si possono ricordare il Panta Ilish, Chômchôme e Kalojam.
La musica popolare è originata dalla fusione tra induismo ed islam, ed utilizza strumenti quali ektara, flauto e tabla.
Popolarissima è la danza di origine tribale di tradizione Baul, che accompagna esibizioni musicali liriche e strumentali.
Vastissimo è inoltre il panorama letterario, con una vasta tradizione poetica e di stampo religioso. Tra le principali figure letterarie meritano un posto di rilievo i poeti Rabindranath Tagore e Kazi Nazrul Islam.
Nel complesso il Bangladesh è un paese di evidenti contrasti tra la modernità che tenta di aprirsi un varco e le millenarie tradizioni, contaminate dalla presenza di culture ed ideologie distanti e spesso contrapposte.
Una nazione povera ma in forte sviluppo, dai paesaggi incantevoli ma spesso malsani, dalle forti spinte innovative scientifico-culturali che si scontrano con attriti causati da leggi religiose e frequenti affronti ai diritti umani (soprattutto quelli delle donne).

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Asia

Come aprire una società in Bangladesh

La Repubblica Popolare del Bangladesh è uno stato asiatico confinante per la maggior parte dall'India e da una piccolissima parte al sud con la Birmania. Con i suoi quasi 169 milioni di abitanti, è uno dei paesi più sovraffollati e con un tasso molto...
Europa

Emirati Arabi Uniti: usanze e costumi

Nella Penisola araba si trova lo Stato degli Emirati Arabi Uniti. Precisamente nell'Asia sud-occidentale. Tale stato è bagnato dal Golfo di Oman a nord, mentre dal Golfo Persico a sud-est. È una federazione formata da sette emirati unificati che partendo...
Asia

Arabia Saudita: usanze e costumi

L'Arabia Saudita occupa circa l’80% della penisola araba. Essa si affaccia sul Mar Rosso e sul Golfo Persico. Confina con Giordania, Iraq, Kuwait, Qatar, Emirati Arabi, Oman e Yemen. Riyad è la capitale del paese. Altre città importanti sono Gedda,...
Africa

Gambia: usanze e costumi

La Repubblica del Gambia è il più piccolo Stato dell'Africa occidentale. Il Paese gode di un clima tropicale e negli ultimi anni ha avuto un notevole incremento nel campo del turismo. In questo lembo di terra convivono pacificamente (sono davvero rari...
Asia

Bhutan: usanze e costumi

Una regione asiatica localizzata nella cartina Himalayana, il Bhutan confina a nord con la Cina e a sud con l'India. La capitale è Thimphu, situata nella regione centrale. Il nome completo di questo Stato è Regno del Bhutan. La popolazione è di circa...
Africa

Ciad: usanze e costumi

A sud del Sahara, si estende una fascia di paesi che formano una regione tra il deserto e la Savana. Tra questi vi è il Ciad una nazione che dopo una serie di colpi di Stato, è diventata indipendente dal 1960 con una repubblica presidenziale. A tale...
Asia

Turkmenistan: usanze e costumi

Il Turkmenistan è uno stato ubicato in Asia centrale, il quale faceva parte dell'Unione Sovietica fino al 1991. È confinante con l'Iran, l'Afghanistan, l'Uzbekistan, il Kazakistan e l'Uzbekistan, affacciandosi sul mar Caspio. Ha come capitale Ashgabat,...
Asia

Malesia: usanze e costumi

Lo Stato è formato dalla Malesia Occidentale o Peninsulare, da quella Orientale e dalla Zona Federale di Kuala Lampur. La Malesia Occidentale confina con Singapore e la Thailandia mentre quella Orientale con il Brunei e l'Indonesia. Con quesa semplice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.