Camerun: usanze e costumi

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il Camerun è, dal punto di vista culturale, uno dei più importanti e variegati Paesi dell'Africa centrale. Nato ufficialmente nel 1961 dalla fusione delle colonie inglesi con quelle francesi, questo stato è un esempio di come le tradizioni delle popolazioni indigene abbiano influenzato lo stile di vita, le usanze e i costumi dei suoi abitanti, pur essendo molto differenti tra loro. A differenza di altri Stati africani, il Camerun è riuscito a svilupparsi sotto il punto di vista commerciale e dell'agricoltura, essendo stabile sotto il punto di vista sociale e politico.

24

Le lingue ufficiali del Camerun

Le lingue ufficiali del Camerun, sono l'Inglese, parlato prevalentemente nelle regioni dell'ovest, ed il Francese, parlato dall'80% della popolazione. Esistono però più di 200 minoranze linguistiche e comprendenti anche una ventina di dialetti, tra cui il tedesco ed altre lingue appartenenti agli idiomi africani, come lo Hausa, usato come seconda lingua, la lingua Njen e la lingua Fulah. I Fulani sono una delle principali etnie che si trovano in Camerun e comprendono gli Mbororo, famosi per le scarnificazioni sui loro volti. Agricoltura, raccolta e caccia sono i loro mezzi di sussistenza. Altre culture importanti sono quelle dei Fang, Koma, Beti e Bamiléké.

34

Il modo di vestirsi

Le popolazioni delle città indossano solitamente abiti che seguono lo stile europeo, anche se influenzati dalla cultura locale; prevalgono colori come il rosso ed il giallo, tipici dell'Africa. Nelle tribù locali il modo di vestirsi segue ancora lo stesso stile dell'epoca precedente la colonizzazione europea. Alcuni popoli, come i Koma, utilizzano le pelli per crearsi indumenti, specie gli uomini, mentre le donne sono solite coprire solo la zona pubica con delle foglie. Gli abiti di molte altre popolazioni sono invece di colori sgargianti e vivaci, come l'azzurro e il verde, e includono anche copricapi di vario tipo e accessori vistosi come grandi orecchini, collane, bracciali e cavigliere. Tradizione di alcune etnie è quella dipingersi il viso o altre parti del corpo.

Continua la lettura
44

La cucina tradizionale camerunese

Il cibo tipico della cucina tradizionale camerunese consta di un'unica grande portata, che fornisce tutti gli elementi nutritivi per un'alimentazione completa. Il pesce (e crostacei come i gamberi) e la carne sono alimenti immancabili nella dieta dei camerunensi, infatti molti piatti sono a base di questi due alimenti, come il mbongo, pesce bollito, e il ntomba nam, a base di carne. Anche vegetali, come patate, riso, manioca, igname e verdure a foglia fanno parte della cucina di queste popolazioni. I condimenti sono spesso composti da bacche, salse, arachidi e spezie. I piatti più noti sono il fu-fu condito con djama-djama, una sorta di polenta con riso, verdure e foglie di mirtillo, il cous-cous, il toucunì, di patate e verdure, e lo n'dolè, fatto di verdura condita con spezie di vario tipo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Sudamerica

Le lingue più parlate in Africa

Ioannis Ikonomou è un uomo di cui probabilmente non avete mai sentito parlare. E questo è un po' un peccato perché il suo particolare talento naturale è unico. Ioannis lavora per l'Unione Europea come linguista e traduttore e parla... 32 lingue. Inclusa...
Africa

Gabon: usi e costumi

La Repubblica Gabonese, più comunemente chiamata Gabon, è uno Stato dell'Africa centrale attraversato dall'equatore. Confina con il Camerun, la Repubblica del Congo, la Guinea Equatoriale ed il Golfo di Guinea che la collega all'Oceano Atlantico. È...
Africa

Gli stadi più grandi d'Africa

Lo sport è una delle principali risorse del continente africano. Conosciamo bene i maratoneti africani prevalentemente provenienti dal Kenya a cui si aggiungo ottimi giocatori di calcio. Le squadre africane, negli ultimi decenni, sono venute prepotentemente...
Africa

Niger: usanze e costumi

Il Niger è uno Stato dell'Africa Occidentale confinante a nord con la Libia e l'Algeria, ad est con il Ciad, a sud con il Benin e la Nigeria ed a ovest con il Mali e il Burkina Faso. Il suo nome si deve al fiume Niger che attraversa il paese con la sua...
Asia

Palestina: usanze e costumi

La Palestina include lo Stato di Israele e i territori Palestinesi. È una realtà diversa dall'Italia. Per capire le usanze e costumi bisogna vivere in quei posti. Come sappiamo, la Palestina fin dai tempi antichi è stata abitata da popolazioni di origine...
Africa

Sudan: usi e costumi

L'Africa è il continente che ha conservato di più i suoi paesaggi naturali, quindi senza subire l'urbanizzazione massiccia. Questo riguarda soprattutto gli Stati centrali del continente, dove c'è una minore presenza di insediamenti umani. Uno di questi...
Africa

Gambia: usanze e costumi

La Repubblica del Gambia è il più piccolo Stato dell'Africa occidentale. Il Paese gode di un clima tropicale e negli ultimi anni ha avuto un notevole incremento nel campo del turismo. In questo lembo di terra convivono pacificamente (sono davvero rari...
Asia

Bangladesh: usanze e costumi

Il Bangladesh (paese del bengala, in lingua bengalese) conosciuto in via ufficiale come "Repubblica popolare del Bangladesh" è un paese asiatico, racchiuso interamente tra l'India e la porzione di oceano indiano del golfo del Bengala, tranne per una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.