Che cosa visitare in Valle d'Aosta in una settimana

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La Valle d'Aosta è una delle regioni più belle d'Italia nonostante le sue dimensioni ridotte. Indissolubilmente legata alle Alpi e porta per la Francia, la Valle d'Aosta è un vero gioiello. Si trova ogni sorta di attrazione da quella naturale come appunto le montagne, alla storia, dai castelli agli sport estremi. Per godersi le bellezze della Valle d'Aosta è necessario molto tempo ma se avete a disposizione almeno una settimana, avrete la possibilità di visitare diversi posti incantevoli e apprezzare anche l'ottima cucina locale. Ecco che cosa visitare in Valle d'Aosta in una settimana.

24

Visitate Aosta

Il consiglio principale è quello di alloggiare ad Aosta, il capoluogo, in modo da avere a disposizione tutte le comodità della città. Per i primi due giorni vi conviene visitare Aosta iniziando da Porta Pretoria e continuando con il bellissimo teatro romano e il Fronte di Bard. Queste rovine risalgono ai tempi dell'Impero e sono il simbolo di Aosta denominata la Roma delle Alpi. Sono pregevoli e vetusti segni del glorioso passato di Aosta e meritano una visita. Per completare la giornata dedicata alla storia, visitate l'interessantissimo Museo Archeologico Regionale. Il secondo giorno concedetevi un po' di tempo libero per acquistare souvenir e gustare qualcosa di tipico e gustoso. Visitate la bellissima piazza con il Municipio e la sua facciata neoclassica e ammirare il magnifico Hôtel des États proprio accanto al municipio. Da non perdere la cattedrale di Santa Maria Assunta con il suo chiostro e il museo del Tesoro.

34

Visitate i castelli

Dedicate il terzo e il quarto giorno alla visita a due dei più bei castelli di Aosta ovvero il castello di Fenis e quello d'Issogne. Il primo è famoso non solo per essere molto grande ma c'è anche la presenza di numerose torri e la cinta muraria merlata. Da notare le cucine, la sala d'armi e la sala da pranzo. C'è anche il cortile con una cisterna antichissima. Non tralasciate di visitare il castello d'Issogne con i mobili medievali e all'esterno un albero in ferro battuto. Pare che girare tre volte attorno all'albero porti fortuna.

Continua la lettura
44

Visitate la montagna

Dedicate gli ultimi tre giorni alla visita della montagna. Anche se ha un passato storico di tutto rispetto, la valle d'Aosta è soprattutto montagna. Potete noleggiare una bici e avventurarvi sui sentieri più facili come quello della Val di Nona e godervi un po' d'aria pura. Se amate lo sci ed è la stagione giusta, fate una bella sciata sul Monte Bianco. Trovandovi ad Aosta città, potete prendere la seggiovia della Pila. Potete ammirare il magnifico Monte Rosa con il famoso Dente del Gigante e a volte si può persino vedere il mar di Liguria. Non lasciate Aosta senza aver assaggiato la fonduta e bevuto il grappa nella grolla. Buon viaggio!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Valle d'Aosta: come muoversi e cosa visitare

La Valle d'Aosta è diventata la meta ambita da tanti amanti della natura. Sono sempre di più le persone che ci si recano in ogni periodo dell'anno per visitarla e godere delle sue bellezze. In effetti è difficile star lontani da una regione così,...
Italia

10 consigli per organizzare un viaggio in Valle D'Aosta

La Valle D' Aosta, autentico tetto d'Europa, è la più piccola delle Regioni italiane che presenta alcune tra le vette più imponenti del continente fra cui le cime più alte delle Alpi. Per godersi al meglio le bellezze naturali e paesaggistiche della...
Italia

Guida ai castelli della Valle d'Aosta

I castelli della Valle d'Aosta sono fortezze immerse nel panorama alpino, spesso circondate da ostacoli naturali. Questo perché buona parte delle fortificazioni di questa regione erano nate con uno scopo puramente difensivo, specialmente quelle risalenti...
Italia

Vacanze green in Valle d'Aosta

Vacanze in Valle d’Aosta. Un tesoro tutto da scoprire, laddove l’evoluzione tecnologica dell’uomo non è riuscita ad arrivare, permettendo di conservare i tesori che la terra ci ha donato. Qui, la regione più piccola d’Italia, risulta, a coloro...
Italia

Come fare trekking in Valle d'Aosta

La Valle d'Aosta si trova nell'estremo nord-occidentale del territorio italiano e confina ad ovest con la Francia, a nord con la Svizzera, a sud e a est con il Piemonte. È la Regione più piccola e meno popolata d'Italia, con meno di 130.000 abitanti....
Italia

Cosa e dove mangiare ad Aosta

L'Italia è un paese ricco di posti stupendi da visitare, dove trovare molti luoghi piacevoli e soprattutto la buona cucina. La cucina del nord Italia poi è davvero particolare e deve essere assaggiata assolutamente ameno una volta nella vita. Potrete...
Italia

Le più belle escursioni da organizzare nella Valle d'Itria

Con l'arrivo dell'estate, tutti programmano delle belle e gradevoli vacanze per consentirsi il meritato riposo dopo mesi di impegnativo lavoro! Sia che si tratti di mare, sia che si tratti di montagna o di zone collinari, l'importante è organizzare una...
Italia

I piatti caratteristici della valle d'Itria

La Valle d'Itria è uno dei luoghi più suggestivi e caratteristici del nostro territorio e si trova più specificatamente fra le province di Brindisi, Taranto e Bari. Questa località tutta pugliese nasconde anche i più che caratteristici trulli pugliesi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.