Come E Cosa Visitare A Correggio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Correggio si trova nella media pianura emiliana in prossimità dei torrenti Crostolo e Tresinaro. Il paesaggio antico era caratterizzato da sottili strisce di terreno, isolate da stagni e boschi. Su questi cordoni di terra chiamati corrigiae, da cui presumibilmente è derivato il toponimo della città, ha origine il centro abitato di Correggio. Chi conosce un minimo di storia dell'arte avrà sentito nominare quasi sicuramente il pittore Antonio Allegri, il cui soprannome deriva proprio da questa cittadina, in cui nacque e in cui dipinse le sue prime opere: Correggio. Questo paese gode quindi di più motivi per cui vale la pena di essere conosciuto. Vediamo come e cosa visitare in questo posto speciale.

24

Cominciamo con il dire che pur non essendo grandissimo, è consigliato un abbigliamento pratico e scarpe comode. Iniziamo la nostra visita dal Borgovecchio, dove troviamo antiche case porticate e la chiesa di Santa Maria della Misericordia, con un portico settecentesco, mentre il fianco destro mostra tracce quattrocentesche. In prossimità troviamo la cosiddetta casa del Correggio, rustico edificio ricostruito nella 1755 sulla vecchia casa del pittore Antonio Allegri, detto il Correggio, che qui ebbe i natali. Nelle vicinanze possiamo ammirare il bastione di Carlo V, dominato da un edificio novecentesco a torre, in stile floreale.

34

Seguendo la strada che costeggiava le mura, si esce nel Piazzale di Porta a Modena, da cui si prende il corso Mazzini per giungere al Palazzodella Ragione, sormontato da una torretta con l'orologio pubblico. Ai piedi possiamo ammirare il Monumento ai Caduti. Lungo i portici del corso troviamo il settecentesco Palazzo Comunale, mentre sulla laterale via Antonioli abbiamo il Palazzo Contarelli. La stessa via porta alla piazza S. Quirino, ornata dal monumento al Correggio.

Continua la lettura
44

In piazza San Quirino abbiamo la Collegiata dei santi Michele e Quirino. Non lontano da qui abbiamo il Palazzo dei Principi, la più alta espressione della Rinascenza a Correggio, forse attribuibile a Biagio Rossetti. Molto interessante risulta la visita del bel cortile d'onore. Dallo scalone invece si accede gli appartamenti signorili, ora occupati dalla biblioteca comunale e dal museo civico. Terminiamo la nostra visita con l'istituto Contarelli, al cui interno possiamo ammirare la tempera su tela del "Redentore", opera di Andrea Mantegna. Dietro il palazzo si estende il giardino pubblico, in parte sul tracciato delle mura.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

10 musei europei imperdibili

Perdersi tra le stradine sconosciute, immergersi nelle tradizioni del posto, visitare chiese e musei: tantissime sono le cose da fare durante i soggiorni nelle città europee e non. I musei, in particolare, esercitano un particolare fascino attraendo...
Consigli di Viaggio

Budapest: cosa vedere in tre giorni

Budapest, capitale dell'Ungheria, è una delle mete più gettonate per le vacanze di noi italiani, soprattutto quando non abbiamo molti giorni a disposizione. Ma cosa bisogna vedere in soli tre giorni in una città come questa? Quelli che seguono vogliono...
Europa

Come e cosa visitare a Parma

Parma è una fiorente cittadina dell' Emilia-Romagna, conta circa 186.000 abitanti ed è a metà strada tra Milano e Bologna, considerate due città cardini dell'Italia settentrionale. Questa è una guida che cerca di sintetizzare le innumerevoli bellezze...
Italia

I 10 borghi più belli del Centro Italia

Come tutti ben sappiamo, l'Italia dispone di un patrimonio storico, artistico e culturale da far invidia a tutto il mondo. Non vi sono solo le grandi città ricche di monumenti storici, ma anche centri più piccoli, lontano dal caos della città, ma ciò...
Europa

Come e cosa visitare a Cuneo

In questa guida vi spiegherò come e cosa visitare a Cuneo, il cui nome deriva proprio dal pianoro dalla caratteristica forma a cuneo tra il fiume Stura e il torrente Gesso. La città fu fondata alla fine del 1100 dagli abitanti di Caraglio e fu poi distrutta...
Europa

Come Trascorrere Una Giornata Ad Amelia

Quando si decide di viaggiare bisognerebbe tener conto anche dei numerosi luoghi ricchi di storia e cultura presenti in Italia. Infatti la nostra nazione è disseminata di numerosissimi piccoli centri che possono essere tranquillamente visitati, per goderne...
Europa

Come e cosa visitare a Narni

Narni è una piccola ma bella cittadina nel cuore dell'Umbria, a Terni. Si tratta di una città abitata fin dall'era neolitica, con le prime costruzioni importanti nate nel 300 av. Cristo per opera dei romani, ma la città è realmente sbocciata durante...
Italia

Cosa visitare in Valsolda: i luoghi di "Piccolo mondo antico"

Valsolda è un piccolo comune italiano in provincia di Como, che si affaccia sul Lago di Lugano ed è costituito da numerose frazioni. Dalla popolazione locale viene chiamata anche Ceresio e ne vale la pena visitarla. Conta poco più di 1600 abitanti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.