Come E Cosa Visitare A Salerno

Tramite: O2O 17/10/2018
Difficoltà: difficile
111

Introduzione

Quando pensiamo a una bella vacanza in Campania, ci sovviene automaticamente Napoli, la città del Vesuvio, del Maschio Angioino, di Castel dell'Ovo e di Piazza Plebiscito. Ma questa regione non ospita solo la città partenopea. Anche Salerno, per esempio è un capoluogo di provincia non certo meno affascinante di Napoli. Salerno è la provincia territorialmente più estesa della regione ed è considerata la città con il grado di vivibilità più elevato della Campania. È conosciuta soprattutto per merito della Costiera Amalfitana, che attira ogni anno milioni di turisti provenienti da ogni parte del mondo. Ma, oltre a questo spettacolo naturale, la città ha molto altro da offrire ai suoi visitatori. Vediamo allora, attraverso i passi della seguente guida, come e cosa visitare a Salerno. Buona lettura!

211

Occorrente

  • Macchina fotografica
  • Mappa della città
  • Scarpe comode
  • Biglietti per mezzi di trasporto
  • Biglietti d'ingresso per monumenti
311

Acquedotto Medievale

Un ottimo punto di partenza per visitare Salerno, è quello di iniziare dalle porte del Centro Storico. Qui si trova, infatti, l'Acquedotto Medievale, chiamato anche Ponti del Diavolo. La leggenda narra che sia stato eretto in una sola notte, grazie all'aiuto di spiriti malvagi, da Pietro Barliario, medico e alchimista vissuto a cavallo tra l'XI e il XII secolo. La credenza popolare vuole che camminare sotto gli archi tra il tramonto e l'alba, porti all'incontro di demoni.

411

Pinacoteca Provinciale di Salerno

Allontanandosi dall'acquedotto e dirigendosi verso le strade principali di Salerno, vi imbatterete in Via de' Mercanti, antichissima strada che ospita la Pinacoteca Provinciale di Salerno. La galleria è situata al primo piano di Palazzo Pinto, un edificio del XVII secolo residenza di una delle più famose famiglie salernitane. La mostra è suddivisa cronologicamente in tre sezioni: dal XV al XVIII secolo, Salernitani e Costaioli, e Artisti stranieri. Se siete amanti della storia della medicina, approfittate per visitare il vicinissimo Museo Virtuale della Scuola Medica Salernitana.

Continua la lettura
511

Duomo di Salerno

Dopo esservi beati delle meraviglie della pinacoteca, proseguite la vostra visita dirigendovi all'incrocio con Via Duomo fino a raggiungere la Cattedrale di Salerno, collocata in Piazza Alfano I. Essa venne costruita in stile romanico nel'XI secolo e, in seguito, più volte modificata, con diverse aggiunte barocche. All'interno della cattedrale, dovrete assolutamente visitare la cripta, dove è custodito il ceppo sul quale, secondo la tradizione, furono decapitati tre martiri: Caio, Ante e Fortunato. La leggenda vuole che, adagiando l'orecchio su di esso, si possa ancora sentire il rumore del sangue che scorre.

611

Complesso di Santa Sofia

In Piazza Abate Conforti, poco distante dalla cattedrale, si trova il Complesso Monumentale di Santa Sofia, costruito alla fine del X secolo. Anticamente, la struttura ospitava l'ordine benedettino, mentre oggi il complesso viene usato principalmente per eventi, progetti e mostre. Tra le mostre ospitate negli anni, ricordiamo quelle di pittori come Picasso, Mirò, Caravaggio, Warhol e Pierluigi Nervi.

711

Giardini della Minerva

Dopo aver lasciato il Complesso di Santa Sofia, continuate lungo via Torquato Tasso fino a raggiungere il Giardino della Minerva. Si tratta di un meraviglioso orto botanico, del XII secolo, appartenuto alla famiglia di Matteo Silvatico, noto medico della Scuola Medica Salernitana ed esperto piante medicinali. Questo luogo fu il primo Giardino Botanico d'Europa per la coltivazioni di piante a scopo medico.

811

Villa Comunale

Una visita va necessariamente fatta alla Villa Comunale di Salerno, sede di diversi eventi e spettacoli durante tutto l'anno. Particolarmente suggestivo è andarci durante il periodo invernale in quanto la Villa Comunale si trasforma in un giardino incantato, grazie alle installazioni luminose dell'evento Luci D'Artista, una mostra di luci artistiche che illuminano Salerno durante le festività di Natale.

911

Castello Arechi

Concluderete la vostra visita salernitana allontanandovi dal centro e dirigendovi verso il Castello Arechi, raggiungibile attraverso bus che partono dalla stazione centrale. Il castello, ben conservato, costituisce un vero esempio di architettura medievale ed è circondato da uno splendido parco con percorsi naturalistici immersi nella macchia mediterranea. All'interno, potrete trovare una sala espositiva, una sala per conferenze e un museo che conserva antichi materiali del castello, come monete e ceramiche. Il Castello Arechi, inoltre, si affaccia sul golfo di Salerno dove potrete godere di una vista mozzafiato che va dalla Costiera Amalfitana fino ad Agropoli.

1011

Guarda il video

1111

Consigli

Non dimenticare mai:
  • È possibile prenotare online i biglietti per i monumenti a pagamento andando, così, a eliminare lunghe file.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come raggiungere e visitare Pompei

Quando si parla di parchi archeologici da visitare in Italia, viene subito in mente il sito di Pompei. La cittadina fu sepolta dalla lava durante l'eruzione del Vesuvio avvenuta nel 79 dc. Che ne determinò la fine. La presenza degli scavi archeologici...
Consigli di Viaggio

Come visitare le Isole Eolie

L'arcipelago delle Eolie si costituisce principalmente da 7 isole maggiori ed altri piccoli isolotti e faraglioni. Rappresentano un'ambita meta turistica sul Tirreno. Appartenengono a Messina e sono ricche di grotte, calette, pareti rocciose e spettacolari...
Consigli di Viaggio

Come visitare il monastero di Santa Chiara di Napoli

Nel territorio italiano sono moltissime le attrazioni che affascinano i turisti di tutto il mondo. Essi scelgono l'Italia perché comprendono il valore dell'arte. Il monastero di Santa Chiara, ad esempio, è un complesso di edifici costituto dalla stupenda...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Gregorio Armeno

Per chi non la conoscesse, San Gregorio Armeno è una famosissima strada del centro storico della città di Napoli. Alcuni esperti di viaggi, giornalisti esperti del settore turistico di qualità di tutto il mondo, la definiscono da decenni una delle...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare il Deutsches Museum di Munchen

Se trascorrerete le vostre prossime vacanze a Munchen, allora meta imperdibile è il Deutsches Museum. È il più grande museo al mondo di scienza e tecnologia. Ogni anno attira milioni di visitatori. Infatti ha ben 28 .000 oggetti riguardanti la tecnologia...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare Foligno

Foligno è la terza città umbra, tra Perugia ed Assisi. Industriosa e moderna, conta circa 57.000 abitanti. Prevalentemente in pianura, si può visitare sia a piedi che in bicicletta. Come e perché trascorrere le vacanze a Foligno? Perché è il più...
Consigli di Viaggio

Arizona: le migliori città da visitare

L' Arizona è uno degli stati tra i più importanti degli Stati Uniti d'America e inoltre fa parte anche degli stati sud-occidentali. Sono numerose le città che fanno parte di questo stato, tra le migliori possiamo trovare le città di Phoenix, Tucson...
Consigli di Viaggio

Come visitare Venezia in un giorno

Venezia è una delle più belle città del mondo, città d'arte di grande valore culturale dal fascino impareggiabile. Venezia richiama il ricordo della mitica città di Atlantide sommersa. Con la differenza che Venezia è la città che affiora dalle...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.