Come e cosa visitare in Sardegna: la Giara di Gesturi ed i suoi cavallini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

L'Italia è ricca di posti incantevoli e rilassanti e si possono scoprire nuovi posti incredibili e senza tempo. Tra le tante meravigliose regioni del bel paese spicca sicuramente la Sardegna per le sue spiagge da sogno ed i paesaggi mediterranei. La Sardegna ha moltissimi luoghi che suscitano stupore, ma non si può fare a meno di visitare la Giara di Gesturi ed i suoi Cavallini. Il piccolo centro di Tuili, che si trova a cinque chilometri a ovest di Barumini, è una delle principali vie di accesso alla Giara di Gesturi. Quest'ultima è un elevato altopiano che si erge per alcune centinaia di metri tra le colline della Marmilla ed è separato dal territorio circostante. Leggendo questo breve tutorial si possono avere alcuni consigli e delle indicazioni su come visitare al meglio questa zona della Sardegna.

24

La pianura

La vasta pianura di 45 Kmq, punteggiata dalla macchia mediterranea e dalle piccole querce di sughero, è l'habitat naturale dei buoi rossi. Essi sono animali tipici della Sardegna ed hanno lunghe corna. Mentre i cavallini selvatici sono di piccola statura, hanno una folta criniera, occhi a mandorla e mantello scuro; attualmente nella pianura ne vivono circa 700. I posti migliori per poterli vedere, specialmente nelle prime ore del mattino oppure nel tardo pomeriggio, sono i laghetti stagionali denominati Pauli.

34

Pauli S'Ala de Mengianu

In inverno questi laghi hanno soltanto un sottile strato di acqua. Essa però evapora quasi completamente durante i mesi più caldi. In alcuni casi, come accade per il Pauli S'Ala de Mengianu, l'acqua si infiltra nelle rocce basaltiche del sottosuolo e sgorga in superficie intorno ai Pauli. Qui solitamente si possono vedere i cavallini che vengono ad abbeverarsi. L'altopiano è caratterizzato da un proprio microclima che favorisce lo sviluppo di alcune specie botaniche.

Continua la lettura
44

I fiori e il terreno

Ciò avviene soprattutto in primavera quando il terreno si copre di erica e sbocciano i fiori delle 15 specie endemiche di orchidee. Questo è un posto fantastico che permette di rilassarsi durante le passeggiate. La pianura è attraversata in lungo e in largo da sentieri, ma ci sono alcune strade sterrate che si possono percorrere in auto. Si possono notare ancora delle pinnette, cioè le capanne utilizzate dai pastori. Esse generalmente sono di forma circolare, in pietra e con tetto di paglia. Scoprire i luoghi della Sardegna significa farsi avvolgere dalle sue ambientazioni senza tempo che sono a stretto contatto con la natura incontaminata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare la Barbagia ed i suoi dintorni

La Sardegna è un'isola meravigliosa e il suo territorio ha una notevole importanza. Essa deve gran parte della sua fama turistica alla bellezza dei suoi paesaggi costieri. Quindi si possono trovare tanti territori ricchi di natura e non deturpati dall'uomo....
Europa

Come e cosa visitare in Sardegna: Villanovaforru, complesso Nuragico di Genna Maria

Nella zona della Marmilla in Sardegna, la pianura del Campidano cede il passo alle colline verdeggianti. Questo luogo è ricco di zone storiche ed archeologiche di grande interesse per gli amanti del genere. In questa guida vedremo come e cosa visitare...
Europa

Come visitare le spiagge di Dorgali in Sardegna

Quando volete organizzare la prossima vacanza estiva e non avete la ben che minima idea, di dove andare, siete capitati nella guida più adatta a voi, e alle vostre esigenze. Infatti durante i passaggi di questa guida, vi spiegheremo passo passo, quale...
Europa

Come e cosa visitare nell'iglesiente in sardegna: miniere di monteponi

Se avete scelto come meta vacanziera l'Iglesiente, in Sardegna, non ve ne pentirete! L'Iglesiente è un paradiso per gli occhi. Ha boschi, miniere e stradine di villaggi fantasma. Se volete avventurarvi nella zona dell'Iglesiente, dovrete raggiungere...
Europa

Come visitare la Costa del Sud della Sardegna

All'interno di questa guida troverete il metodo migliore per conoscere e programmare itinerari unici ed incredibili, su come visitare le Coste del Sud della Sardegna. Parto nel dirvi un promemoria, ovvero che dovete sapere, che l'aspetto più caratteristico...
Europa

Come visitare la Sardegna: dintorni di Olbia e Golfo Aranci

L'Italia è un paese ricco di storia e tradizioni, dove diverse culture si sono scontrate o hanno trovato riparo, creando nel tempo bellissimi posti sopravvissuti fino a noi e che rievocano ancora oggi il profumo di tempi passati ma ancora vividi. Tra...
Europa

Come visitare Bra E I Suoi Dintorni

Ti piace viaggiare e conoscere la nostra bella Italia? Puoi iniziare dal Piemonte, in particolare dalla provincia di Cuneo, dove potrai conoscere la bella cittadina di Bra, situata sulla riva sinistra del Tanaro. Fu fondata dai Longobardi nel XI secolo,...
Europa

Come visitare Il Nuraghe Athetu in Sardegna

Il periodo della civiltà nuragica fu un caposaldo della storia della Sardegna, estendendosi dall'età del bronzo all'epoca romana; le costruzioni tipiche di questa fase furono i nuraghi, massicce costruzioni di tipo megalitico diffusissime in tutto il...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.