Come e perchè visitare Ascoli Piceno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

L'Italia è ricca di mete turistiche, piene di bellezze naturalistiche, artistiche o storiche: alcune sono più note, altre meno, ma non per questo trascurabili! Ad esempio, Ascoli Piceno, capoluogo dell'omonima provincia, è un'importante cittadina delle Marche, piena di cose interessanti da vedere ma poco considerata negli itinerari di vacanza. La sua caratteristica più peculiare è l'impianto urbanistico, caratterizzato da numerose piazze, tra cui la famosa Piazza del Popolo, da numerose chiese e torri, tanto da essere definita proprio "città delle cento Torri". Fu l'antica "Asculum", roccaforte dei Piceni, soggetta a varie signorie ed annessa allo Stato Pontificio. Ecco come e perché visitare Ascoli Piceno.

26

Il centro storico di Ascoli, che ne rappresenta poi anche la parte più suggestiva, conserva un tipico aspetto medievale con vie strette e palazzi; si può girare tranquillamente a piedi, anzi, è sicuramente l'unico modo per godersi le sue tranquille piazze. Se si è arrivati in automobile, attraverso l'antica via Salaria, si può parcheggiare in uno degli appositi spazi predisposti fuori dal centro storico. La visita può partire da Piazza Arringo, che insieme a Piazza del Popolo è una delle due principali: qui si trova la Cattedrale dedicata a Sant'Emidio, patrono della città, la cui imponente facciata è realizzata in travertino, materiale di cui sono fatte anche gran parte delle altre architetture della città.

36

All'interno si può ammirare un maestoso polittico opera di Carlo Crivelli, e poi vale la pena scendere nella cripta della cattedrale, dove è esposta la statua in marmo di Sant'Emidio e sono conservati i suoi resti. Uscendo dalla Cattedrale, proprio accanto si erge un antico Battistero realizzato in stile romanico, che conserva un fonte battesimale del XIV secolo: purtroppo non è aperto che in rari periodi dell'anno mentre la chiesa si può trovare aperta quotidianamente, tranne che all'ora di pranzo. In piazza Arringo si trova anche il Palazzo dell'Arengo, in cui hanno sede alcuni uffici comunali ma anche la Civica Pinacoteca.

Continua la lettura
46

Proseguendo la passeggiata si giunge brevemente in Piazza del Popolo, il vero salotto buono della città: qui fa da sfondo la Chiesa di San Francesco con la rinascimentale Loggia dei Mercanti, e si trova il noto caffè storico Meletti, dove si può gustare il liquore omonimo, una delle tipicità locali, insieme alle olive ripiene e fritte. Se possibile, si dovrebbe cercare di visitare la città in agosto, quando si svolgono le due festività maggiori: la festa del patrono sant'Emidio (5 agosto) e la Quintana, una rievocazione storica con giostra a cavallo. Accanto ai molti monumenti medievali Ascoli Piceno conserva vari resti romani: il ponte di Solestà, sul Tronto, la piccola porta Gemina, per la quale entrava l'antica via Salaria, un tratto delle mura e rovine del teatro.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Cosa visitare a Castel Trosino

Per gli amanti dei viaggi in Italia esistono bellissimi paesini e borghi che valgono veramente la pena di essere visitati. Per chi ama visitare le regioni centrali dell'Italia molto bella e affascinante sono le Marche, sia per le sue località di mare...
Europa

Come visitare Grottammare

Grottammare è un piccolo comune della provincia di Ascoli Piceno di circa quindicimila abitanti. È nota come la "Perla dell'Adriatico" e non offre soltanto relax sulla spiaggia: visitare la parte alta del borgo può essere altrettanto unico, sia per...
Italia

Le migliori sagre delle Marche

La Regione Marche è conosciuta come una delle regioni italiane con il maggior numero sagre. Ciò è dovuto sia all'enorme quantità di prodotti e piatti tipici, sia perché è una delle poche regioni che cerca di valorizzare degnamente i propri prodotti...
Italia

Le 10 piazze più belle d'Italia

Il nostro Paese ha un patrimonio enorme di tesori e bellezze architettoniche e ognuno di noi avrà una personale classifica, quindi selezionarle non è facile, le piazze d'Italia sono tante e tutte molto belle, gioielli di arte rinascimentale e barocca,...
Italia

Marche: come muoversi e cosa visitare

Le Marche è una regione dell'Italia centrale, spesso, sottovalutata come meta turistica. Questa terra, invece, è ricca di molti luoghi caratteristici ed offre la possibilità di praticare escursioni. In questa guida vi illustreremo come muoversi e cosa...
Europa

Come e cosa visitare nelle Marche

La regione delle Marche è delimitata ad ovest dalla catena montuosa appenninica con rinomate stazioni sciistiche e con affascinanti sentieri escursionistici. Tra l'Appennino e la costa adriatica è presente anche un paesaggio collinare, nel quale viene...
Consigli di Viaggio

Come visitare acquaviva picena in un giorno

In questa guida vi faremo alcune informazioni su come arrivare e trascorrere una bellissima giornata nel borgo di Acquaviva Picena. Il borgo è stato costruito attorno alla sua poderosa rocca realizzata verso la fine del 1400 e ancora oggi ne è la principale...
Consigli di Viaggio

10 idee per le vacanze in montagna

Ecco 10 Idee per le vacanze in montagna, coccolati da un po' di sano e meritato relax. Le vacanze in montagna sono una validissima alternativa per rigenerarsi completamente dallo stress di tutti giorni e per fuggire dal traffico e dal caos della città....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.