Come e perché visitare cappella Sansevero a Napoli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

La cappella Sansevero figura tra i musei più importanti di Napoli. La struttura nella quale sorge il museo è una chiesa sconsacrata la cui costruzione risale al 1593 ed il cui completamento è datato al 1766. La cappella Sansevero è attigua al palazzo che un tempo era di proprietà dei principi omonimi, che tramite il passaggio esistente tra le stanze del palazzo e la chiesa, godevano della possibilità di accedere al luogo di culto ogni qual volta lo desiderassero. Oggi, la cappella ospita manufatti di enorme pregio artistico, quali il Cristo Velato, le macchine anatomiche e tanti altri capolavori che meritano di essere visti dal vivo almeno una volta nella vita. Vediamo come e perché visitare questo luogo tanto affascinante quanto misterioso.

25

Per accedere alla cappella Sansevero è necessario raggiungere preventivamente Piazza San Domenico Maggiore, una delle piazze più note della città, a sua volta posizionata a poche centinaia di metri da Piazza del Gesù. Piazza San Domenico è ubicata nel cuore del centro storico di Napoli, lungo il decumano inferiore della metropoli. Lo slargo è anche crocevia tra due delle strade più note e battute di tutta la città: Via Mezzocannone e Spaccanapoli. Giunti presso la cappella, è possibile accedere all'edificio acquistando il biglietto al costo di 7 euro. Per i giovani compresi tra i 10 ed i 25 anni, il biglietto ridotto viene offerto al costo di 5 euro. Appena entrati, si resta immediatamente colpiti dal meraviglioso affresco che orna il soffitto dell'edificio, denominato "Gloria del Paradiso" e attribuito a Francesco Maria Russo, pittore tanto sconosciuto quanto talentuoso, che ebbe il merito di affrescare il soffitto nel 1749. Da notare la straordinaria brillantezza di cui ancora oggi godono i colori.

35

L'opera principale, già citata in precedenza, è senza dubbio lo spettacolare Cristo Velato, situato in posizione centrale, proprio al di sotto della navata di mezzo. L'opera è figlia del genio e della perizia di Giuseppe Sanmartino, che riuscì a ritrarre il Cristo morto sdraiato su un materasso e con il corpo coperto da un velo in grado di offrire un magistrale effetto trasparenza, con il corpo e le ferite infertegli durante il martirio, perfettamente visibili. La plasticità del velo adagiato sul corpo del Cristo morto risulta talmente tanto realistica da aver ispirato la leggenda che il velo fosse un vero pezzo di stoffa trasformato mediante l'impiego di qualche processo chimico inventato dal principe Raimondo di Sangro, che commissionò la scultura.

Continua la lettura
45

Tra le due opere più misteriose e particolari presenti all'interno del museo figurano senza dubbio le macchine anatomiche, situate nella cavea e rappresentanti un uomo e una donna scarnificati, con il sistema cardiocircolatorio in evidenza. I due manufatti dovrebbero risalire al 1763, forse opera del medico Giuseppe Salerno, che riuscì a raggiungere un livello di precisione incredibilmente elevato nella creazione delle vene, delle arterie e di tutti gli altri elementi anatomici presenti. Gli scheletri intorno ai quali sono stati realizzati i reticoli sanguigni sono veri; il reticolo vascolare, invece, fu prodotto mediante l'uso di tessuti, fil di ferro e cera d'api.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e perché visitare la chiesa di Sant'Anna dei Lombardi a Napoli

La Chiesa di Sant'Anna dei Lombardi, conosciuta anche come Chiesa di Santa Maria di Monteoliveto, si trova in Piazza Monteoliveto, a Napoli. Rappresenta uno dei più importanti monumenti del rinascimento toscano a Napoli, grazie alle opere degli scultori...
Europa

Come E Perché Visitare La Basilica Di San Domenico Maggiore Di Napoli

Napoli è una delle città più antiche del mondo, e nel corso dei secoli ci sono stati una serie di eventi che di volta in volta ne hanno cambiato l'aspetto, gli usi e i costumi. Anche per questo motivo la città è ricca di chiese, e tra questa ce ne...
Europa

Come visitare Napoli in 24 ore

Napoli, una delle città più belle del mondo, per via della sua ricca storia e dei suoi panorami mozzafiato, così romantica e avventurosa allo stesso modo. Gente da tutto il mondo parte per poter venire a godere delle sue meraviglie. Città dalle mille...
Europa

Come e perché visitare Napoli sotterranea

Napoli è una bellissima città del sud Italia che tutti, almeno una volta nella vita hanno visitato, ma in pochi sanno che sotto il centro storico della città e dei vicoli di Spaccanapoli esiste tutta una rete di cunicoli, caverne, cisterne e pozzi...
Europa

Come trascorrere due splendide giornate a Napoli

Una delle città più belle della regione Campania e in generale di tutta la parte meridionale dell'Italia è sicuramente Napoli. Si tratta di una località davvero meravigliosa, ricca di storia, di arte e di cultura che vale la pena visitare almeno una...
Europa

Come fare una passeggiata nel centro storico a Napoli

Napoli è il capoluogo della regione Campania nonché sua città principale. Si tratta di una località estremamente affascinante, ricca di storia e di cultura. Chi si trova a fare una passeggiata in questa meravigliosa città non può certamente fare...
Europa

Come fare una passeggiata sul lungomare a Napoli

Napoli è una città che affascina i turisti per: la storia, la gente spontanea e accogliente e le bellezze che mostra agli occhi di chi desidera visitarla. Sia i turisti che i napoletani amano passeggiare lungo i 3 km del lungomare, lontano dal caos...
Europa

Come fare shopping a Napoli

Tutto si può dire di Napoli, ma non che per fare shopping si hanno problemi. È un rapporto morboso che rende la città partenopea un palcoscenico di eleganza e classe, ma anche di di eccessi e occasioni che in altre città d'Italia non è possibile...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.