Come E Perché Visitare Il Monastero Di Santa Maria De Pedralbes

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Se fai un viaggio nella splendida città Barcellona ci sono tantissime cose da non perdere. Le stupende piazze, le particolarissime strade, gli strani edifici e gli immancabili musei e le chiese. Soprattutto nel centro storico, sul lungomare e nella zona dell'Example Barcellona pullula di attrazioni. Tuttavia, non ti pentirai di aver visitato anche il più tranquillo Monastero Di Santa Maria Pedralbes. Potresti dedicare una giornata solo a questa meraviglia. Spostati nel nord della città per visitare i suoi angoli più tranquilli, separati dal contesto urbano più affollato e caotico. Ne sarà valsa la pena. Ma vediamo più nello specifico come e perché visitare il Monastero di Santa Maria Pedralbes.

26

Occorrente

  • biglietto di ingresso
36

Se capiti quindi in questa zona della città ti consiglio di non lasciarti sfuggire Il Monastero Di Santa Maria De Pedralbes. Questo è non solo una vera e propria isola di pace, ma è anche un capolavoro del gotico catalano. È circondato dalle zone periferiche più ricercate della città ed attualmente è abitato dalle clarisse. L'edificio fu edificato agli inizi del Trecento per volere della regina Elisenda di Moncada e fu completato in brevissimo tempo (poco più di un anno) e ciò spiega anche l'uniformità di stile.

46

Le monache Clarisse presero residenza nel Monastero di Santa MAria di Pedralbes fin dagli nizi della sua costruzione. Ancora oggi, qualcuna abita qui. La chiesa è a navata unica ed è un bellissimo esempio di gotico catalano: ampia, scarna e solida. Attraversando il portone a sinistra della chiesa, entrerai nel Chiostro elegante e bellissimo. Una delle prime sale che visiterai lungo il percorso è la bella Cappella de Sant Miquel. Sempre nel chiostro è conservata la tomba della regina fondatrice che è visibile anche dalla chiesa.

Continua la lettura
56

Da ammirare sono i magnifici affreschi del 300 e del 400 realizzati da artisti dell'epoca che lasciano trasparire le influenze di Giotto. Lungo il perimetro del chiostro si torva una storica Farmacia insieme ad una serie di celle ammobiliate dove le monache trascorrevano le ore in preghiera. Nel dormitorio oltre a numerose opere d'arte vi è un prezioso bassorilievo marmoreo che rappresenta un presepe. Attraverso alcune scale si potrà salire al secondo piano dove c'è il Refettorio e una grande cucina. Sull'ultimo piano del chiostro potrai vistare l'attrezzata Infermeria cinquecentesca. Tutto arredato con straordinari pezzi tre e quattrocenteschi.

66

Non perdere infine la Collezione Thyssen Bornemisza, che si trova al primo piano ed ospita la parte rimasta di una preziosa collezione di opere d'arte di artisti principalmente italiani e tedeschi, ma anche spagnoli. Per arrivare al Monastero di Santa Maria de Pedralbes puoi raggiungere il treno FGC e scendere alla fermata Reina Elisenda. Ma all'arrivo in stazione dovrai percorrere un breve tragitto a piedi ed in una decina di minuti sarai arrivato a destinazione. Stesso discorso e stesso modo per arrivare al Monastero si può ottenere prendendo il bus n. 22, 64 o 75.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

I monasteri d'Italia

Oltre ad essere una nazione di grande cultura e bellezza l'Italia ha una grande e antica tradizione in sui monasteri, i quali sono presenti in gran numero da Nord a Sud. Da sempre i monasteri hanno suscitato a chiunque il fascino della spiritualità,...
Consigli di Viaggio

Come visitare il monastero di Santa Chiara di Napoli

Nel territorio italiano sono moltissime le attrazioni che affascinano i turisti di tutto il mondo. Essi scelgono l'Italia perché comprendono il valore dell'arte. Il monastero di Santa Chiara, ad esempio, è un complesso di edifici costituto dalla stupenda...
Europa

Come visitare Cascia in Umbria

Nel sud del territorio della provincia di Perugia, in Umbria, si trova il paesino di Cascia. Noto per aver dato i natali a Santa Rita, è un paesino di poco più di tremila abitanti. Ogni anno è meta di pellegrinaggio di numerosi fedeli. Nel verde dell'Umbria...
Europa

Come visitare Vicopisano, il gioiello dei pisani

Tra tutte le regioni italiane, la Toscana è sicuramente tra le più affascinanti. A una ventina di chilometri di distanza da Pisa, sorge Vicopisano, un tempo costituiva un importante centro commerciale e militare della Repubblica di Pisa. Si sviluppa...
Europa

Come visitare San Benedetto Po

San Benedetto Po è un piccolo comune della Lombardia, in provincia di Mantova. Il nome del paese è collegato a San Benedetto da Norcia. Oggi si presenta come un centro turistico importante non solo per la presenza di edifici di rilevante importanza...
Europa

Come visitare Cadaques In Costa Brava

Ora, all'interno di questa guida il nostro focus si concentrerà sulla tematica del turismo. Infatti, come avrete notato dal titolo che accompagna la nostra guida, ora andremo a spiegarvi Come visitare Cadaques In Costa Brava.Prima di tutto, partirei...
Europa

Come e perché visitare San Giovanni in Fiore

La Calabria è nota a tutti per la bellezza delle sue terre. Fra mare e monti, c'è davvero da scegliere, per una vacanza indimenticabile. In provincia di Cosenza, si trova un comune: San Giovanni in Fiore, il più ampio, antico e popolato centro della...
Europa

Come visitare chiese, castelli e monasteri d'Aragona

L'Aragona è una comunità autonoma che si trova nel nord est della Spagna, la cui capitale è Saragozza. Si tratta di una regione ricca di bellezze naturalistiche, ma di grande interesse soprattutto per gli amanti dell'arte e dell'architettura medievale....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.