Come e perchè visitare il Museo della Storia di Budapest

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Budapest, capitale dell'Ungheria ha una storia complessa ed affascinante che inizia nel lontano 1873 quando il quartiere residenziale di Buda e l'antica Obuda, sulla sponda occidentale del Danubio, si fusero con il centro industriale di Pest, situato in pianura, sulla sponda opposta del fiume; così nacque l'odierna Budapest. La città, per le sue bellezze architettoniche, è oggi meta di un flusso perenne di turisti, crescente di anno in anno, anche grazie alla nascita di nuove rotte aeree fra l'Italia e l'aeroporto della capitale ungherese operate soprattutto dalle compagnie low cost. Vediamo ora, in questa guida, come e perché visitare il museo della storia di Budapest.

26

Occorrente

  • Voglia di viaggiare,
  • Amore per l'arte e l'architettura,
  • Biglietto d'ingresso
36

Prima di tutto, per visitare il Museo della Storia di Budapest o Museo del Castello che dir si voglia, dovrete recarvi nella direzione del Palazzo Reale utilizzando l'autobus circolare n. 16. Questo edificio racchiude in sè e tenta di ricostruire nella maniera più realistica possibile circa 2000 anni di storia di Buda e Pest lungo tre piani di percorso. Per entrare dovrete munirvi di biglietto d'ingresso, il cui costo varia dai 300 ai 1000 fiorini (1 euro = circa 302 fiorini). Entrando attraverso il seminterrato si accede direttamente ad alcune sale ristrutturate risalenti al XV secolo ed indubbiamente meritevoli di essere visitate.

46

Troverete tre stanze con soffitto a volta, in una delle quali potrete ammirare una porta "incorniciata" con marmo rosso riportante lo stemma della regina Beatrice nonché piastrelle di pregio recanti un corvo ed un anello (stemma del marito Mattia Corvino). Da questi locali sarete condotti direttamente all'interno della Sala Gotica, alla Cantina Rale ed alla Cappella della Torre risalente, addirittura, al XIV secolo.

Continua la lettura
56

Al piano terra invece potrete visitare una mostra permanente intitolata " Budapest nel Medioevo" oltre a statute gotiche raffiguranti cortigiani, scudieri e santi scoperte nel 1974 durante i lavori di scavo ed ora conservate in una sala a temperatura controllata. L'esposizione al primo piano denominata "Budapest nell'era moderna" traccia invece la storia della città dall'espulsione dei turchi nel 1686, sino al crollo del comunismo che ha aperto le porte al processo di "modernizzazione" comune a tanti paesi dell'Est Europa. Visitare il museo della storia di Budapest vi farà dunque compiere, in poche ore, un incredibile viaggio lungo secoli.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Coinvolgete tutta la famiglia e la visita sarà ancora più interessante

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come e cosa visitare a budapest

Viaggiare è il modo migliore per aprire la propria mente, per conoscere nuovi posti, avvicinarsi alla cultura e alla conoscenza di una determinata civiltà. Il mondo è pieno di luoghi meravigliosi in cui andare, e una delle mete che negli ultimi anni...
Consigli di Viaggio

Come e quando visitare le terme di Budapest

Esistono tantissimi luoghi fantastici da visitare almeno una volta nella vita al mondo. Tra queste non può mancare certamente una città ricca di terme, pozzi artificiali e sorgenti naturali come Budapest. Non tutti però, avendo magari poco tempo a...
Consigli di Viaggio

Come organizzarsi per visitare il museo del louvre

Il museo del Louvre di Parigi è il più importante di tutta la Francia, nonché uno dei più visitati al mondo. Il motivo di così tanto successo va ricercato nel fatto che, all'interno di esso, sono ospitati numerosissimi quadri dei più illustri pittori...
Consigli di Viaggio

Budapest: cosa vedere in tre giorni

Budapest, capitale dell'Ungheria, è una delle mete più gettonate per le vacanze di noi italiani, soprattutto quando non abbiamo molti giorni a disposizione. Ma cosa bisogna vedere in soli tre giorni in una città come questa? Quelli che seguono vogliono...
Consigli di Viaggio

Come visitare il museo Van Gogh ad Amsterdam

Amsterdam è detta la Venezia del Nord per il suo tipico aspetto urbanistico, lo sviluppo dei suoi canali, il numero dei ponti; presenta una topografia caratteristica ed è la città più popolata e industrializzata dei Paesi Bassi. Città ricca di fascino...
Consigli di Viaggio

Cosa fare a Budapest con i bambini

Enigmatica, affascinante e dalla storia millenaria, Budapest è un luogo incantato. Formata da Buda e Pest, divise dallo scorrere lento ed incessante del fiume Danubio, è una capitale dal sapore squisitamente mitteleuropeo. Sito ricco di arte e cultura,...
Consigli di Viaggio

Come arrivare e visitare il museo delle cere anatomiche di Susini a Cagliari

Cagliari è il capoluogo della Sardegna e non si può che rimanere affascinati dinnanzi alle sue bellezze e alla sua originalità. Dal mare cristallino (situato a due passi dalla città) alle stupende strutture monumentali storiche. Ma vi sono anche dei...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare il Museo D'Orsay a Parigi

Quando si pensa a Parigi viene in mente immediatamente un luogo colmo di cultura. Essa infatti rappresenta sicuramente una delle città europee più belle e piene di storia ed arte. Ed è per questo motivo che è apprezzata dai tantissimi turisti provenienti...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.