Come e perché visitare la chiesa di Sant'Anna dei Lombardi a Napoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

La Chiesa di Sant'Anna dei Lombardi, conosciuta anche come Chiesa di Santa Maria di Monteoliveto, si trova in Piazza Monteoliveto, a Napoli. Rappresenta uno dei più importanti monumenti del rinascimento toscano a Napoli, grazie alle opere degli scultori Giuliano e Benedetto da Maiano e Antonio Rossellino, e soprattutto agli affreschi della Sacrestia Vecchia attribuiti a Giorgio Vasari.  

24

Nel 1411 la nobile famiglia campana degli Origlia affidò ai padri Olivetani la costruzione di una chiesa dedicata a Santa Maria di Monteoliveto. All'epoca numerosi banchieri, mercanti ed artisti toscani avevano sede a Napoli; fu proprio la famiglia Strozzi, una delle più celebri e antiche famiglie di Firenze, che, attraverso la filiale campana della sua banca, contribuì alla costruzione della chiesa mettendo in contatto l'influente famiglia senese dei Piccolomini con gli scultori Antonio Rossellino e Benedetto da Maiano per la realizzazione della cappella che poi prese il nome dalla stessa famiglia Piccolomini.

34

La Chiesa di Sant'Anna dei Lombardi ha una pianta in stile fiorentino, con una navata centrale unica, con la cupola ed il tetto a botte protetto da un soffitto a cassettoni. Su entrambe le pareti lunghe della navata si aprono cinque cappelle per lato. Tra queste si evidenziano la Cappella Tolosa, dove è possibile ammirare gli affreschi di Cristoforo Scacco di Verona, e la Cappella Correale, che contiene alcune sculture di Benedetto da Maiano.
Nel presbiterio, che fu aggiunto alla struttura principale solo nel sedicesimo secolo, troviamo altre tre cappelle ed il passaggio per arrivare alla Sacrestia del Vasari. I padri Olivetani chiesero nel 1545 a Giorgio Casari di affrescare la volta del refettorio, che nel 1688 fu trasformato in sagrestia e da allora ospita anche delle pregiatissime tarsie in legno realizzate da Fra Giovanni da Verona.

Continua la lettura
44

Sempre nel Presbiterio troviamo l'altare maggiore, costruito da Bartolomeo e Pietro Ghetti sul progetto di Giovan Domenico Vinaccia; la tribuna che si trova dietro l'altare risale al 1591 ad opera di Giovan Battista Cavagna. La volta che sovrasta l'altare e la tribuna è affrescata con le storie di San Benedetto, risalenti al sedicesimo secolo. Le pareti ai lati ospitano alcuni monumenti funebri, tra cui quelli di Giovan Paolo Vassalli, attribuito alla bottega dello scultore ed architetto Tommaso Malvito. Nella parte superiore della controfacciata possiamo ammirare un organo del diciassettesimo secolo, restaurato all'inizio del Novecento; nella parte inferiore troviamo due altari, realizzati da Giovanni da Nola e da Girolamo Santacroce nel sedicesimo secolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Sant'Agata dei Goti in un giorno

Il territorio italiano è punteggiato da borghi antichi di rara bellezza. Sorgono nei punti più impensati come ad esempio su di uno sperone di tufo, e all'interno delle loro mura mantengono intatto lo splendore di un tempo ormai lontano. La scelta è...
Europa

Come visitare le spiagge Dell'Isola Di Sant'Antioco in Sardegna

L'isola di Sant'Antioco è una delle più grandi della Sardegna. Essa è caratterizzata da una spettacolare macchia mediterranea ed ha numerosissime e splendide spiagge bagnate da un mare a dir poco stupefacente. L'isola di Sant'Antioco è la meta ideale...
Europa

Come visitare il Convento di Sant'Agnese a Praga

Il convento di Sant'Agnese sorge in una zona tranquilla della Città Vecchia: esso è sicuramente il più antico complesso gotico della città di Praga, ma è anche il più importante di tutta la Boemia. Venne fondato nel XIII secolo e negli anni andò...
Europa

Come visitare Uggiano La Chiesa

Nel cuore della Puglia sono nascosti numerosi tesori. Piccoli paesini che al loro interno racchiudo i simboli di un passato glorioso. Come nel caso di Uggiano la Chiesa, un piccolo paesino in provincia di Lecce e nel cuore del Salento. Vediamo allora...
Europa

Come visitare le spiagge di Quartu Sant'Elena in Sardegna

Quartu Sant'Elena è una bella cittadina situata a sud della Sardegna, a pochi chilometri dal capoluogo. Cagliari e Quartu sono collegate tra loro non solo da una strada, ma anche dalla bellissima baia di Golfo degli Angeli: queste non sono altro che...
Europa

Come visitare la chiesa di San Giovanni Battista a Bressanone

In questa guida vedremo come visitare la chiesa di San Giovanni Battista a Bressanone. Vedremo anche come visitare l'importante chiostro che si trova nella piazza del Duomo e anche alcune caratteristiche o meglio, alcuni dettagli che presenta il Duomo....
Europa

Come visitare le spiagge dell'isola di Sant'Antioco

Con l'estate che si avvicina aumenta sempre più la voglia di fare una fuga per staccare la spina dallo stress del lavoro. Quale posto migliore se non andare all'isola di Sant'Antioco. Quest'isola si trova nella bellissima regione italiana che è la Sardegna....
Europa

Come visitare Sant'Angelo Muxaro

Sant'Angelo Muxaro è un piccolo paese intriso di storia e leggende dalle radici antichissime, abbarbicato su un colle siciliano a una trentina di chilometri dalla città di Agrigento. Il nome "Muxaro" deriva infatti dall'arabo “Qal àt al-Musar'àh”,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.