Come partecipare alla Festa di san Firmino a Pamplona

Tramite: O2O 27/04/2018
Difficoltà: media
111

Introduzione

La Festa di San Firmino è una delle più popolari in Spagna: ogni anno dal municipio di Pamplona, città della Navarra al nord della nazione, allo scoccare del mezzogiorno del 6 luglio, una folla vestita di bianco e rosso aspetta trepidante l'inizio di una celebrazione conosciuta in tutto il mondo, tra critiche ed entusiasmi, ma sicuramente unica. In questa lista vedremo come partecipare alla Festa di San Firmino e godersela al meglio.

211

Il Chupinazo

Il Chupinazo è la cerimonia d'apertura della Festa. Migliaia di persone sin dalla mattina si radunano intorno al Municipio cittadino, vestite rigorosamente di bianco con un grosso fazzoletto rosso al collo, aspettando il mezzogiorno. Il via alla manifestazione viene dato facendo esplodere un razzo, chiamato per l'appunto "chupinazo".

311

L'Encierro

L'Encierro ricorre invece ogni mattina della Festa, e consiste nella globalmente nota corsa dei tori per le strade della città, all'inseguimento dei festaioli più coraggiosi. Per evitare di esporsi al rischio di possibili gravi lesioni, ci si può godere il momento osservandolo, sempre prestando attenzione, nelle barricate poste ai lati delle strade.

Continua la lettura
411

Di giorno in strada...

la Festa di San Firmino è una festa che va goduta in strada: si guardano i tori, ci si diverte per le strade con gli amici, si godono le tipicità spagnole, prima fra tutte la sangria, la celebre bevanda alcolica dal profondo colore rosso, che si troverà ovunque durante la manifestazione e si faranno molti nuovi amici.

511

...ma di notte in hotel o in campeggio

In Spagna ci sono molte polemiche ogni anno sul fatto che molti dei turisti, nazionali ed internazionali, finiscano per occupare di notte abusivamente le strade, riempiendo la città di festaioli un po' troppo ubriachi e molesti. Per questo è importante, per godersi questa festività al meglio, attrezzarsi con un posto dove dormire, hotel o campeggio, vicino o facilmente raggiungibile.

611

Le delizie tipiche del posto

Oltre alle specialità spagnole, come il chorizo, vi troverete davanti a fiumi di Sangria, la bevanda a base di vino rosso, frutta e servita ghiacciata, e il kalimotxo, bevanda a base di vino rosso e cola. Entrambe molto rinfrescanti, vi accompagneranno nelle calde giornate a Pamplona.

711

Organizzarsi per tempo

L'organizzazione per questo tipo di manifestazione è molto importante. Bisogna prenotare il volo in anticipo, ma soprattutto non pensare di arrivare a Pamplona senza avere una sistemazione sicura per il pernottamento. Inoltre, è consigliabile munirsi di abiti comodi e ovviamente dei colori tipici della manifestazione, bianco e rosso.

811

La corrida della Festa di San Firmino

La corrida ovviamente è il fulcro, oltre all'encierros, della Festa e può essere guardata da postazioni differenti, come la zona "Sol", dove siederanno gli spettatori più coinvolti ed entusiasmati, pronti a ricoprire tutti con spruzzi di sangria, e la zona "Sombra", che al contrario è la più tranquilla.

911

La storia di San Firmino

Per entrare al meglio nello spirito della Festa di San Firmino, un po' di storia può tornarci utile. La ricorrenza è di origine medioevale, ed è collegato ai festeggiamenti per l'arrivo dell'estate, alle celebrazione di eventi come le fiere commerciali e direttamente alle corride. Maggiori informazioni si trovano anche in un' opera di Ernest Hemingway, grande appassionato di questa manifestazione, tanto da celebrarla in "Fiesta", scritto del 1926.

1011

Le sfilate

Non solo di corridas e encierros è fatta la festa di San Firmino; infatti, si possono godere anche di sfilate in giro per la città, come quella dei "giganti e testoni", in cui sfilano delle gigantesche maschere in cartapesta raffiguranti re e regine, accompagnati da altri figuranti con teste enormi, più di un metro, i cosiddetti "testoni".

1111

Il canto "Pobre de mì"

La Festa si conclude il 14 luglio, a mezzanotte, quando riuniti attorno al municipio cittadino, i partecipanti intonano il celebre canto " Pobre de mì", con delle candele in mano e i tradizionali abiti bianchi e rossi. Un momento molto toccante, giusta conclusione dei frenetici giorni di festa trascorsi.

Potrebbe interessarti anche

Naviga con la tastiera

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come ottenere la cittadinanza di San Marino

Sempre più italiani vogliono e cercano di ottenere la cittadinanza sammarinese. Infatti, la situazione economica e lavorativa di San Marino è invidiata da molti, ed è dovuta alle ridotte dimensioni geografiche e demografiche. Inoltre, molti giocatori...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere San Giovanni a Teduccio

San Giovanni a Teduccio è un quartiere della periferia est di Napoli ed è inserito nel percorso artistico delle ville vesuviane del "Miglio d'Oro". Arrivarci è molto semplice perché questa zona è un luogo di passaggio tra il centro urbano di Napoli,...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Gregorio Armeno

Per chi non la conoscesse, San Gregorio Armeno è una famosissima strada del centro storico della città di Napoli. Alcuni esperti di viaggi, giornalisti esperti del settore turistico di qualità di tutto il mondo, la definiscono da decenni una delle...
Consigli di Viaggio

Come visitare Bologna: Santuario Beata Vergine di San Luca

La visita nella straordinaria Bologna potrebbe essere terminata con un mini-tour che, dal centro della città, conduce ad ispezionare uno dei famosi colli accerchianti il territorio bolognese, ovvero il Colle della Guardia. Precisamente, si tratta di...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare la Certosa di San Martino a Napoli

La Certosa di San Martino si innalza sopra la collina del Vomero. Essa probabilmente è da considerarsi uno dei simboli maggiormente famosi della città di Napoli ed anche di una corrente artistica che in tale città ha vissuto, più precisamente tra...
Consigli di Viaggio

Come arrivare a piazza san domenico maggiore a napoli

Molto spesso quando si decide la meta dove trascorrere le proprie vacanze non teniamo in conto la possibilità di trascorrerle in una delle splendide città presenti in Italia. In questa guida vedremo come poter visitare un luogo davvero molto particolare...
Consigli di Viaggio

San Pietroburgo: alla scoperta del museo dell'Hermitage

San Pietroburgo la seconda città della Russia, dopo la sua capitale, Mosca, nel corso della sua storia, ha cambiato per ben tre volte nome: da San Pietroburgo a Pietrogrado nel 1914; a Leningrado durante il regime comunista; per poi tornare a chiamarsi...
Consigli di Viaggio

Come visitare il Santuario di San Gerardo Maiella a Materdomini

Gerardo Maiella, uno dei più grandi Santi nella storia della Chiesa, fu un religioso Italiano appartenente Congregazione del Santissimo Redentore la cui canonizzazione fu eseguita da papa PIO X nel 1904, circa 150 anni dopo la sua prematura morte (avvenuta...