Come Pianificare Una Visita All' Escorial

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Chiunque voglia pianificare una visita dei monumenti più belli presenti sul territorio spagnolo, non può non includere nel suo itinerario il monastero dell'Escorial, anche detto monastero di San Lorenzo del Escorial, situato nei pressi della città di Madrid. L'edificio fu fatto costruire dal re Filippo II e fu utilizzato dapprima come residenza reale e, a partire dal 1563, anche come monastero. Nel 1971 è stato dichiarato Complesso Storico-Artistico, mentre nel 1984 è diventato patrimonio dell'umanità dell'UNESCO.

25

Occorrente

  • biglietto di ingresso
  • scarpe comode
  • amore per i viaggi, la cultura e l'arte
35

L'Escorial è situato ai piedi della Sierra de Guadarrama, a quasi cinquanta chilometri da Madrid. Il palazzo, costruito tra il 1563 e il 1584, è un'opera maestosa che comprende 2000 stanza, 16 cortili, 9 torri, 88 fontane, 15 chiostri, 86 scale e 300 celle per i monaci. Degna di nota inoltre la biblioteca collocata al secondo piano della facciata occidentale, nella quale sono custoditi circa 45000 volumi risalenti ai secoli XV e XVI. A centro dell'edificio vi è la splendida Basilica la cui pianta è a croce greca e, accanto, si trova un ulteriore edificio chiamato "manico della graticola", allusione alla planimetria nel complesso, ispirata allo strumento di tortura di cui fu vittima San Lorenzo, al quale il re Filippo II dedicò il monastero. La Basilica è una delle opere più rappresentative dell'architettura spagnola. Ricoperta da un'imponente cupola, al suo interno troviamo un crocifisso in marmo bianco, un tabernacolo a forma di tempio, numerosi dipinti e sculture in bronzo.

45

All'interno dell' Escorial si possono ammirare capolavori dei più famosi artisti del tempo. Il cuore dell'edificio è il Panteon reale, ricco di decorazioni barocche in oro, rosso e marmo nero, che custodisce le tombe di quasi tutti i monarchi spagnoli. La visita prosegue attraverso nove sale successive che contengono le tombe di principi e principesse.
Alla realizzazione dell'edificio lavorarono numerosi artisti italiani, tra cui ricordiamo Cellini, Tibaldi e Giordano; sono presenti inoltre dipinti di Tiziano e del Veronese. L'architettura di questo edificio, opera di Juan de Herrera, fu il primo esempio della cosiddetta architettura herreriana.

Continua la lettura
55

l sito è ben collegato dai servizi ferroviari, infatti, da Madrid puoi raggiungere l'Escorial in mezz'ora col treno c-8a (dalla stazione Atocha o Chamartìn) oppure puoi prendere l'autobus 661 o 664 da Intercambiador de Moncloa. La visita di questo enorme monumento segue un itinerario ben definito, segnalato da vari pannelli informativi in inglese e spagnolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come pianificare una visita al Teatre Museu Dalì di Figueres

Se avete organizzato una gita a Barcellona non potete non visitate il Teatre Museu Dalì di Figueres, che è bello architettonicamente ed interessante all'interno. Vi divertirete tantissimo a girarlo e scattare foto, ne vale davvero la pena. Vediamo...
Europa

Come pianificare una visita all' Atomium di Bruxelles

Il centro turistico di Bruxelles è una città di piccole dimensioni, ma estremamente affascinante grazie ai contrasti stilistici e architettonici, in grado di integrarsi alla perfezione. La capitale belga, una delle più suggestive d'Europa, è in grado...
Europa

Come Partecipare Alla Visita Guidata Ai Giardini Vaticani

Città del Vaticano è lo stato più piccolo del mondo, e merita una visita non solo dal punto di vista esteriore quindi della famosa piazza San Pietro, ma anche dei musei annessi e soprattutto dei giardini Vaticani. Questi ultimi infatti, davvero stupendi...
Europa

Svizzera: visita al Castello di Chillon

La visita al Castello di Chillon, di epoca medievale, ha qualcosa di veramente magico, quasi fiabesco. Costruito su un isolotto roccioso sulla riva del lago di Ginevra, dà proprio la sensazione di emergere dal lago stesso. È unito alla terraferma da...
Europa

Portogallo: una visita a Porto

L'estate è ormai entrata nel suo vivo e con lei le vacanze, sognate per tutto il periodo invernale e primaverile. Per chi non ha ancora le idee chiare su dove recarsi un consiglio potrebbe essere rappresentato dal Portogallo e da una visita a Porto,...
Europa

Come pianificare un tour per la Spagna

La Spagna è un bellissimo paese da visitare. Con la sua storia, la sua cultura e le tante suggestioni, si tratta sicuramente di una perla europea tutta da scoprire! La penisola iberica, però offre davvero tantissime attrattive e mete interessanti ed...
Europa

Come organizzare una breve visita a Firenze

Firenze è una delle città più visitate d'Italia e d'Europa. Ciò che attrae maggiormente i turisti è l'immenso patrimonio storico, artistico e culturale che il capoluogo toscano custodisce all'interno dei suoi antichissimi palazzi. Basti pensare ai...
Europa

Come Si Visita La Val Vogna

Una delle più belle valli d'Italia è la Val Vogna. Situata ad ovest di Riva Valdobbia, è una valle fluviale, percorsa da una natura selvaggia. Nella valle è possibile visitare i bellissimi villaggi Walser. Di pregevole interesse storico a culturale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.