Come Raggiungere E Visitare L'Antica Veio

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Veio l'antica città Etrusca sorgeva sulla riva destra del Tevere, e la sua posizione strategica permise a questa civiltà di sfruttare la scia d'acqua, diventando una potenza commerciale che entrò in conflitto con Roma, che invece la chiamava la Ripa Veientana. Ancora oggi sono tante le testimonianze presenti nella località, per cui il consiglio è di visitarla a fondo, e godere delle sue storiche bellezze. In riferimento a ciò, ecco una guida su come raggiungere e visitare l'antica Veio.

24

Sotto l'imperatore Augusto vi fu un risveglio con nuovi insediamenti di edifici pubblici come templi, teatri terme i cui resti sono ancora visibili, portati alla luce nelle ultime campagne di scavo. Ma il Parco Regionale di Veio rimane ancora da scavare per una buona metà, ma molte tombe sono state saccheggiate dai "tombaroli" data la vastità dell'area archeologica ancora da identificare.

34

Da un famoso Tempio chiamato il "Portonaccio" sono emerse mirabile statue di terracotta dipinta che decoravano il suo tetto ad opera dell'artista etrusco Vulca, forse l'unico di cui si conosce il nome. Tali vestigia sono visibili nel museo Nazionale Etrusco di Villa Giulia a Roma. Mentre molti altri di recente rinvenimento, sono nel Museo Veientano di Formello. Il nucleo urbano di Veio e circondato da numerose necropoli, con molte tombe dipinte tra le quali quella dei Leoni datata 700 a. C. Rinvenuta nel 2006 in località grotta Gramiccia. Essa presenta una mirabile decorazione pittorica con alcuni leoni ruggenti la quale, unitamente a quella delle Pantere di Tarquinia è la più antica tomba a motivi figurati, finora conosciuta. Subito al di sopra della Cascata della Mola, in località Campetti presso la porta S-O dell'abitato (cosiddetta "Porta di Portonaccio"), una serie di indagini archeologiche susseguitesi a partire dal 1940 hanno messo in luce un vastissimo complesso termale di età romana (circa 10.000 m2) connesso allo sfruttamento di acque salutari.

Continua la lettura
44

La prima occupazione di quest'area del pianoro a fini abitativi risale agli ultimi decenni del IX secolo a. C., come testimoniano le tracce di capanne e i materiali rinvenuti. Al principio del IV secolo, concordemente con la tradizione sulla conquista romana della città, il sito risulta abbandonato. Verso la fine del II secolo a. C. Si ha una nuova fase edilizia con la realizzazione di un vasto complesso per il quale la funzione cultuale può essere solo presunta. Dagli ultimi decenni del I secolo a. C. Il complesso viene totalmente ristrutturato e ampliato, articolandosi su due livelli separati da un terrazzamento e corredati di ambienti coperti e ampie vasche alimentate da cisterne, elementi che contribuiscono a delineare l'immagine di un grande sanatorio per cure idrotermali.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare l'antica Pozzuoli

Pozzuoli in origine rappresentava lo scalo commerciale di Cuma. Venne fondata nel 528 a. C. Da un gruppo di esuli Sarni e venne soprannominata "Dicerachia" anche se, nel 421 a. C., venne ribattezzata "Sannita". Nel 228 a. C. Fu conquistata dai Romani...
Europa

Come visitare Il Ritrovamento Archeologico Dell'Antica Ilio O Troia

L'ubicazione dei resti dell'antica Ilio o Troia che costituiscono oggi un patrimonio di tutta l'umanità sono stati ricercati per anni da studiosi ed esperti di storia antica, per dimostrare che essa non era una leggenda ma realtà. La perseveranza di...
Europa

Come visitare L'Etruria Antica

Quando non avrete molto da fare potrà capitarvi di iniziare a pensare al fatto che, molto probabilmente, non conoscete gran parte delle origini dell'Italia, nazione in cui voi stessi vi ritrovate ad abitare da svariati anni. Quale occasione migliore...
Europa

Come visitare Bucur, L'Antica Bucarest

Si narra che Bucarest prese il nome da un pastore chiamato Bucur ed il fiume che la bagna, dalla sua ragazza Dâmboviţa. Scavi archeologici hanno riportato alla luce insediamenti di comunità dall'età del bronzo sino al 100 a. C. Durante questo periodo...
Europa

Come raggiungere e cosa visitare ad Alassio

Alassio, o come anche nominata la "Città del Muretto", si trova alla punta della riviera ligure di Ponente. Gli elementi che rendono veramente unica questa cittadina sono, non solo il sole e il mare che offrono un clima mite e un'estate che dura per...
Europa

Come raggiungere e Visitare Potsdam in un giorno

Se visiti la bellissima città di Berlino per molti giorni, organizza il tuo itinerario in modo da avere un po' di tempo per fare delle escursioni nei paesi vicini. La capitale berlinese, infatti, non è l'unica emozionante meta da raggiungere della Germania...
Europa

Come raggiungere e visitare Monforte Sangiorgio

La Sicilia una regione che offre tantissime attrazioni. I paesaggi e anche le cittadine che la compongo possono rappresentare un vero e proprio patrimonio da poter visitare. Quindi, quando prendiamo in considerazione l'idea di programmare un viaggio,...
Europa

Come Raggiungere E Visitare Il Lago Di Gurrida

La Sicilia, paesaggisticamente parlando, presenta uno scenario veramente vario, forse di più di quanto si possa pensare. In questa guida avremo l'opportunità di vedere in maniera semplice e chiara come poter raggiungere un lago davvero suggestivo, collocato...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.