Come scoprire la cultura degli aborigeni

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

È con la data del 13 febbraio 2008 che gli aborigeni australiani hanno riconquistato definitivamente quella dignità culturale che per secoli era stata loro negata. Grazie alle scuse ufficiali del ministro Kevin Rudd, il popolo aborigeno ha finalmente messo un punto ad un periodo nero della propria storia. Prima che diventasse colonia britannica, l'Australia era abitata da diverse popolazioni di cacciatori e raccoglitori, tribù che, prima che l'uomo bianco giungesse a distruggerle, possedevano una ricca tradizione orale, basata su un forte legame con la madre terra. Breve guida su come scoprire la cultura degli aborigeni!

27

Occorrente

  • Molta passione per la storia
37

La cultura aborigena: le origini

A partire dagli Anni settanta e Ottanta, sull'onda di una nuova coscienza sociale, molto dell'interesse pubblico è stato spostato sulla questione aborigena. Quelli che furono definiti i figli della tristemente famosa "Stolen generation", andarono finalmente in cerca delle proprie origini. Si tratta di un fenomeno a cui il governo australiano diede vita tramite una serie di leggi che prevedevano l'allontanamento dei figli aborigeni dalle proprie famiglie di origine e la loro riassegnazione a centri di rieducazione.
Non a caso, è proprio in questo periodo che la letteratura mondiale vede la diffusione di libri-diari, di scrittori che, scoperte le proprie radici, iniziano un viaggio al ritroso che li porterà a scoprire meandri bui e dolorosi del proprio passato. A tal proposito, emozionante e profondo è il libro scritto nel 1987 da Sally Morgan e tradotto in Italia con il titolo "La mia Australia" (My Place).

47

La cultura aborigena: spunti cinematografici

Per chi è appassionato a questo tema, diviene indispensabile la visione del film "La Generazione rubata", (Rabbit-Proof Fence) tratto dall'omonimo libro di Doris Pilkington e diretto da Phillip Noyce che nel 2002, insieme ad un nutrito cast di attori tra cui Kenneth Branagh, mette in scena una storia ambientata negli Anni Trenta, che ripercorre le vicende di tre sorelle e della loro fuga a piedi nudi dal campo di rieducazione per ritornare nel loro villaggio. È un film di denuncia tratto da una storia vera che, con maestria e toni drammatici, riesce a ricostruire, grazie anche alle struggente colonna sonora di Peter Gabriel, l'inferno a cui a partire dal 1869 e fino al 1970, vennero condannati migliaia di bambini.

Continua la lettura
57

La cultura aborigena: la spiritualità

Ma il popolo aborigeno non è solo questo. Gli aborigeni sono una cultura ricca e profonda, grazie alla loro grande spiritualità che caratterizza il rapporto con la terra. Tutto questo grande sistema di valori, è rintracciabile nelle espressioni di innumerevoli artisti raccolti nel sito ABORIGINAL CULTURE. Darci una occhiata significa calarsi nel profondo di una cultura che, attraverso un linguaggio accessibile a tutti, ci mostra il complesso e affascinate universo di valori.
Nonostante il passaggio dell'uomo bianco o whitefella, come veniva chiamato dagli aborigeni, oggi giorno esistono 500 diverse popolazioni aborigene, tutte con una propria identità culturale e linguistica. Nel 1999 è morta l'ultima appartenente alla Nyulnyul.

67

La cultura aborigena: spunti scientifici

Scoprire la cultura degli aborigeni è possibile anche attraverso degli spunti letterari, cioè attraverso scritti di ricercatori che si sono dedicati allo stile di vita e alle vicissitudini degli aborigeni australiani. Ci sono infatti alcuni testi scritti, ad esempio del dottor Mario Pigazzini o di Alberto Gandini, che si occupano proprio della questione degli aborigeni australiani tra passato e presente. È bene sottolineare che la cultura aborigena ha conosciuto un maggior riconoscimento dopo la seconda metà del 900 quando il principio di autodeterminazione dei popoli ha fatto sì che avvenisse la decolonizzazione ha conosciuto un maggior riconoscimento dopo la seconda metà del 900 quando il principio di autodeterminazione dei popoli ha fatto sì che avvenisse la decolonizzazione Ponendo fine ai massacri che si erano realizzati tra 800 e 900. Attraverso questi testi è possibile capire quella che era l'organizzazione economica e sociale degli aborigeni, l'importanza della divisione dei lavori e le abilità degli aborigeni nel costruire armi e utensili ricavati dal legno, pietre e altri materiali.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Mary Carmel Charles, Winin : Why the Emu Cannot Fly (Magabala Books, 1993)
  • M. Baraldi, L’ultima terra: la cultura australiana contemporanea, Roma, Carocci, 2002
  • Larissa Behrendt, Aboriginal Dispute Resolution (1995)
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Oceania

Parco nazionale Uluru-Kata Tjuta: cosa visitare

Il Parco Nazionale Uluru-Kata Tjuta è uno dei simboli del continente australiano ed è caratterizzato da una vasta superficie desertica dalle caratteristiche climatiche estreme, che si estende per 1431 chilometri. Il Parco è una meraviglia naturale...
Oceania

Come organizzare un tour in Australia

L'australia è uno splendido stato, ricco di storia e di cultura. Infatti l'Australia anticamente era abitata dagli aborigeni, e solo successivamente è diventata una colonia della Gran Bretagna, che utilizzava queste terre per mandarci i suoi malfattori...
Oceania

I più bei deserti australiani

Geograficamente più estesa dell'Europa, l'Australia può offrire un'esperienza di viaggio davvero unica, grazie alle sue mille sfaccettature, sia culturali che naturali. In questo paese è possibile vivere contesti molto diversi tra loro, dalle grandi...
Oceania

5 motivi per scegliere l'Australia

L'Australia, terra dei canguri e meta ambita da molti turisti. Ma cosa spinge realmente i turisti a visitare un paese, per lo più desertico, come questo? Nonostante sia un luogo visitato da molti turisti, viene poco sponsorizzato e pubblicizzato e, in...
Oceania

10 cose da mettere in valigia per un viaggio in Australia

Pronti, partenza, via! Il sogno di moltissime persone è quello di mollare tutto per una settimana e andare a fare una vacanza rilassante e avventurosa in Australia, terra dei canguri, della barriera corallina, degli aborigeni, godendo delle meraviglie...
Oceania

I più imponenti fiumi australiani

L'Australia è costituita per circa due terzi da ambienti desertici o semidesertici. Le alte temperature che raggiungono queste zone fanno in modo che solo il 10% dell’acqua piovana vada ad alimentare i fiumi dell’Australia, che sono in gran parte...
Oceania

Come visitare Screensound Australia, il National Museum of Australia e la Tidbinbilla Nature Reserve

L'Australia è un Paese che presta facilmente il suo fascino alla cultura occidentale, vista e vissuta nelle nostre fantasie esotiche come il posto da trovare appena superate le porte del paradiso. Natura incontaminata, schiere di giovani nati con il...
Oceania

Come oganizzare una vacanza in Nuova Guinea

La Nuova Guinea appartiene all'arcipelago indonesiano, a nord dell'Australia. Dal clima equatoriale, attira annualmente numerosi turisti, soprattutto per la flora e la fauna incontaminate. Oltre a scenari naturali di straordinaria bellezza, paesaggi selvaggi,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.