Come stipulare la fideiussione per il visto turistico

Tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Se sei arrivato/a a questa guida perché cercavi informazioni sulla fideiussione per il visto turistico, sai già, almeno a grandi linee, di cosa si tratta. Se, invece, ci sei arrivato per caso e ti incuriosisce saperne di più, andiamo in prima analisi a spiegare il termine 'fideiussione'.
La fideiussione è un patto giuridico mediante il quale un soggetto s'impegna nell'adempimento di un'obbligazione nei confronti di un altro soggetto. Questa è la definizione in termini generali; vediamo ora l'accezione data a questo termine nel caso del visto turistico.
In parole povere, un soggetto che decide di andare in un paese straniero in vacanza o in visita da parenti o amici, deve dimostrare di potersi sostenere economicamente per tutta la durata della sua permanenza. Il visto turistico è, quindi, il documento che garantisce e dimostra questa condizione di autosufficienza economica del soggetto alle autorità del paese ospitante. Acquisirlo permette di riuscire a viaggiare in completa libertà senza alcun genere di problema.
In termini più specifici, la fideiussione per il visto turistico rappresenta la garanzia, emessa da una Banca oppure da un altro soggetto finanziario, necessaria per ottenere l’autorizzazione a entrare e a soggiornare per un breve tempo in un paese straniero.
Chiarito il concetto in teoria, passiamo alla pratica. Come si ottiene il visto turistico per poter soggiornare in Italia ad esempio?
In questa guida vedremo proprio come e cosa fare per stipulare la fideiussione per il visto turistico nel nostro paese.

25

Requisiti

Prima di spiegare come fare per ottenere il visto, assicuratevi di possedere i requisiti per richiederlo.
I requisiti, come potete immaginare da quanto anticipato nell'introduzione, sono essenzialmente economici. Prendendo come esempio di destinazione l'Italia, le leggi italiane prevedono che, per ottenere il visto turistico, i turisti provenienti dai Paesi non compresi nell’Unione Europea debbano dimostrare di possedere tutti i mezzi minimi di sussistenza per soggiornare in Italia. Cosa s'intende per 'mezzi minimi'? La cifra minima che deve essere garantita viene calcolata tenendo in considerazione una base di spesa giornaliera per tutti i giorni di durata della permanenza.
Tale disponibilità economica può essere dimostrata ed esibita per mezzo di denaro contante, di titoli di servizi pre-pagati, titoli di credito o attraverso della documentazione comprovante la disponibilità di fonti di reddito, oppure mediante un avallo.

35

Procedura

Se l'extracomunitario viaggia su invito di un parente o un amico già presente in Italia, la pratica può essere avviata da quest'ultimo prima dell'arrivo dell'ospite. Chi ospita può essere un italiano oppure uno straniero già residente nella Nazione. La garanzia verrà, naturalmente, registrata comunque a nome ed a beneficio del soggetto extra-comunitario che, in questo caso, viene appunto definito 'beneficiario'.
La richiesta di visto può essere effettuata presso diversi enti: la banca, l'assicurazione o la società finanziaria. La differenza nella scelta fra l'uno o l'altro ente sta sostanzialmente nella tempistica di rilascio e nel costo. La fideiussione bancaria per visto turistico prevede un iter burocratico più lungo e approfondito, quella assicurativa prevede invece una prassi più semplice e veloce, il che rappresenta di conseguenza un vantaggio anche dal punto di vista dei costi.Sarebbe utile, se si ha tempo, informarsi sulle modalità, i tempi e i costi di ciascun ente chiedendo un preventivo a tutti e tre.

Continua la lettura
45

Documentazione

Una volta deciso dove effettuare la procedura, bisogna munirsi dei documenti necessari.
Se la procedura viene anticipata dall'ospitante, il quale in questo caso diventa 'contraente della polizza', costui deve esibire: una lettera d’Invito accuratamente compilata e sottoscritta, un documento di riconoscimento (carta d'identità, patente o passaporto), il codice fiscale, le buste paga degli ultimi due mesi (serve a dimostrare di essere in grado di sostenere economicamente il proprio ospite), una copia del passaporto del beneficiario.
Questo tipo di procedura richiede solitamente qualche giorno prima dell'emissione del visto, il quale ha poi ha una validità di circa 90 giorni e dei costi tutto sommato contenuti, ma tutto dipende dai casi e dall'ente di distribuzione prescelto.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per velocizzare i tempi, si può richiedere un preventivo su internet e preparare preventivamente alla richiesta tutta la documentazione necessaria.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come fare un invito turistico per l'Italia

In base alla normativa Italiana, un cittadino Italiano o estero che possiede la cittadinanza e vive regolarmente in Italiana che viole invitare un extracomunitario ed ospitarlo nella propria abitazione, deve compilare un documento cioè un invito turistico...
Consigli di Viaggio

Come stipulare un'assicurazione contro lo smarrimento bagagli

Purtroppo quando si viaggia, la perdita delle valigie è, sicuramente, una delle cause più frequenti di improvvisi attacchi di nervi per i viaggiatori di tutto il mondo. Un accorgimento utile, al fine di evitare qualsiasi tipo di inconveniente, è sicuramente...
Consigli di Viaggio

Come e quando richiedere il visto per lo Sri Lanka

Lo Sri Lanka è uno stato insulare dell'Asia, situato a sud del subcontinente indiano, ed un tempo noto anche come Ceylon. Si tratta di una famosa meta turistica e commerciale, con un clima caldo e umido e coste meravigliose, oltre ad un entroterra ricco...
Consigli di Viaggio

Come richiedere il visto per il Kenya

Il Kenya, Paese posto a oriente, nel cuore dell’Africa, affascina molti occidentali, per la ricchezza del territorio, per la natura incontaminata e per la presenza di una vasta fauna allo stato libero. Al contempo, però, può anche spaventare per la...
Consigli di Viaggio

Come richiedere un visto Non Immigrante B1 - B2 per gli USA

Partire per gli USA comporta prepararsi in modo adeguata. Infatti, è opportuno seguire delle regole ben precise e procurarsi i documenti necessari. Oltre ai documenti di routine occorre avere un visto non immigrante B1 -B2. Questi sono obbligatori per...
Consigli di Viaggio

Paesi dove è possibile emigrare senza visto

Con la crisi in atto, sempre più cittadini decidono di emigrare all'estero. Ma l'emigrazione comporta numerosi rischi. Infatti per prima cosa, si sa cosa si lascia ma non si sa cosa si trova. Specialmente se si parte con pochi soldi, vi aspetta una vita...
Consigli di Viaggio

Come organizzare un giro turistico a Reggio Emilia

Reggio Emilia (in origine chiamata Regium Lepidi, in onore del suo fondatore Marco Emilio Lepido), è una bella città dell’Emilia Romagna, poco visitata dai turisti perché, a torto, considerata meno caratteristica di altri comuni più "famosi" della...
Consigli di Viaggio

Come organizzare un viaggio all'estero

Se abbiamo intenzione di organizzare una viaggio all'estero, è estremamente importante sapere alcune importanti cose come ad esempio se è richiesto il visto, un vaccino oppure informarci sul clima. In base a tutto ciò e a tanto altro, ecco dunque...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.