Come visitare Arcevia

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Se siete alla ricerca di cultura, relax e magari vi affascinano i castelli, la città di Arcevia, nelle Marche, è sicuramente il posto che fa per voi. Arcevia, infatti, vanta un territorio ricco di testimonianze archeologiche, eventi culturali e soprattutto, ben nove castelli medievali! Vediamo insieme come visitare Arcevia.

27

Occorrente

  • Scarpe comode - piccola guida turistica
37

Arcevia, è un comune della provincia di Ancona da cui dista circa 72 Km. Si trova in un territorio prevalentemente collinare, a 535 mt. Sul livello del mare, la sua superficie è di 126,400 Kmq. E conta circa 5200 abitanti. Arcevia è situata tra gli Appennini umbro-marchigiani ad ovest ed il mare Adriatico ad est e dista dal mare, e più precisamente dalla città di Senigallia, solo 38 Km. Se volete visitare i nove castelli, questi sono inseriti all'interno di mura tre-quattrocentesche che hanno conservato tutte le loro caratteristiche originarie e sono dislocati in dei piccoli centri abitati poco distanti da Arcevia. Avacelli, Castiglioni, Loretello (il più antico), Piticchio (il più suggestivo), Nidastore (il più settentrionale), San Pietro e Caudino: questi sono i loro nomi e sono tutti facilmente raggiungibili.

47

Il centro storico di Arcevia, con i suoi antichi palazzi, è di notevole interesse. Potete visitare Arcevia partendo dalla cinta muraria. Risalendo, attraverso una delle sue porte, vi troverete nella via principale, Corso Mazzini, dove sono situati gli edifici più importanti, primo fra tutti il Palazzo della Duchessa, residenza estiva di Livia Della Rovere. Di fronte troverete La Collegiata di San Medardo che è la chiesa più importante di Arcevia dove sono conservati dipinti rinascimentali, arredi lignei di maestri intagliatori del '600, opere di Ercole Ramazzani (allievo di Lorenzo Lotto) e una splendida croce processionale in argento di Cesarino del Roscetto (orafo perugino del '500).

Continua la lettura
57

Proseguendo in Corso Mazzini per raggiungere la piazza centrale (Piazza Garibaldi), troverete il Complesso di San Francesco costituito dalla chiesa e dal chiostro nel quale si inserisce il Museo Archeologico Statale. Una volta giunti in Piazza Garibaldi potrete ammirare l'antico Palazzo Comunale e poco lontano, dall'altra parte della strada, il Teatro Storico Misa, restaurato e in attività. Alla fine del corso, nel punto più alto di Arcevia non mancate di visitare il Giardino "Giacomo Leopardi" strutturato in più livelli, ricco di piante di varie specie e ideale per passeggiare. Dispone di un parco giochi per bambini, un ristorante, una pista da pattinaggio e una da ballo. Nelle zone limitrofe al centro storico di Arcevia, vi consiglio inoltre di esplorare gli innumerevoli sentieri ideali per gli amanti del trekking, della mountain bike o per chi vuole fare solamente una piacevole passeggiata all'insegna del relax.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Visitate Arcevia in estate: è il periodo migliore

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare l'acquario di Messina

Messina, meta turistica molto frequentata, soprattutto nei mesi estivi, racchiude in sé un "tesoro" poco conosciuto e tutto da scoprire, ossia l'acquario, al cui interno è certamente possibile trovare sia pesci di acqua dolce che salata. A tal proposito,...
Europa

Come visitare i castelli della Baviera

Una delle visite più richieste a Monaco è quella dei castelli della Baviera. Per riuscire a visitarli tutti bisogna organizzare il viaggio in maniera sistematica. In questo modo riuscirete a fare un tour completo dei castelli. La visita la potete fare...
Italia

I più bei castelli della Sicilia

La Sicilia è l'isola italiana più grande, nonché una delle perle del Mediterraneo. Nove sono le province che la compongono (Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Agrigento, Caltanissetta, Trapani), anche se da Marzo 2014 si parla di solo...
Consigli di Viaggio

I castelli più belli della Germania

La Germania è una terra nota per grandi castelli e maestose dimore: sono spesso collocate in scenari magici e poetici, come tra i monti o in fitte foreste. Il tutto serve a rendere ancor più fiabesco del necessario la maestosità di questi manieri,...
Europa

Guida ai Castelli della Loira

La Loira è una regione della Francia settentrionale, essa prende il nome dell'omonimo fiume che la attraversa. Questo territorio è storicamente famoso soprattutto per i suoi tantissimi castelli che furono eretti tra il decimo e il sedicesimo secolo...
Italia

Come visitare Parma in una giornata

All'interno di questa guida andremo a parlare di Parma. Nello specifico, sfrutteremo questa guida per comprendere come visitare Parma in una sola giornata.La guida sarà articolata, e divisa in un passo d'introduzione alle tematiche principali, e poi...
Europa

Come visitare lo Zodiaco ed il planetario astronomico di Roma

Roma si sa è una grande città, molto vasta e ricchissima di belle cose da vedere, e luoghi storici in cui fare un vero tuffo in un passato. Ma, la maggior parte delle persone che vengono da fuori di solito visitano i monumenti famosi, i posti noti,...
Europa

Come visitare Attimis in Friuli Venezia Giulia

Attimis in Friuli Venezia Giulia, è un ridente paesino di poco meno di 2000 abitanti, situato nella parte orientale della regione, in provincia di Udine. Come gran parte della regione in cui è collocato, Attimis Nel Friuli Venezia Giulia è pregno di...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.