Come visitare Aversa in un giorno

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Aversa è una località di origine normanna, nonché un grosso centro urbano, equidistante sia da Napoli che da Caserta, provincia nella cui giurisdizione il comune ricade. È stata costruita dai Normanni poco dopo l'anno mille. Aversa, per la dinastia francese, ha rappresentato uno dei più importanti centri dell'Italia Meridionale. Successivamente è passata sotto la dominazione da parte della dinastia degli Angioini, del cui dominio in città oggi rimangono poche tracce. La città consta di due parti. La più antica delle due, di forma ellittica, presenta delle vie concentriche oppure radiali. Inoltre a sud-est di questa, si trova la parte più moderna, caratterizzata da vie rettilinee che si incrociano ad angolo retto. In questa semplice ed esauriente guida vi indicheremo come si può visitare Aversa in un solo giorno.

24

Aversa è ricca di Chiese e di Monasteri. Tra queste opere architettoniche merita di essere vista l'Annunciata, che rappresenta un grande istituto di beneficenza eretto intorno al trecento e successivamente ampliato nel quattrocento con la costruzione di un ospedale. Di fronte ad esso, in un cortile quadrato, è presente l'elegante facciata barocca della chiesa omonima. Poi annoveriamo il Duomo dedicato a San Paolo, ossia al patrono della città. Questa opera è stata iniziata a costruire nel 1053, ma varie volte venne devastata da incendi e da terremoti. Il Duomo di San Paolo è stato successivamente ricostruito nel settecento. Della costruzione primitiva rimangono l'abside e la stupenda cupola arabo-normanna, ornata da 128 piccole colonne di marmo distribuite su due ordini.

34

Sicuramente merita di essere visitato il Castello Angioino. Qui nel 1345 è stato strangolato Andrea d'Ungheria, ossia il primo marito di Giovanna I Regina di Napoli. Sempre qua, tre anni dopo suo fratello Ludovico, Re d'Ungheria, ha invitato al banchetto quanti avevano partecipato all'assassinio. La Chiesa di S. Maria a Piazza, la più antica di Aversa. È collocata in corrispondenza della piazza del mercato pubblico, al di fuori della prima cerchia di mura cittadine, ed è precedente all'arrivo della dominazione dei Normanni. La Cattedrale che risale ai Normanni ed è stata ristrutturata nel 1700, dell'antica struttura conserva la forma ottagonale con due archi sostenuti da colonne. Il campanile risale, invece, al 1400 e conserva ancora degli incastri in marmo. Appena all'interno di esso si può notare che gira attorno al presbiterio e possiede delle volte abbastanza ampie. Le pareti con bassorilievo risalgono al X secolo e vi è custodito un crocifisso risalente al 1200.

Continua la lettura
44

La Chiesa di San Francesco, invece, è stata costruita nell'XI secolo. All'interno contiene una serie di stupende tele della scuola di Francesco de Mura e l'Adorazione dei Pastori di Pietro da Cortona. Aversa, oltre alla sua storia millenaria, deve la fama a quello che è considerato il prodotto tipico per eccellenza della Campania, ossia la rinomata mozzarella di bufala. Numerosi sono i caseifici dislocati tutto intorno all'agro aversano. Insomma è una località che merita, nel modo più assoluto, di essere visitata.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

I 10 migliori monumenti di Palermo

Palermo è sicuramente una delle città più belle d’Italia e può vantare un patrimonio storico e culturale veramente invidiabile. La ricchezza artistica della città è tale da rendere spesso ardua una scelta concreta sui monumenti da visitare. Tenendo...
Europa

Come visitare il castello di Misilmeri

Arroccato su di una rupe si erge il Castello dell’Emiro, con il centro abitato di Misilmeri ai suoi piedi. Che storia avventurosa si nasconde dietro di esso? Questa costruzione, di epoca arabo-normanna, è stata di recente oggetto di restauro. Le sue...
Europa

Come visitare Gerace

Gerace, città in provincia di Reggio Calabria, fu già abitata ai tempi dei preistorici, ma divenne un centro importantissimo soprattutto con i greci e i romani e successivamente fu sotto il dominio dei Normanni. Riguardo al suo nome vi sono due ipotesi:...
Europa

Come visitare Caltabellotta

Caltabellotta è uno splendido paesino, in provincia di Agrigento (Sicilia), che conta poco più di 4000 abitanti. La sua caratteristica peculiare è quella di sorgere su un’altura a 950 metri sopra il livello del mare, offrendo ai suoi visitatori un...
Italia

Cosa vedere in Sicilia

La Sicilia, senza dubbio, è l'isola più visitata del Mar Mediterraneo, ricca di storia, cultura e tradizioni, tutto l'anno tanti turisti vi giungono per visitare ed apprezzare le sue spiagge, i suoi monumenti, le sue terre ricche di agrumeti, per non...
Europa

Come visitare Castiglione di Sicilia

Castiglione di Sicilia in provincia di Catania, è uno dei comuni del Parco dell'Etna e del Parco fluviale dell'Alcantara. La sua distanza da Catania è di circa 50 chilometri, quindi è abbastanza facilmente raggiungibile. Il piccolo paese di Castiglione...
Italia

Le 10 chiese più belle di Palermo

Palermo, capoluogo della Sicilia, è una delle più belle città d'Italia. La sua storia millenaria è caratterizzata dall'incontro e dalla successione di popoli e culture anche molto diverse tra loro: Fenici, Greci, Romani, Arabi, Normanni... Ognuno...
Europa

Come visitare San Vito Dei Normanni

San Vito dei Normanni è un grazioso comune con meno di 20.000 abitanti della provincia di Brindisi in Puglia. Una splendida cittadina dove passare le vacanze data la vicinanza con lo splendido mare. Il paese infatti dista 9 km dalla costa adriatica e...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.