Come visitare Baalbek

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Antica città del Libano, Baalbek è una meraviglia tutta da scoprire. Conosciuta nell'antichità con il nome di Eliopoli - città del sole - la città risale almeno al III secolo a. C..
Visitarla significa ripercorrere la storia, emozionarsi davanti ad opere di una bellezza più unica che rara.
Curiosi di sapere come visitare Baalbek? Leggete la guida! Vi fornirà notizie utili e vi suggerirà i luoghi assolutamente da non perdere.

25

La città dista circa 85 chilometri da Beirut e sorge su un altopiano che domina la valle della Bekaa. Prima di scoprire come visitare Baalbek, dovete sapere cosa troverete in questa sacra città del Medio Oriente. Troverete i resti di un grande impero, quello romano. Lì infatti i romani diedero massima espressione alla loro potenza, erigendo costruzioni magnifiche.
Il sito archeologico è l'essenza di Baalbek. Dichiarato nel 1984 Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, richiede una visita di alcune ore. Fate dunque il pieno di energie prima di iniziare l'escursione!

35

Il sito archeologico vanta dei templi spettacolari. Tre per l'esattezza, in onore della triade Bacco, Giove e Venere. La grandiosità dei progetti ha avuto un ruolo significativo nel mantenere alta la gloria dei luoghi.
Visitate il Tempio di Bacco, il monumento meglio conservato, con le sue 42 colonne corinzie! Le colonne si innalzano al cielo per 19 metri. A superarle sono solo quelle del Tempio di Giove, il più grande tempio mai costruito dai romani. Di queste tuttavia rimane poco. Potrete osservare solo pochi elementi dei 54 originari.

Continua la lettura
45

Il Tempio di Giove sorge su fondamenta fatte di pietre mastodontiche. Grand Terrace, così si identifica questa struttura colossale. Attorno ad essa c'è tanto mistero. Gli studiosi non si spiegano come i blocchi siano arrivati a Baalbek. Lo stesso sconcerto riguarda la lavorazione, difficile da concepire persino con le tecnologie attuali. Le dimensioni dei blocchi arrivano a 20 metri di lunghezza, ed il loro peso sfiora le 1200 tonnellate. I numeri lasciano interdetti. Alcune pietre sono visibili. Vedrete con i vostri occhi, e sarà difficile trattenere lo stupore.

55

Le pietre mastodontiche non sorreggono solo il Tempio di Giove. Ce ne sono altre nel sito archeologico, ed anche nelle zone limitrofe. La più grande si trova in una cava poco distante dal complesso. Si chiama Hajar el Gouble, Pietra del Sud, ed appare imprigionata nel terreno.
Tante spiegazioni, ma nessuna convincente, lasciano in sospeso il grande enigma.
Sul luogo avrete percezione di questo mistero. Il periodo migliore per andare è tra novembre e febbraio, quando il clima è più fresco. L'estate offre però l'occasione di partecipare ad un evento importante. Si tratta del Festival internazionale di Baalbek, un appuntamento musicale da non perdere.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Fonte Ciane e il Tempio di Giove a Siracusa

In questa guida vedremo come visitare Fonte Ciane e il Tempio di Giove a Siracusa. Fonte Ciane si trova all'interno della riserva naturale regionale orientata al Fiume Ciane e alle Saline di Siracusa. Si tratta di una zona suggestiva e per questo la più...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare la Valle dei Templi ad Agrigento

L'Italia rappresenta un paese ricco di storia, di arte e di cultura. È per questo motivo che turisti da tutto il mondo vi giungono per ammirarne le infinite bellezze. Tra queste non bisogna assolutamente sottovalutare la Valle dei Templi situata ad Agrigento,storico...
Consigli di Viaggio

Sicilia: i 5 siti archeologici più belli

La Sicilia vanta un passato ricco di storia e di eventi. La sua posizione geografica ne ha fatto una meta strategica per le varie popolazioni che si sono avvicendate fin dall'antichità, lasciandole l'eredità di un ricco e vasto patrimonio archeologico...
Consigli di Viaggio

Corfù: guida ai siti archeologici più belli

L'estate sta per finire. Il rientro al lavoro e nelle scuole di ogni ordine e grado è dietro l'angolo. Tutti noi siamo divisi tra l'entusiasmo di un nuovo anno e i rimpianti delle vacanze che oramai sono finite. Ancora qualcuno attende con ansia le proprie...
Europa

Come visitare Il Sito Archeologico Di Delphi

Per chi ama viaggiare e l'architettura antica non possono sicuramente mancare le famose rovine dell'antica Grecia. La Grecia infatti possiede tra i più importanti siti archeologici del mediterraneo, oltre l'Italia, dove infatti ogni anno si recano milioni...
Europa

Come e perché visitare Olimpia

La Grecia è sicuramente uno dei luoghi più ricchi di storia, arte e cultura del mondo. La Grecia antica infatti è stata per moltissimo tempo la culla della civiltà dell'Occidente. Una delle città greche antiche più famose è senza dubbio Olimpia,...
Europa

Come visitare l'antica Pozzuoli

Pozzuoli in origine rappresentava lo scalo commerciale di Cuma. Venne fondata nel 528 a. C. Da un gruppo di esuli Sarni e venne soprannominata "Dicerachia" anche se, nel 421 a. C., venne ribattezzata "Sannita". Nel 228 a. C. Fu conquistata dai Romani...
Consigli di Viaggio

10 luoghi sacri più spettacolari al mondo

Al mondo sacralità e spettacolarità spesso si fondono per indurre nel credente suggestioni e impressioni divine, capaci di suscitare in lui stupore e meraviglia elevandolo al cielo. La necessità da sempre sentita di dialogare con il divino e l'eterno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.