Come visitare Campobello di Mazara

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Campobello di Mazara è un comune della Sicilia che si trova nella provincia di Trapani. Il Paese è caratterizzato geograficamente dalla presenza di uliveti, vigneti e agrumeti, coltivati con cura e disposti con ordine lungo il territorio. Luoghi di particolare interesse di questo Paese sono le Cave di Cusa, un sito archeologico molto importante dal punto di vista storico, e il Museo della vita e del lavoro contadino, memoria storica della città. Nel seguito sarà spiegato come visitare Campobello di Mazara.

24

Quando si arriva a Campobello di Mazara si passa sulle cosiddette Sciare (un termine che deriva da un'espressione araba che significa 'terra arida'), costituite da un susseguirsi di suoli rocciosi caratterizzati da una vegetazione molto bassa. Proseguendo il cammino si ammira la rigogliosa campagna, ben coltivata. Verso occidente si può notare come la vegetazione prenda le caratteristiche della macchia mediterranea. Più avanti, è evidente un sistema di dune costiere formatesi per l'azione del vento che viene dal mare: a primavera si colorano di rosa e di bianco per la fioritura emergente.

34

Sempre verso ovest, a ridosso della macchia mediterranea, si trovano le affascinanti Cave di Cusa, ricche di tufo calcareo, un materiale che gli antichi coloni greci estrassero in gran quantità per costruire le enormi colonne che sorreggevano i templi della vicina città di Selinunte, distante da Campobello circa 11 km.
Queste cave rappresentano un luogo archeologico unico al mondo, per le vicissitudini storiche che l'hanno interessato, che ci hanno consegnato una fotografia di ciò che avvenne tantissimo tempo fa.
L'attività di estrazione e di lavoro nelle Cave fu infatti interrotta circa 2500 anni fa e mai più portata a termine, a causa delle minacce di assedio da parte dei Cartaginesi che incombevano sui coloni. Restano ancora lì, quindi, diversi blocchi di tufo abbandonati per strada, diretti a Selinunte: sono ricchi di incisioni che ci fanno capire come veniva effettuato il lavoro di estrazione e di trasporto del tufo.

Continua la lettura
44

Edifici antichi di Campobello sono il Palazzo ducale, di origine medievale, e la Chiesa Madre, dedicata a S. Maria delle Grazie, già eretta nel 16° secolo; s'innalza poi la Torre dell'orologio, alta circa 27 m, della seconda metà del 19° secolo.
Dal punto di vista della conservazione delle tradizioni, va visitato il Museo della vita e del lavoro contadino. In esso sono conservati numerosi attrezzi della civiltà rurale del luogo, che servivano per arare, seminare, mietere; sono presenti anche le lavorazioni fatte a mano intrecciando la palma nana, una specie molto diffusa nel territorio. Interessante è anche la ricostruzione dell'interno di una casa contadina dell'epoca.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Le più belle spiagge di Trapani

Il mese di luglio è appena iniziato e con esso stanno finendo anche gli esami di maturità, gli esami universitari ed i primi lavoratori cominciano a pensare alle ferie estive. Il momento più atteso dell'anno sta arrivando, questi mesi di ristoro serviranno...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere l'isola di Pantelleria

Non sono molte le persone che hanno visitato l'isola di Pantelleria, ma ancor di meno quelle che sanno come arrivarci. Questa guida, pertanto, nasce per far sì che tutti, indifferentemente, possano raggiungere questo splendore e scoprirne le meraviglie...
Italia

I migliori agriturismi in Sicilia

La Sicilia è un'isola dalle bellezze paesaggistiche e naturali impareggiabili. Infatti chi l'ha visitata almeno una volta, è ritornato a casa un po' a malincuore. Questo perché toglie letteralmente il fiato con i suoi paesaggi straordinari. Se siete...
Consigli di Viaggio

Come visitare le isole Egadi

Ci sarà sicuramente capitato, almeno una volta, di dover organizzare una vacanza e per farlo generalmente ci rivolgiamo presso delle agenzie di viaggio, in modo da essere sempre certi che il nostro viaggio sia perfetto. Tuttavia in questo modo, il costo...
Europa

Cosa vedere a Sovana

All'interno della guida vedremo come e Cosa Vedere A Sovana, una cittadella toscana che racconta la misteriosa storia degli etruschi, le affascinanti passeggiate medievali e le belle tradizioni di una volta. Se vuoi trascorrere una giornata alternativa,...
Italia

Guida ai più bei parchi di Roma

Nella capitale italiana immensi parchi, ville comunali e bei giardini si susseguono e concorrono a mitigare lo smog causato dal traffico, offrendo una valida alternativa ludica a chi non si allontana dalla città durante l'estate e, diventando un punto...
Europa

Come visitare le Isole Baleari

Le isole Baleari sono una comunità autonoma della Spagna; arcipelago del mar Mediterraneo occidentale. Le Isole Baleari offrono spiagge stupende, mare pulito e tanto divertimento notturno; sono ricche di storia e cultura e vi sono molti luoghi da visitare.Quando...
Europa

Come visitare Favignana

Nelle bellissime acque del Mediterraneo occidentale, in prossimità della Sicilia, si trova Favignana, l'isola più grande del famosissimo arcipelago delle Egadi. Distante circa nove miglia dalla città di Trapani l'isola si estende per 19,38 Kmq: grazie...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.