Come visitare Dinnammare e il santuario degli innamorati

tramite: O2O
Difficoltà: facile
110

Introduzione

Il monte Dinnammare, si trova a sud di Messina, si chiama così perché si affaccia tra due mari: lo Jonio ed il Tirreno. Esso da anche il nome al santuario, nascosto sulla sua vetta e ribattezzato dagli abitanti “Santuario degli Innamorati”. Chi si trova nelle vicinanze, non può non visitare questo luogo, che offre un panorama spettacolare e molto suggestivo.

210

Occorrente

  • Un mezzo proprio con cui recarsi sul posto
310

Raggiungere il monte è abbastanza semplice, ma necessariamente serve un mezzo motorizzato. Innanzitutto bisogna raggiungere Messina, quindi imboccare lo svincolo di Messina centro. Percorrere viale Europa, lato monte, svoltare a destra una volta giunto al secondo semaforo. Dall'autostrada, svoltare naturalmente a destra, una volta giunti in località "Camaro".

410

Seguendo le indicazioni stradali per Il Santuario, si percorrerà per una decina di chilometri una strada piena di tornanti Arrivati ad una altezza di 460 m. S. L. M. Ci si può fermare presso "Don Minico". Nelle vicinanze, si trovano diverse località turistiche come Ganzirri, Torre Faro, Capo Peloro. Qui è possibile ristorarsi e mangiare presso ottimi ristoranti, oltre che ammirare le meraviglie del mare.

Continua la lettura
510

Ripreso il cammino verso Dinnammare, si continua lungo uno strada anche essa piena di curve, ma da cui si possono ammirare oltre al mare, la vegetazione che circonda il monte, a metà strada si incontra un parco, recintato in legno, dove è possibile fermarsi a fare una passeggiata o consumare il pranzo sugli appositi tavoli.

610

Proseguendo per qualche chilometro si giunge sulla cima del monte. Qui lo spettacolo che si presenta è mozzafiato, guardando ad oriente, un panorama magnifico offerto dall’Appennino Calabro e dallo Stretto di Messina, infatti è possibile ammirare sia le coste calabre che quelle messinesi. Svolgendo lo sguardo ad oriente invece non passano inosservate le Isole Eolie, oltre che Tindari e Milazzo, con le loro case.

710

Sulla parte più alta del monte si trova anche il Santuario, una costruzione è abbastanza semplice, il cui interno è poco illuminato, e completamente in pietra. Al centro si trova l'altare dedicato alla Madonna, dove si può pregare, davanti ad un antico quadro, che si ipotizza di epoca bizantina, che ritrae la Beata Vergine Maria. Sulla destra dell'altare c'è un grande libro, dove è possibile annotare la propria presenza e lasciare una preghiera o un'intenzione alla Vergine Santa.

810

Proseguendo oltre il Santuario si trova un'altra piazzetta, qui si presenta un ulteriore panorama spettacolare, fatto di colline che si elevano dal mare, dalle case dei paesi vicini ed inoltre da lontano è possibile scorgere anche l'Etna.

910

La visita a Dinnammare uno dei uno dei luoghi più suggestivi dei Colli Messinesi è così conclusa. Si può fare ritorno verso Messina seguendo la segnaletica e facendo attenzione alle curve oltre che a persone o animali che potrebbero transita-re, in quanto per scendere, bisogna imboccare una stradina diversa da quella dell'andata.

1010

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Naturalmente ti consiglio la visita a Dinnammare in condizioni di tmpo sereno. Non ti conviene quando è nebbioso, a meno che tu non voglia solo andare al Santuario. Nelle giornate di nebbia e maltempo, infatti, da lassù non si vede alcun paesaggio.
  • Se provieni invece dalla SS 113 arrivato all'ingresso per lo svincolo di Villafranca Tirrena prosegui verso Gesso. Attraversa località Gesso e Locanda e sempre seguendo la strada giungerai da "Don Minico". Da lì procedi come indicato nella guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il Santuario Maria Assunta a Varallo Sesia

Se ambirai a visitare questo bellissimo santuario, dovrai prepararti anche spiritualmente ad affrontare un percorso per giungere in cima. Esso è infatti situato sul Sacro Monte Varallo, che tra i Monti Sacri è il più antico e riveste un grande interesse...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere e visitare il santuario di Santa Rosalia a Palermo

In ogni città, paese, comune d'Italia, perfino in ogni piccola frazione vi è un Santo Patrono, a cui sono state dedicate le Chiese ed a cui si rivolgono i fedeli, soprattutto nei momenti più difficili della loro esistenza per aiuti e preghiere. Ogni...
Consigli di Viaggio

Come visitare il santuario di Santa Rosalia a Palermo

Il Santuario di Santa Rosalia si trova sul monte Pellegrino, nella città di Palermo, ed è tutt’uno con la grotta, la stessa in cui il 15 luglio 1624 fu trovato il corpo della santa e nella quale lei si rifugiò fino alla morte. La sua struttura è...
Europa

Come visitare Valverde

Valverde è un piccolo comune sulle pendici sud est dell'Etna. Sorge a 305 mt s. L. M. E i primi insediamenti risalgono al tardo medioevo ad opera degli abitanti acesi che dalle coste si ritirarono nelle colline per trovare rifugio dai continui attacchi...
Italia

Come visitare il Santuario de La Verna

Per chi è devoto a San Francesco, o semplicemente per chi ama le chiese e la natura, il santuario de La Verna è proprio una meta indicata da visitare. La Verna, diventato celebre grazie ai suoi frati francescani che offrono il loro servigio sin dall'inizio...
Consigli di Viaggio

Come visitare Bologna: Santuario Beata Vergine di San Luca

La visita nella straordinaria Bologna potrebbe essere terminata con un mini-tour che, dal centro della città, conduce ad ispezionare uno dei famosi colli accerchianti il territorio bolognese, ovvero il Colle della Guardia. Precisamente, si tratta di...
Europa

Come visitare il Santuario del Divino Amore a Roma

Il santuario della Madonna del Divino Amore è un santuario di Roma composto da due chiese: quella antica è del 1745, quella nuova è invece del 1999. È tuttora una meta di pellegrinaggio cara ai romani. Durante l'estate ogni sabato si tiene un pellegrinaggio...
Europa

Come visitare il Santuario della Madonna delle Grazie di Ardesio

In una stanza della casa del signor Salera c'era un'immagine sacra, dipinta da Busca di Clusone e raffigurante Gesù crocefisso con la Madonna e alcuni Santi a lato. Fu in questa stanza che il 23 giugno del 1607 che alle figlie di Salera apparve la Madonna...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.