Come visitare Dozza

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La storia di Dozza (Dòza in romagnolo) è stata condizionata fin dai tempi antichi dalla mancanza di acqua. Vi allude persino il suo stemma comunale, che raffigura un grifo che si sta abbeverando, vi allude. La maestosa rocca sforzesca domina il borgo medievale, incastonato tra prati di un verde brillante e ricche vigne delle dolci colline romagnole. La zona è nota anche per il vino che produce, di ottima qualità. Appartenuta all'esarcato, venne poi conquistata dai Carolingi. Dopo aver sperimentato insieme al resto della Romagna il governo di Cesare Borgia, ritornò allo Stato della Chiesa, per essere concessa in qualità di feudo da Papa Clemente VII ai Malvezzi. In seguito, fu contesa a lungo dalle famiglie bolognesi Campeggi e Malvezzi per la sua posizione strategica rispetto la Via Emilia. Così, verso la fine della seconda guerra mondiale, dopo lo sfondamento della Linea Gotica, fu teatro di scontri tra le forze alleate e le truppe tedesche in ritirata. Scopriamo insieme Come visitare Dozza.

27

Occorrente

  • scarpe da ginnastica
  • macchina fotografica
37

In auto, percorrendo la tratta dell'autostrada A 14 Bologna-Ancona, si esce a Castel San Pietro Terme (se provenienti da nord) o ad Imola (se venite invece da sud); successivamente si prosegue per la Via Emilia fino ad arrivare al bivio per Dozza. L’aeroporto più prossimo è il Marconi di Bologna. In treno, bisogna scendere alla stazione di Imola o di Castel San Pietro. Esiste anche un servizio di Pronto Bus (il 147 dell’ATC di Bologna) con linea a prenotazione, che consente collegamenti da Dozza per Toscanella, Imola e Bologna.

47

La Rocchetta di origine trecentesca fu voluta dai Bolognesi per proteggere l'ingresso del borgo. La maestosa Rocca Sforzesca fu invece ricostruita per volontà di Caterina Sforza, Signora di Imola e di Dozza. La struttura è ben conservata ma gli interventi dei proprietari successivi ne hanno rinforzato le prerogative residenziali. Potrete visitare le cucine dell'epoca, dai singolari utensili che risalgono al '500, e le stanze signorili arredate con legni e tessuti, ulteriormente impreziosite da arazzi settecenteschi. Vi aggirerete nella sala delle armi, addentrandovi infine con un certo timore nelle prigioni, dove vedrete con i vostri occhi gli strumenti di tortura e il pozzo a rasoio. Nella rocca è presente una pinacoteca che contiene una collezione di opere della pittrice bolognese Norma Mascellani. Inoltre vi è sita l'enoteca regionale dell'Emilia Romagna.

Continua la lettura
57

Dozza possiede però una qualcosa che la rende unica. Infatti, se farete una piacevole passeggiata percorrendo le vie acciottolate di questo borgo magico, non avrete solo il panorama, le linde casette dai vasi fioriti alle finestre, gli archi e le scalinate di pietra da ammirare. Vi capiterà di imbattervi negli scenografici murales, che trasformano questo borgo in un vero e proprio libro illustrato. Essi sono il lascito della Biennale del Muro Dipinto, una manifestazione nata nel 1965 che ogni due anni a settembre vede artisti famosi impegnati per quattro giorni a realizzare una galleria d'arte permanente a cielo aperto, lasciando tracce di sé e del proprio stile peculiare. Alcuni murales hanno colori brillanti, mentre altri sono più rovinati dal trascorrere del tempo. Ce ne sono di geniali! Tra i più caratteristici vi è l'angelo.

67

La chiesa parrocchiale contiene una lunetta scultorea longobarda e una pregevole tela della fine '400 con la Madonna col Bambino. Tra le manifestazioni tradizionali legate al sacro vi sono le rappresentazioni e le processioni, in particolare la via Crucis durante la Settimana Santa. Non vanno dimenticate la Festa delle Arzdore, all'inizio di settembre, dove memorabili piatti romagnoli quali i tortellini, le tagliatelle, le piadine, le braciole di castrato servono alla raccolta fondi. Ogni anno, l’8 maggio, ha luogo Winetrail, una corsa di 16 km tra campi, colline e vigneti che si conclude con la degustazione di vini locali e piatti tipici.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per prenotare la corsa, telefona almeno un'ora prima rispetto alla corsa scelta al numero 051 290 299 dalle 6.00 alle 20.00 nei feriali e dalle 7.00 alle 20.00 durante i festivi
  • Puoi parcheggiare gratuitamente fuori dalle mura
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Come organizzare un itinerario turistico in Emilia Romagna

L'unica vera difficoltà che si può riscontrare nel capire come organizzare un itinerario turistico in Emilia Romagna è nella varietà di scelta: troppe cose da vedere, e tutte troppo belle. Situata al Centro-Nord, e distribuita in 9 province, l'Emilia...
Consigli di Viaggio

Come visitare i monumenti più importanti di Modena

Modena è una città molto sviluppata che si trova nella regione dell'Emilia Romagna. È una città dove è possibile visitare molti monumenti importanti, in quanto si trovano molti edifici ricchi di storia. Tra l'altro questa fantastica città gode di...
Consigli di Viaggio

Come visitare acquaviva picena in un giorno

In questa guida vi faremo alcune informazioni su come arrivare e trascorrere una bellissima giornata nel borgo di Acquaviva Picena. Il borgo è stato costruito attorno alla sua poderosa rocca realizzata verso la fine del 1400 e ancora oggi ne è la principale...
Italia

Come visitare i dintorni di Bologna

Chiunque ama viaggiare, si sarà sicuramente posto come obiettivo, quello di visitare la famosissima Bologna. Questa città vanta più di 300.000 abitanti, e difatti è annoverato, tra i primi sette comuni in Italia, come densità di popolazione. Essa,...
Italia

Emilia Romagna: come muoversi e cosa visitare

Nella guida seguente, saranno fornite informazioni circa un'area specifica, quella dell'Emilia Romagna: come muoversi e cosa visitare di questa regione non sarà più un mistero. La penisola italiana si configura attualmente come una delle più ambite...
Italia

Bologna e i suoi monumenti

Nel nostro Paese, sono presenti numerose città colme di storia, molte delle quali però non sono conosciute come invece meriterebbero. Una di queste è sicuramente Bologna. Capoluogo della regione Emilia-Romagna, situata nel cuore della Pianura Padana,...
Italia

I Castelli dell'Emilia Romagna

Sono in molti ad amare lo stile meraviglioso dei Castelli, i quali ancora oggi possono essere visitati ed ammirati in moltissime città. Di certo, tramite un'accurata ricerca sul web e tramite i consigli di questa utilissima guida, potrete progettare...
Europa

Come visitare Faenza

Faenza è un comune italiano situato nella regione dell'Emilia Romagna. Essa è posta sulla via Emilia tra le città di Imola e Forlì. Gli abitanti di tale cittadina, oltre ad essere denominati faentini, vengono chiamati anche "manfredi", nome derivante...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.