Come visitare Gratteri

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Gratteri è un piccolo paese, di circa 1000 abitanti, della provincia di Palermo, da cui dista poco più di 70 Km. Raggiungere tale località non è molto semplice con i mezzi pubblici perché, oltre a non esserci una stazione ferroviaria, ci sono pochi autobus di linea. Per cui il mezzo consigliato è sicuramente l'auto privata. Per il panorama caratteristico di Gratteri, tipico della Sicilia, i suoi monumenti (fra tutti l'Abbazia di San Giorgio, la Chiesa Madre, la Chiesa di San Sebastiano...) vale veramente la pena trascorrere un po' di tempo qui. Inoltre, è importante ricordare che è una meta da tenere ben a mente se si è in vacanza in Sicilia. In questa guida cercherò, appunto, di dirvi come visitare Gratteri.

26

Occorrente

  • automobile
  • cartina stradale o navigatore satellitare
36

Va fin da subito detto che, pur essendo un piccolo paesino, Gratteri vi offre la possibilità di vedere diversi monumenti, oltre che di godere di un vasto e meraviglioso panorama che va da Palermo fino alla splendida Cefalù (paese di circa 15.000 abitanti situato sulla costa siciliana settentrionale).
Una volta giunti a Gratteri, potete iniziare la vostra visita, rigorosamente a piedi, con il suo castello di cui oggi restano poche rovine (come potete vedere nella foto). Una parte del luogo in cui era situato è costeggiata da un precipizio mentre la porta d'ingresso che ancora permane è preceduta da una ripida salita.

46

A pochi passi dalla Chiesa Madre troverete anche la Chiesa di San Sebastiano che sorge in una viuzza alquanto stretta. La sua facciata è affiancata da un imponente campanile mentre la sua porta d'ingresso è preceduta da una scalinata laterale, realizzata in pietra. L'interno presenta tre navate divise da due ordini di colonnati in marmo. Meritano inoltre di essere citate (ma meglio ancora vederle dal vivo) la Chiesa di S. Giacomo e della Matrice Vecchia. Se decidete di venire a fare visita a Gratteri, vi consiglierei di farlo nel mese di Settembre (in particolare l'8 e il 9). Dal 1860, infatti, in questi due giorni si celebra la festa di San Giacomo, Santo Patrono di Gratteri.

Continua la lettura
56

Poi, proseguite la vostra visita con la Chiesa Madre (qui rappresentata in foto) che si trova nel centro del paese. Essa presenta all'esterno un unico portale fiancheggiato da colonne e sormontato da una finestra chiusa da una vetrata colorata che fornisce anche luce all'interno. Quest'ultimo presenta un'unica navata ai cui lati sorgono due arcate. Molto bello, all'interno, è il crocifisso ligneo del 1900 (ad opera di M. Cervello). L'abside invece è sormontata da un tetto a botte splendidamente affrescato.
Sempre all'interno della Chiesa Madre merita ricordare il Ciborio Marmoreo, la Cappella SS. Sacramento e la fonte battesimale (in stile Gaginiano).

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • indispensabile avere con sè una macchina fotografica per immortalare la bellezza di questi posti
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Villarosa

Visitare Villarosa, beh è una parola! Come? Forse con l'elicottero... Di questi tempi ha infatti detenuto la fascia del "comune più isolato della Sicilia". Che cosa è successo oltre un anno fa? Un evento franoso ha creato per diversi mesi uno stato...
Italia

Guida alle più belle chiese di Palermo

La città di Palermo gode di una posizione geografica invidiabile, adagiata fra il mare, il promontorio di Monte Pellegrino e gli agrumeti della Conca d'oro. Sole, mare e bellezze artistiche caratterizzano questo luogo affascinante e ricco di storia e...
Italia

I migliori ristoranti di Palermo

La Sicilia è terra del sole e del mare, un luogo di tradizioni culinarie e sapori inconfondibili. I due elementi naturali forniscono specialità di carne, di pesce, granite, caponate, cassate e numerosi vini locali. Ogni ristorante offre ai suoi ospiti...
Consigli di Viaggio

I 10 migliori monumenti di Palermo

Palermo è sicuramente una delle città più belle d’Italia e può vantare un patrimonio storico e culturale veramente invidiabile. La ricchezza artistica della città è tale da rendere spesso ardua una scelta concreta sui monumenti da visitare. Tenendo...
Italia

Guida ai più importanti musei di Palermo

Palermo, capoluogo della Sicilia, venne fondata dai Fenici nel lontano 734 a. C. Conquistata dai Romani e poi dai Bizantini, nel IX secolo conobbe la dominazione musulmana Nord africana. Seguirono i Normanni (fino al XII secolo) ed infine gli Spagnoli....
Consigli di Viaggio

Come arrivare al Santuario di Gibilmanna

Il Santuario di Gibilmanna, come tutte quante le costruzioni sacre che si rispettano, è dedicato ad un Santo e, nella fattispecie, alla Beata Vergine. Questo luogo rappresenta, sicuramente, uno dei più conosciuti e celebrati Santuari presenti nella...
Consigli di Viaggio

Come e cosa visitare a Palermo

Palermo potrebbe essere definita anche la città dei primati. Il lampadario di Murano custodito nella sala da ballo del Palazzo Pietretagliata, è uno degli esemplari più grandi al mondo; come pure la collezione di Arte Etrusca del Museo Salinas, è...
Italia

I più bei castelli della Sicilia

La Sicilia è l'isola italiana più grande, nonché una delle perle del Mediterraneo. Nove sono le province che la compongono (Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Agrigento, Caltanissetta, Trapani), anche se da Marzo 2014 si parla di solo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.