Come visitare i giardini di Versailles

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Cari amici, mi accingo a raccontarvi un'esperienza davvero indimenticabile. Scoprirete come visitare i giardini di Versailles. Pensate che in origine questi curatissimi giardini erano occupati da foreste e stagni putridi finché Luigi XIV, il famoso Re Sole, ha deciso di trasformare interamente Versailles, rendendola lo specchio della sua potenza. La prima cosa da fare è naturalmente quella di raggiungere Versailles. Partendo da Parigi, dovrete quindi prendere il primo treno della SNCF che, attraversando il dipartimento di Yvelines, includa uno stop presso la vostra meta. Più precisamente, da Paris Montparnasse si scende a Versailles Chantiers, mentre da Paris Saint Lazare la vostra fermata sarà Versailles Rive Droite. Qui vi aspetta una lunga camminata, se possibile accompagnati da un solerte francese: ciò vi eviterà di perdervi, senza sprecare del tempo prezioso. Per questo, dovrete purtroppo rifiutare il caffè! L'alternativa per chi non è motorizzato è la linea C5 della RER, fino al capolinea, cioè la stazione Versailles Rive Gauche. In molti la consigliano per la maggiore comodità e per il fatto che giunge più vicina alla vostra destinazione finale.

28

Occorrente

  • smartphone
  • biglietto di ingresso
  • piantina del parco
38

Vi troverete finalmente di fronte alla reggia, decisamente bella da mozzare il fiato. Quanti film, quante illustrazioni viste sui libri vi verranno subito in mente... Vi sembrerà un luogo familiare. Chissà, magari in un'altra vita qui eravate un abitué. C'è però qualcosa di molto meno bello, anzi davvero sgradevole. Non importa quanto possiate essere arrivati presto: dovete sapere che migliaia di persone non vedono l'ora di aggirarsi nei giardini della reggia, pregustando già di tornare indietro nel tempo con la fantasia, al cospetto del Re Sole o di Maria Antonietta. Proprio come voi! Troverete infatti decine di pullman vuoti, e questo non è ancora nulla rispetto alle preoccupanti orde di turisti che stazionano fuori, nello spiazzo enorme davanti ai cancelli, aspettando pazientemente il loro turno.

48

La brutta notizia è proprio quella delle code. Qui sono addirittura due: come se già non bastasse quella noiosissima per la biglietteria, ce n'è una ulteriore, ancor più lunga, relativa ai controlli di sicurezza. La buona notizia è che se siete motorizzati il parcheggio in auto invece non rappresenta grandi problemi, come ho potuto osservare attraversando la tranquilla e linda cittadina per recarmi di nuovo alla stazione, affrontando soddisfatta il viaggio di ritorno nel tardo pomeriggio.
In estate l'apertura dei giardini dura fino alle 20.30. Mi raccomando però: non mettetevi in viaggio di lunedì, nel giorno di Natale, il primo dell'anno o il primo maggio, insomma durante alcune tra le festività più sacre (non intendo solo in ambito religioso, come potete vedere): trovereste chiuso l'accesso ai giardini dei vostri sogni.

Continua la lettura
58

Vi do alcune anticipazioni su ciò che vedrete, e che non dovete assolutamente perdervi. Qui la mitologia si intreccia con le favole. Intanto dovete sapere che i più importanti scultori di quel periodo lavorano alle sculture del giardino (circa 300) Bernini incluso. Charles Perrault invece ebbe la brillante idea di 32 fontane corrispondenti alle favole di Esopo. André le Notre delineò un percorso nella natura, diviso in due assi principali. La partenza è proprio di fronte al Salone degli Specchi. Qui ammirerete la fontana di Apollo alla guida del carro solare, un'evidente allegoria di Luigi XIV. Poi proseguite in tutta tranquillità costeggiando le rinfrescanti e smisurate vasche del Grand Canal. Rimirate i giochi d'acqua delle fontane in tutta la loro originalità, assorbendone la bellezza tramite i vostri occhi. E non dimenticatevi del boschetto di conchiglie e del giardino di pietra.

68

Ma passiamo alla parte pratica: dove si comprano i biglietti? Nelle biglietterie in loco oppure online, direttamente sul sito ufficiale della reggia, disponibile in più lingue. Con questa soluzione per lo meno salterete la coda della biglietteria. Per esempio, grazie al biglietto Passport potrete vedere un sacco di cose oltre ai giardini, ossia la reggia, il parco, il Trianon, le mostre e chi più ne ha più ne metta! Il Paris Museum Pass, ossia il Pass per i musei parigini, include naturalmente anche Versailles, ma non vi evita la coda dei controlli né vi permette l'accesso quando si verificano concerti o eventi.

78

Per chi odia le code con tutto il cuore, c'è una soluzione, ovviamente pagando di più. Esistono svariate agenzie (un esempio sono i pacchetti di Getyourguide) che offrono un tour guidato, con tanto di guida italiana o di audio-guida, ed il bello è che è incluso il servizio di schivare entrambe le code. Allora, buon divertimento nel lusso e nell'eleganza, prerogative dei reali di Francia.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Si sconsiglia caldamente di scegliere come giorni di visita il sabato e la domenica
  • dedicate almeno un'intera giornata a Versailles, riservando ai giardini la mattina o il pomeriggio
  • Informatevi prima se in calendario sono previsti concerti o eventi particolari: in quel caso gli orari di apertura saranno soggetti a mutazioni

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Versailles A Parigi

Siete finalmente in vacanza. Ora non vi resta altro che trovare una località carina dove trascorrere un po' di tempo con la vostra famiglia, un gruppo di amici oppure da soli, in completa solitudine con voi stessi. Avete scelto di andare a Parigi, ottima...
Europa

Parigi: 5 consigli per il tempo libero

Parigi è una città che almeno una volta nella vita andrebbe visitata. La sua incredibile offerta di musei, opere architettoniche e religiose, monumenti, palazzi e giardini la rende una delle città più amate dai turisti di tutto il mondo. Una visita...
Europa

Come organizzare un week-end low cost a Parigi

Per organizzare un week-end low cost in una delle città più romantiche che esistano al mondo, quella che ha ispirato il Periodo Rosa a Picasso e La vie en rose a Édith Piaf, bisogna senz'altro iniziare per tempo. Ti sconsiglio infatti di andare in...
Europa

Come visitare il palazzo di Sanssouci a Potsdam

Potsdam sta a Berlino come Versailles sta a Parigi: si tratta di un distretto reale, in una zona salubre a ovest della città, con palazzi, giardini e parchi. Proprio come il Castello di Versailles è indissolubilmente legato alla figura del Re Sole,...
Europa

Come e cosa visitare alla Reggia di Caserta

La Reggia di Caserta è uno dei tanti monumenti più affascinanti dell'architettura italiana settecentesca, circondata da un immenso parco che si estende per circa tre chilometri. La Reggia è facilmente raggiungibile sia con i mezzi pubblici che con...
Europa

Parigi in 10 giorni

È la capitale dell'amore, della cultura, della moda. Stiamo parlando di Parigi, la Ville Lumière. Raggiungerla è molto semplice, in aereo, in treno o in auto, ed è altrettanto semplice muoversi al suo interno grazie alla fitta ma agevole rete metropolitana.È...
Europa

I castelli più belli della Polonia

La Polonia è attualmente una delle mete più gettonate in Europa, non solo perché Breslavia è capitale europea della cultura per tutto il 2016, ma anche e soprattutto perché ha saputo affrontare la recente recessione economica nel modo migliore, valorizzando...
Consigli di Viaggio

10 mete per una vacanza con i genitori

Chi l'ha detto che andare in vacanza con i propri genitori sia per forza un'esperienza noiosa e poco entusiasmante? Le vacanze in famiglia, anche se siete giovani e preferireste divertirvi con i vostri amici, possono rivelarsi invece un periodo indimenticabile,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.