Come visitare i monasteri più belli di Granada

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Granada è una delle più belle città della Spagna, capoluogo della regione che ha il suo stesso nome. È situata in prossimità delle montagne della Sierra Nevada ed alla confluenza tra due fiumi, ma ciò per cui è maggiormente nota non sono le bellezze naturalistiche quanto più i siti di interesse storico-artistico. Basti citare l'Alhambra, l'Albaicìn, con le sue ripide stradine, il Sacromonte, il quartiere dei Gitani. Per poter ammirare tutto questo è sempre meglio muoversi a piedi, e in una visita non si possono trascurare nemmeno i numerosi monasteri. Vediamo quindi insieme come visitare i monasteri più belli di Granada.

25

Una volta che ci si trova a Granada è possibile prendere come punto di riferimento la Cattedrale, un pregevole edificio rinascimentale al cui interno si trova la Cappella Reale. Ad ovest della cattedrale si imbocca Calle San Jerònimo, fino a giungere al Monasterio de San Jerònimo, il monastero di San Girolamo, struttura risalente al XVI secolo. L'architettura è un esempio dell'arte rinascimentale; presenta due chiostri a doppio ordine di archi ed è circondata da numerose piante di arancio. Nella chiesa si conserva un pregevole retablo, ovvero una pala d'altare composta da più tavole, che rappresenta la Madonna in trionfo con i Santi.

35

Una volta terminata la visita potete prendere l'autobus per raggiungere il monastero certosino dedicato a Nostra Signora dell'Assunzione, in assoluto il più importante monumento barocco di Granada. L'esterno è caratterizzato dall'impiego di pietra color sabbia, anche se la parte più impressionante della struttura è la chiesa conventuale, in cui spicca in particolar modo il Sagrario, che si trova dietro l'altare principale. Qui i decori, gli stucchi, le statue e i marmi impreziosiscono l'ambiente, insieme ad una scultura di San Bruno di José de Mora, ed agli affreschi della cupola di Tomàs Ferrer.

Continua la lettura
45

Le porte sono intarsiate in madreperla, avorio, ebano e tartaruga, opera di un monaco, José Manuel Vàsquez. L'ingresso al monastero di San Girolamo ha un costo di € 4,00 a persona, ed osserva un orario di apertura giornaliero che inizia alle ore 10:00 e termina alle 13:30 al mattino, e dalle 16:00 alle 19:30 il pomeriggio. La chiusura in inverno è anticipata alle ore 18:00. Anche la Certosa prevede un ticket di € 4,00; apre, nel periodo che va da aprile ad ottobre, dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16.00 alle 20:00, mentre tra novembre e marzo si può visitare dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 15.00 alle 18:00. Non mi resta che augurarvi buon viaggio.

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • L'ingresso al monastero di San Girolamo ha un costo di € 4,00 a persona, ed osserva un orario di apertura giornaliero che inizia alle ore 10:00 e termina alle 13:30 al mattino, e dalle 16:00 alle 19:30 il pomeriggio.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Granada

Granada città affascinante dell'entroterra dell'Andalusia, nella sua immensa bellezza è paragonata ad una gemma incastonata tra le montagne. Questa città spagnola è accogliente in ogni periodo dell'anno, poiché offre sempre spunti differenti e interessanti....
Europa

Come visitare l'Albaicìn a Granada

L'Albaicìn è uno dei quartieri più affollati e suggestivi della città di Granada, sicuramente da visitare. Il distretto dell'Albaicìn sorge sulla collina esattamente davanti l'Alhambra ed è il sito della prima fortezza araba. Passeggiare per questo...
Europa

Come visitare chiese, castelli e monasteri d'Aragona

L'Aragona è una comunità autonoma che si trova nel nord est della Spagna, la cui capitale è Saragozza. Si tratta di una regione ricca di bellezze naturalistiche, ma di grande interesse soprattutto per gli amanti dell'arte e dell'architettura medievale....
Europa

Alla scoperta dell'Andalusia: Granada

Granada è il capoluogo della Provincia dell’Andalusia, situata nel sud della Spagna alle pendici della Sierra Nevada, ed è una delle città più visitate di tutto il paese. Il motivo di tanto interesse sta nell’immenso patrimonio architettonico...
Europa

Come organizzare una vacanza a Granada

Granada è la città spagnola che sarebbe necessario vedere almeno una volta nella vita. Da molti indicata come la più bella della penisola iberica, Granada è capoluogo della provincia a cui ha dato il nome, tra le più conosciute della regione dell'Andalusia....
Europa

I 10 posti più belli da visitare in Europa

L'Europa è uno dei territori al mondo più ricchi e affascinanti per il suo immenso e variegato patrimonio ambientale e paesaggistico, per la sua storia segnata da una lunghissima serie di grandi eventi culturali, sociali ed economici, per le sue splendide...
Europa

I 5 giardini più belli d'Europa

Specialmente durante la stagione primaverile cosa c'è di di piacevole e rilassante di una bella giornata trascoscorsa ad ammirare le bellezze naturali che solo un giardino curato e fiorito può donarci? Nella seguente guida, illustreremo i 5 giardini...
Europa

I castelli più belli d'Irlanda

L'Irlanda è sicuramente una terra piena di fascino e storia. Tutti conosciamo l'Irlanda per i suoi paesaggi meravigliosi e per i suoi scenari incantevoli. Inoltre essendo stato crocevia di tanti popoli e culture, troviamo dei bellissimi monasteri e castelli....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.