Come visitare I territori dominati dal Vulture

tramite: O2O
Difficoltà: facile
19

Introduzione

L'Italia è un paese ricco di meraviglie, di luoghi fantastici ed incontaminati, dove la natura è ancora la padrona indiscussa dell'ambiente, e dove è possibile passare giornate intere a rilassarsi immersi nel verde. Di tanto in tanto visitare questi luoghi potrebbe ritemprarci e far rilassare, lontani dallo stresso quotidiano della vita. Avete voglia di visitare un posto fantastico? In questa guida cercheremo di illustrarvi come visitare i territori dominati dal Vulture. I centri urbani presenti nell'itinerario sono disposti intorno alle pendici del cratere, posti armoniosamente in una cornice naturale a creare unn comprensorio singolare. Ne fanno da cornice l'atmosfera tersa e tranquilla, la ricchezza di una flora rigogliosa e una fauna molto rara in cui spicca su tutte la presenza della "bramea europea", una farfalla notturna originaria dell'Asia. In questa guida vi daremo utili suggerimenti su come visitare i territori dominati dal Vulture, guidandovi in un viaggio virtuale alla scoperta di questi luoghi incontaminati e dandovi consigli su come organizzare un viaggio da queste parti. Quindi mettetevi comodi e godetevi l'avventura.

29

Occorrente

  • una macchina o un pulmann organizzato e unpò di voglia di camminare
39

Accattivante per la rara bellezza della natura, oltre che per il notevole interesse storico, è il paesaggio dominato dal massiccio del Vulture, un vulcano, ormai spento, attorno al quale si delinea una sub-regione, distinta dal resto del territorio lucano proprio per le sue peculiarità. Addentrandosi in questi posti si avrá la sensazione che sono sopravvissuti sia alla normale usura del tempo, sia all'incuria e alla stupiditá dell'uomo ma soprattutto alla violenza dei terremoti, appariranno intatti ai nostri occhi così come li cantò all'incirca duemila anni fa il famosissimo poeta latino Orazio.

49

Il centro più importante e di maggiore rilievo storico è Melfi. Situata su un'altura proprio alle pendici del Vulture, la cittá nacque in un territorio già frequentato addirittura in epoca preistorica, località scelta dall'imperatore Federico II eaclusivamente come meta estiva. Si può accedere al nucleo antico, circondato da mura normanne, dalla porta Venosina, di età sveva, e si potrà notare il centro storico costruito intorno al duomo romanico e all'imponente castello normanno, che domina l'abitato con le sue sette fantastiche torri.
Al suo interno si trova il Museo Archeologico Nazionale, il quale raccoglie molte e significative testimonianze di età preistorica, classica e imperiale, come il sarcofago di Rapolla risalente al II secolo d. C.

Continua la lettura
59

Visitata Melfi, segui la statale 401 piuttosto tortuosa, e durante il percorso lasciati distrarre dall'affascinante panorama della valle dell'Ofanto.
A questo punto devi necessariamente sostare a Monticchio, dove puoi notare due bacini lacustri che occupano le bocche spente del vulcano, il lago Grande, di colore Azzurro, con le sponde ricoperte di vegetazione acquatica e il lago Piccolo, verde, circondato da faggi, pioppi e ontani.
Li separa un istmo, sul quale potrai vedere i ruderi dell'Abbazia Benedettina di Sant'Ippolito e i resti di una chiesa più antica, di tipo bizantino.
Dai laghi puoi salire in funivia la vetta panoramica del Vulture.

69

Attraverso percorsi pedonali o meglio ancora tramite una sensazionale passeggiata a cavallo si raggiunge l'Abbazia di San Michele, che spicca dai fitti boschi in un luogo di grande suggestione per la solitudine e la posizione elevata e di controllo sui due laghi.
Il monastero, nato su una grotta abitata anticamente dai monaci basiliani, fu ricostruito nel settecento nelle forme in cui puoi ammirarlo oggi.
Attraverso un bosco di faggi e ontani, con viste panoramiche che di tanto in tanto ti si presentano si può giungere a Rionero in Vulture.
Noto centro agricolo immerso tra i famosissimi vigneti sul versante meridionale del vulcano, conserva una bella cattedrale barocca e la chiesa di Sant'Antonio, ricca di dipinti settecenteschi che consiglio di non perdere.

79

Dopo pochi chilometri si giunge adAtella, città fondata dagli Angioini nel XIV secolo.
Percorrendo la statale 93 verso Melfi ci si imbatte in Barile, centro fondato nel Quattrocento dagli albanesi, dove potrai notare molti elementi folcloristici e linguistici di quel popolo, e successivamente Rapolla, di origine greca.
In questa cittadina ti consiglio di visitare le famose grotte scavate nel tufo utilizzate esclusivamente per conservare il vino. Rapolla inoltre vanta la merqvogliosa cattedrale duecentesca e la chiesa di Santa Lucia, imponente costruzione bizantina.
È d'obbligo inoltre una capatina ai moderni stabilimenti termali famosi grazie all'utilizzo delle acque minerali della zona.

89

Effettua l'ultima sosta a Venosa: città degli Apuli, divenne colonia latina nel III secolo a. C. Col nome di Venusia. Città natale del poeta Quinto Orazio Flacco, conta tra i suoi cittadini almeno un altro grande artista, il compositore cinquecentesco Carlo Gesualdo.
A testimonianza della sua grande storia potrai notare i suoi edifici e i resti monumentali che nelle loro varietà di forme artistiche fanno di Venosa un vero gioiellino.
Ti suggerisco di visitare l'abbazia della Trinità, uno dei più importanti complessi monastici costruiti in epoca normanna in Italia meridionale, dove potrai visitare la chiesa vecchia, la casa abbaziale e le mura perimetrali della chiesa nuova, iniziata e purtroppo mai conclusa.
Certamente organizzare un viaggio di tanto in tanto potra' solo giovare alla propria salute. Ma per organizzare un viaggio come si deve è necessario trovare la meta giusta.
Visitare i luoghi del Vulture potrebbe essere un modo alternativo per passare una bella vacanza, diversa dal solito e dove potrete rilassarvi immersi in una natura ancora e per fortuna incontaminata. Se non sapete ancora come raggiungere questi luoghi non vi preoccupate, perché seguendo i suggerimenti di questa guida potrete orgamizzare il viaggio molto più velocemente. Sara' un'espereinza ch non dimenticherete facilmente e che porterete nel cuore per molto tempo. Dovrete solo preoccuparvi di decidere cosa portare e metterlo in valigia. Vi auguro quindi buon viaggio e buon divertimento.
Alla prossima.

99

Consigli

Non dimenticare mai:
  • visitate queste meraviglie in più giorni e possibilmente in giornate soleggiate tra aprile e settembre.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare l'Alsazia e la Lorena

L'Alsazia e la Lorena: ecco due territori una volta distinti che ormai costituiscono un'unica regione. Fanno parte della Francia e sono praticamente confinanti con La Germania. La strategica posizione geografica provocò in passato lunghe contese di appartenenza...
Europa

Come visitare Desenzano Del Garda e Sirmione

Se volete passare un week end al lago, magari restando nel nostro Paese, una meta molto ambita e gettonata è il lago di Garda. Nella Provincia di Brescia (Lombardia), ci sono due territori che meritano certamente una visita: ovvero, Desenzano del Garda...
Europa

Come visitare il basso Molise

Sei alla ricerca di una vacanza economica, interessante e rilassante con gli amici o con il partner? Non è necessario recarti verso mete esotiche sperdute, né spendere un patrimonio per riuscirci! In questa guida vedremo insieme come visitare il basso...
Europa

Come visitare i luoghi dell'Alto Molise

L'Alto Molise è uno dei territori che meglio conservano il paesaggio rurale e la cultura contadina. Siamo nella provincia di Isernia, nella zona interna del Molise, in un territorio che si distende tra monti e praterie dove è ancora possibile sentire...
Europa

Come visitare la Sardegna: Arzachena

Arzachena è un comune Italiano appartenente alla provincia di Olbia-Tempio in Sardegna. Questo comune è situato ad 83 metri sopra il livello del mare ed è il terzo comune più popoloso della Sardegna dopo Olbia e Tempio Pausania. Questa città è il...
Europa

Come visitare la Sardegna: dintorni di Olbia e Golfo Aranci

L'Italia è un paese ricco di storia e tradizioni, dove diverse culture si sono scontrate o hanno trovato riparo, creando nel tempo bellissimi posti sopravvissuti fino a noi e che rievocano ancora oggi il profumo di tempi passati ma ancora vividi. Tra...
Europa

Come visitare le Dolomiti, da passo Nigra a Malga Hanicker

Meta ideale d'inverno come d'estate, le Dolomiti offrono scorci, paesaggi e cime di straordinaria bellezza, tutte da visitare. Le Torri del Vajolet, sei imponenti guglie calcaree si stagliano nel bel mezzo del gruppo del Catinaccio. I loro versanti si...
Europa

Come visitare Rosolini

La Penisola Italiana rappresenta uno dei Paesi più ricchi di cultura e storia. Di conseguenza, la stragrande maggioranza dei territori italiani presenta dei riferimenti storici o culturali. In particolare, il Sud Italia non soltanto offre dei luoghi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.