Come visitare il castello di Chambord

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra dimora similare ed a dimostrare la grandezza del sovrano. Alla sua realizzazione, parteciparono i più famosi architetti del periodo tra cui Leonardo da Vinci e Domenico da Cortona. Dopo vent'anni di lavori, nel 1537, il castello accolse il re ed il suo seguito. Il castello dispone di 450 stanze, 70 scalinate e di 365 caminetti. In questa guida, vi illustrerò come visitare il castello di Chambord.

26

Occorrente

  • Itinerario
36

Innanzitutto, per visitare il castello di Chambord, dovrete recarvi nella regione francese del Centro, nel dipartimento della Loira. La cittadina di Chambord sorge ad est e a circa 15 chilometri dalla città di Blois, e la potrete raggiungere tramite la D951 e la D84. Se invece provenite da Orleans, dovrete seguire la N152 e la D112. Una volta giunti al castello, assolutamente da visitare è la scala a doppia rampa indipendente e sostenuta da ben otto pilastri, una delle maggiori attrazioni del castello, progettata probabilmente da Leonardo da Vinci. Ha una larghezza di 8 metri e chi sale non incontra mai chi scende, ma può vederlo attraverso la cavità centrale.

46

Successivamente, la scala vi porterà alla Lanterna, un rialzo della torre alto 30 metri. Dalle terrazze sul tetto, potrete ammirare il gran numero di torri, camini e cuspidi, una delle peculiarità del castello. Nelle cosiddette guardiole della scala a rampe, noterete i soffitti con le salamandre di Francesco I. All'interno del castello, troverete anche il Museo della Caccia e della Natura, con armi bianche e da fuoco del XVI-XVII secolo, disegni sculture e arazzi. Non perdervi il salone circolare a doppio senso rotatorio che, partendo dal cortile, conduce ai piani superiori.

Continua la lettura
56

Inoltre, vi invito a recarvi al secondo piano per ammirare il soffitto a cassettoni abbelliti con gli stemmi di Francesco I, la salamandra, la lettera F dotata di corona ed una corda ingarbugliata che rappresentava il simbolo di Luisa di Savoia, madre del sovrano. Prima di lasciare il Castello di Chambord, vi consiglio di fare una passeggiata nel parco del castello. La sua estensione è di circa 6000 ettari, ed è racchiuso da un muro lungo 32 chilometri. Potrete vedere cinghiali, cervi e gustare la natura ed il profondo silenzio che domina il luogo. Oltre a ciò, dovete sapere che il castello ospitò personaggi illustri tra cui l'imperatore Carlo V che si fermò al castello nel dicembre del 1539 durante il suo viaggio per Gand.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
Europa

Come visitare il Castello di Dublino

Se siete amanti della storia allora dovete recarvi nella splendida Dublino. Questa città ha collegamenti giornalieri con le più grandi capitali europee ed è facilmente raggiungibile con voli low cost. Uno dei simboli più importanti della capitale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.