Come visitare il castello di Dracula

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

In Transilvania (Romania), tra i monti Bucegi, a 30 chilometri dalla città di Brasov si trova Bran. Turisti ed amanti dell'horror fanno a gara annualmente per visitare l'omonima fortezza, battezzata da americani ed europei come il Castello di Dracula. Risalente al '300, sorge anticamente come un posto di guardia. Arroccato su una parete rocciosa, all'interno di una stretta gola, in un ambiente tetro e spettacolare, il castello accentua l'alone di mistero legato all'antica leggenda, riguardante il principe Vlad Tepes di Valdacchia. Sovrano crudele ed autoritario, ben presto attirò l'odio di molti sudditi, per le tecniche dure di punizione utilizzate. La sua immagine da allora venne associata al vampiro più famoso della fantasia popolare, Dracula. In realtà, il Castello è un monumento di grande importanza architettonica ben conservata nei secoli. Il suo interno è un grande museo d'arte. Vediamo insieme come visitarlo.

26

Occorrente

  • Macchina fotografica
36

Visitare le 4 torri del castello

Dal 1956 il Castello di Dracula è accessibile al grande pubblico come museo d'arte feudale. La visita inizia dal gruppo delle 4 torri: quella della polveriera, dell'osservazione, dell'est e della porta. All'interno della fortezza è possibile ammirare la Sala delle Armi, con armature e balestre del cinquecento; la cappella in stile gotico, e la Sala della Musica, ricca di bellissime ceramiche del seicento e del settecento. Da non perdere la camera da letto con un imponente e meraviglioso letto a baldacchino di stile barocco austriaco.

46

Visitare le segrete del castello

Le segrete del Castello si collocano sotto una scala, dove il principe infliggeva pene ai suoi nemici. Nel cortiletto interno, si può ammirare la fontana in pietra, usata come nascondiglio sotterraneo. Le spoglie del principe Vlad non sono mai venute alla luce. Tutto ciò contribuisce ad aumentare l'alone di mistero. La fantasia si fonde con la realtà e grazie ad essa la leggenda di Dracula il vampiro continua a dominare all'infinito.

Continua la lettura
56

Visitare le camere del castello

In conclusione edificato nel trecento, il Castello passò nel 1900 in mano alla regina Maria di Romania. Oggi è sede di un importante museo di storia feudale (come descritto nei passi precedenti). L'architettura del castello ha subito delle modifiche nel corso dei secoli. Nonostante siano presenti degli elementi rinascimentali, prevalgono tuttavia i caratteri gotici. Le scalinate strette e tortuose, le camere a graticcio, le imponenti torri, i passaggi sotterranei, aumentano il mistero di cui si avvolge l'intera fortezza. Costruita in blocchi di pietra di fiume e mattoni (per resistere agli attacchi militari), presenta 4 torri imponenti, collocate nei rispettivi punti cardinali.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Vi consigliamo di prenotare per tempo una visita guidata del Castello

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.