Come visitare il Castello di Grinzane Cavour

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Viaggiare, visitare, conoscere è sempre stato il desiderio di tutti noi con le difficoltà e l' inesperienza della maggior parte di chi con curiosità si vuole spostare, infatti in questa guida cercheremo in modo semplice è affidabile di capire: come visitare il Castello di Grinzane Cavour, posto di ecezzionale bellezza che, in questa piccola guida cercheremo insieme di conoscere, questo è una grandiosa fortificazione che si trova in provincia di Cuneo, imponente maniero, costruzione massiccia e ben tenuta, visitarla ci porta a fare un tuffo nel passato, senza perdere di vista la realtà del presente, di seguito apprezzeremo le sue caratteristiche e pregi che l'hanno contraddistinta nell'arco del tempo.

26

Occorrente

  • Macchina o treno e cartina
36

Come arrivare a Grinzane

Partiamo da un presupposto che prima di spostarci abbiamo bisogno di conoscere il percorso da effettuare, ossia la Torino-Savona, uscendo al Castello di Marene e proseguendo per 26 Km su strada normale fino ad Alba, proseguire per Gallo d'Alba e troveremo a circa 6 - 7 Km Grinzane, il maniero si trova in Via Castello è qui troviamo l'accoglienza di tour guidati, messi a disposizione tutti i giorni, escluso il martedì. Mi viene di consigliarvi che informarsi prima di partire è sempre utile per apprezzare senza stress, queste meraviglie del tempo.

46

La posizione del Castello

Quando nominiamo un Castello, la prima immagine che ci viene, è quella di un grande monte dove spicca la maestosità del maniero, infatti qui ci troveremo di fronte una fortezza situata in una posizione favolosa, circondata da vigneti che avvolgono la totale maestosità lasciando per un attimo il visitatore senza fiato. Il posto è ben tenuto e curato, la visita ci darà l'occasione di fare una carrellata sulle fasi della produzione del vino molto raccontata nella storia del tempo, come il tartufo che è stato dato ampio spazio, luogo di totale rispetto e storia, sapere questo prima di avventurarci all'interno del Castello, ci farà capire ancora meglio la qualità di vita che hanno vissuto chi ci abitava.

Continua la lettura
56

L'importanza del Castello

Dobbiamo sapere che Cavour presiedeva in qualità di sindaco, quindi entrando troveremo subito la sala conviviale perfettamente intatta, (si possono acquistare anche le autoguide che spiegano passo per passo la storia e l'arte del castello), proseguiamo conoscendo la sede letteraria, aperta per dare formazione a ragazzi e studenti, troveremo una vecchia Parrocchiale dedicata alla Madonna del Carmine, possiamo dire che visitare il tutto merita, considerando l'acquisto di un semplice biglietto ridotto di 5 euro. Come dicevo: essere guidati da chi ha avuto esperienza prima di noi, non farà altro ad apprezzare ancora più il benessere e il piacere visivo di questo estroso e caratteristico "CASTELLO di GRINZANE CAVOUR". Buon viaggio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Organizzarsi
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.