Come visitare il castello di Rheinfels

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

La valle del Reno è una zona ricca di storia. Questa zona della Baviera è stata molto importante sotto vari punti aspetti, sia dal punto di vista militare che da quello commerciale. Per queste motivazioni, lungo il fiume sono stati eretti nel corso dei secoli decine di castelli. Questi manieri erano dei presidi sul territorio e controllavano le tratte commerciali. Tra questi castelli, la roccaforte più grande e imponente è quella di Rheinfels. Situata nella parte est della valle del Reno, questa fortezza è costruita su di una altura che sovrasta il paesino di St. Goar. Rheinfels è conosciuta come la roccaforte più imprendibile del Reno, avendo resistito in centinaia di anni di storia a decine e decine di assedi. In questa guida scoprirete come visitare il castello di Rheinfels.

27

Occorrente

  • Curiosità
  • Voglia di viaggiare
  • Interesse per la storia
37

Il castello, costruito nel 1245 per volere del conte Diether von Katzenelnbogen, è di proprietà del paese di St. Goar, che periodicamente effettua ristrutturazioni e attività di restauro e messa in sicurezza della struttura del castello. Infatti il maniero è stato fatto saltare in aria dai rivoluzionari francesi nel 1796, e quello che ne rimane oggi sono le sue rovine. Gli edifici più esterni della fortezza sono stati recuperati, e attualmente ospitano un hotel, un centro benessere ed un museo. Se volete vivere una esperienza di completa immersione nella storia, vi consiglio di soggiornare al suggestivo Romantik Hotel, all'interno delle mura del castello.

47

Ora che avete prenotato la vostra camera all'hotel del castello e siete giunti a destinazione, potete iniziare l'esplorazione delle rovine. Vi consiglio di utilizzare una mappa, per orientarvi meglio nella ricerca delle attrazioni del luogo La prima tappa del tour è la torre dell'orologio. Questa costruzione è la più alta all'interno del complesso del castello. Risalite la torre e arrivate fino in cima, dalla sua sommità potrete godere di una vista eccezionale sulla valle del Reno. Nel perimetro della fortezza si trovano anche altre torri e torrette di varie dimensioni, ma quella meglio conservata e di maggiore interesse rimane la torre dell'orologio.

Continua la lettura
57

Dopo aver visitato la torre dell'orologio, spostatevi adesso un po' più in basso, e salite sui camminamenti per le ronde. Questi camminamenti, presenti sulle mura del castello, servivano per avvistare i nemici ed attaccarli. A questo punto scendete al livello del terreno, e iniziate ad avventurarvi per i vari passaggi e cunicoli presenti all'interno delle rovine. Molti di questi passaggi sono scavati nella roccia viva e portano in altre aree della fortezza. In questo momento potete dedicarvi all'esplorazione vera e propria e affidarvi al caso, senza seguire le indicazioni della mappa.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Visitate il castello nelle ore serali, il vostro tour risulterà molto più suggestivo
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.