Come visitare il castello di Tintagel

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Tra i tanti castelli di origine medievale troviamo anche il castello di Tintagel. Si tratta di un sito di cui oggi si possono visitare soltanto le rovine. È situato nella regione della Cornovaglia in Inghilterra. Una leggenda di origini lontane racconta che il Re Artù nacque nel castello. Mentre, mago Merlino avrebbe aspettato in una grotta sottostante. Tanti quindi i racconti che avvolgono di mistero del castello. Pertanto, per chi si trova a visitare questi luoghi non può mancare di visitare il castello di Tintagel. Nella seguente guida vi spiego come fare.
.

26

Occorrente

  • Guida
36

Per visitare il castello di Tintagel occorre che vi procurate una buona guida! Il castello si trova a circa 70 chilometri dalla città di Plymouth. Precisamente nella regione della Cornovaglia, sulla costa britannica occidentale, non lontano da Port Isaac.
Per prima cosa raggiungete Plymouth, magari prendendo l'aereo. Questo risulta il mezzo più veloce e in alcuni casi anche il più economico di viaggiare. In questo caso l'aeroporto di riferimento è quello della città di Exeter. Situato a circa 50 chilometri dal cento di Playmouth risulta un servizio delle compagnie aeree di bandiera che da quelle low cost. Una volta atterrati dovrete raggiungere la stazione di Exeter. Utilizzando così, un apposito autobus o una taxi entrambi situati all'esterno dell'aeroporto. Da qui dovrete poi prendere un treno per raggiungere la città di Plymouth. Una volta giunti in questa città, potrete raggiungere il castello. Per arrivare a destinazione noleggiate un'automobile e procedendo in direzione nord sulla A388 fino a Lanceston. Poi dovrete percorrere la A395 fino a Davidstow e infine la A39 fino a Camelford e a Tintagel.

46

A questo punto noterete che le rovine del castello di Tintagel, si affacciano su uno sperone roccioso proteso nel mare. Troverete rovine del castello di Tintagel, in fondo a un ripido sentiero che parte dal villaggio di Trevena. Sotto l'ingresso del castello troveremo la Merlin's Cave, nella quale si dice che il mago Merlino abbia atteso la nascita di Artù.

Continua la lettura
56

Nella roccia noterete una misteriosa galleria, che ancor oggi non si sa dove vada a finire. Ma si suppone che portasse a un monastero di origine celtica situato poco lontano. Nella via principale del paese, intitolata proprio al re Artù, troverete un edificio le cui finestre presentano vetrate istoriate con le gesta del mitico sovrano e dei cavalieri della Tavola Rotonda. In questo modo raggiungerete il meraviglioso castello di Tintagel.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguire le indicazioni della guida
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
Europa

Come visitare il Castello di Dublino

Se siete amanti della storia allora dovete recarvi nella splendida Dublino. Questa città ha collegamenti giornalieri con le più grandi capitali europee ed è facilmente raggiungibile con voli low cost. Uno dei simboli più importanti della capitale...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.