Come visitare il castello di Vaux Le Vicomte

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Il castello di Vaux-le-Vicomte con il suo giardino è uno dei palazzi più belli e sontuosi della Francia. Questa meraviglia è stata realizzata da grandi artisti scelti da Fouquet, ministro delle finanze. L'architetto Louis La Vau, il pittore decoratore Le Bruned, il paesaggista Le Notre, unirono i loro talenti per realizzare un capolavoro architettonico. Questo edificio ispirò successivamente la realizzazione della reggia di Versailles. Il tutorial dà delle indicazioni su come è possibile visitare il Castello di Vaux-le-Vicomte.

25

Occorrente

  • Mappa del comune di Maincy
35

Sono da ammirare l'immensa profusione di stucchi, le statue, i busti, le ninfe, le sfingi, i fregi, i rivestimenti e gli affreschi. Nelle sale interne del castello si nota la sconfinata ricchezza di Fouquet; nel corpo centrale la raffinatezza della sala ovale, cioè il Grande Salone. In esso si possono ammirare le 16 cariatidi; esse simboleggiano i mesi e le stagioni. È importante visitare anche l'appartamento riservato a Luigi XIV e la biblioteca. Il castello, che si trova nel comune di Maincy, rivela ai visitatori un complesso eccezionale che ospita arredi, opere d'arte ed arazzi selezionati dal famoso decoratore dell'epoca Charles Le Brun. Il grande salone, la camera del re, il salone delle Muse e la sala da pranzo sono le stanze più belle che si possono ammirare.

45

La visita al castello dà la possibilità di vedere le cantine e le cucine in cui lavorò il famoso cuoco Vatel. Un luogo ideale per piacevoli passeggiate è il giardino alla francese disegnato da Le Notre. Esso si estende davanti ai fossati del castello ed offre una stupenda serie di scene e prospettive, che alternano parterre ornati, specchi d'acqua, grotte, cascatelle ed eleganti statue. Un vero capolavoro dell'architetto Le Notre che diede corpo alla sua idea di giardino francese: simmetria, grandi terrazze, statue, grotte, canali e laghetti artificiali. Prima di lasciare la tenuta è opportuno fare il giro delle dependance per visitare il museo delle carrozze che dispone di una ricca collezione del XVIII e del XIX secolo.

Continua la lettura
55

Il sabato sera, da maggio ad ottobre, si può fare una visita a lume di candela. In questo modo si possono ammirare il castello ed i giardini che sono illuminati da una miriade di luci. Per raggiungere il castello di Vaux-le-Vicomte, situato nella regione francese dell'Ile de France e che dista 55 chilometri da Parigi, bisogna lasciare la capitale dalla Porta di Bercy verso est. Successivamente si deve prendere l'autostrada A4 per Reims; poi, all'incrocio con la A86 bisogna girare a destra e continuare fino allo svincolo con la N6. A questo punto si raggiunge la N104, si imbocca la A5 in direzione di Troyes per uscire a Vaux le Vicomte.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
Europa

Come visitare il Castello di Malmaison

Quando Napoleone e Giuseppina divennero proprietari del piccolo Castello di Malmaison, decisero di apportare importanti modifiche, ingrandendolo ed abbellendolo. Lo stile dei due architetti, Percier e Fontaine, è una sintesi di antichità e Rinascimento:...
Europa

Come E Cosa Visitare A Castello Sforzesco

Poco dopo il suo ingresso a Milano, Francesco Sforza fece erigere nel XV secolo un castello sulle rovine di quello dei Visconti, diroccato dopo la fine della dinastia. La nuova opera muraria non era solo un ripristino della tradizione familiare ma anche...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.