Come visitare Il Castello Medioevale Di Cesis

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Visitare il castello medievale di Cesis è sicuramente una bellissima esperienza da fare per arrichhire il proprio bagaglio culturale e godere di panorami suggestivi e unici nel loro genere. A circa due ore da Riga, capitale della Lettonia, troviamo proprio la graziosa cittadina di Cesis, borgo medievale di enorme bellezza e fascino. Situata all'interno del parco nazionale del Gauja, la piccola città offre al visitatore innumerevoli attrazioni, prima fra tutte il castello medioevale, visitabile sia internamente che esternamente. Le rovine delle fortezza risultano essere fra le meglio conservate dell'intera area del Baltico orientale. Vediamo però, come organizzare un a bella visita del borggo, scopriamo insieme dunque, nella guida che segue, come visitare il castello medioevale di Cesis nel modo migliore.

26

Occorrente

  • Voglia di viaggiare
  • Spirito di avventura e di esplorazione
36

Il primo passo per poter organizzare una visitya completa e soddisfacente del castello, è sicuramente quello di organizzare bene la vostra giornsata di visita, avendo cura di gestire al meglio orari e giorni dedicati al sopralluogo per evitare di incappare in brutte sorprese come chiusure o tempi di visita troppo stretti. Dopo un piccolo vademnecum organizzato a casa prima di partire, tenete presente che, in loco, troverete un centro informazioni turistiche annesso alle rovine dell'edificio. Qui potrete trovare l'attrezzatura necessaria per esplorarlo nel modo migliore nonché chiedere eventuali informazioni aggiuntive in merito al castello e alla sua storia. Una volta muniti dell'occorrente (una lanterna con all'interno una candela) sarete pronti a procedere con l'esplorazione vera e propria.

46

Vi consigliamo caldamente di accedere al cortile interno dal ponte levatoio, dove, se vorrete, avrete la possibilità di lasciare una piccola donazione. Entrati nel cortile potrete percorrere gli spazi interni e, in seguito, accedere alle suggestive torrette! Le due torri sono entrambe visitabili ma ricordate di prestare la massima attenzione perché l'ambiente, pur essendo in parte ricostruito, non è stato illuminato artificialmente. Prestare la massima attenzione durante il eprcorso è quindi fondamentale per evitare spiacevoli inconvenienti.

Continua la lettura
56

Facendovi luce con l'ausilio della lanterna, proseguirete salendo le scale a chiocciola che vi condurranno sulla cima delle due torri, dalla vetta avrete una visuale fantastica dell'intero castello e delle sue mura diroccate. Questo punto è fantastico per rendervi conto della struttura dell'edificio e, soprattutto, potrete scattare bellissime foto ricordo. Finita l'esplorazione potrete scendere e visitare il laghetto attiguo, dove avrete modo di riposarvi guardando anatre e cigni nuotare tranquilli all'interno delle sue acque. Quello presso il castello medioevale di Cesia è sicuramente un tour da non perdere, sospeso fra storia e tradizione, imperdibile verso il tramonto per immortalare scatti di rara bellezza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Scegliete i mesi più caldi quando le giornate sono più lunghe!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il castello di Caccamo

La città di Caccamo, a poco più di 30 chilometri da Palermo, sorge su una piccola collina ai piedi del golfo di Termini Imerese. La più grande attrattiva è il suo Castello, uno dei più belli e meglio conservati d'Italia e d'Europa, che si trova su...
Europa

Come visitare il castello di Tintagel

Tra i tanti castelli di origine medievale troviamo anche il castello di Tintagel. Si tratta di un sito di cui oggi si possono visitare soltanto le rovine. È situato nella regione della Cornovaglia in Inghilterra. Una leggenda di origini lontane racconta...
Europa

Come visitare il castello di Coca

La storia ha e avrà sempre un fascino particolare. In questa sede parleremo, nello specifico, del castello di coca. Nel 1453 re Giovanni II di Castiglia, concesse al vescovo Alonso de Fonseca il permesso di costruire un castello. De Fonseca, impiegò...
Europa

Come visitare il castello di Erasmo in Slovenia

Il castello di Erasmo, per anni, fu la scenografia perfetta per molti film cinematografici e documentari scientifici. Ne capirai presto il motivo. Non perderti poi le bellissime grotte sotterranee di Postumia. Dovrai visitarle assolutamente. Rimarrai...
Europa

Come visitare il castello di Chambord

Durante la sua gioventù, il re Francesco I amava cacciare nelle foreste della Sologne, così nel 1519, ordinò la costruzione di questo grandioso ed imponente castello: la maggiore residenza reale dell'epoca, destinata a mettere in ombra ogni altra...
Europa

Come visitare il castello di Haut Koenigsbourg

Il castello dell'Haut-Koenigsbourg è uno dei monumenti più visitati della Francia: quando venne costruito questo castello occupava una posizione strategica perché serviva a sorvegliare le vie del vino e del grano a nord, ma anche quella dell'argento...
Europa

Come visitare il castello di Pandino

Il castello di Pandino è sempre stato considerato uno uno dei più importanti esempi dell'architettura del trecento; presenta delle mura fortificate e lo stile dell'architettura risale al periodo dei Visconti, in cui le esigenze difensive e residenziali...
Europa

Come visitare il castello di Stolzenfels

La Germania presenta una storia millenaria, caratterizzata da dominazioni e passaggi di popoli che ne hanno sviluppato la cultura e la tradizione. Si possono osservare esempi di strutture storiche e monumentali che hanno attraversato i secoli in ogni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.