Come visitare il Monasterio de la Encarnación a Madrid

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Se siamo degli amanti dei monumenti, musei ed architetture di vario genere, prima di partire per un nuovo viaggio, dovremo cercare tutti i luoghi d'interesse presenti sul posto in cui ci recheremo, in modo da individuare quelli che abbiamo intenzione di visitare. In questo modo potremo organizzare il nostro viaggio ed evitare di perdere inutilmente tempo durante la nostra vacanza per la ricerca dei luoghi da visitare. Su internet potremo trovare tutte le informazioni che ci permetteranno di ottenere un perfetto programma di viaggio. Nei passi successivi, in particolare, vedremo come fare per riuscire a visitare il bellissimo Monasterio de la Encarnación a Madrid. Questo monastero è un posto magnifico che dovremo assolutamente visitare se decideremo di recarci nella stupenda città di Madrid.

25

Occorrente

  • voglia di visitare posti nuovi
35

Progettato dall'architetto Juan Gómez de Mora nel 1611, per commemorare la cacciata dei Mori da Madrid, secondo la tradizione dello stile Herreriano. Dopo che un rovinoso incendio lo devastò nel XVIII secolo, fu sottoposto ad un'importante opera di ristrutturazione da parte dell'architetto Ventura Rodríguez, che gli conferì un aspetto prevalentemente neoclassico. Tale stile è riscontrabile soprattutto all' interno della chiesa del Monastero reale, decorata con opere dei principali artisti dell'epoca.

45

Per visitare il Monasterio de la Encarnaciòn dovremo giungere a Pl. De la Encarnación 1, dove ha sede il monastero, è comodissimo. Potremo prendere la metropolitana Ópera, Santo Domingo, oppure uno tra i bus 3, 25, 39, 148. Non appena giunti sul posto, un tour guidato della durata di 45 minuti ci consentirà di visitare e riscoprire gli ambienti più importanti del monastero, tuttora abitato dalle monache agostiniane.

Continua la lettura
55

La visita si snoda attraverso la Stanza reale, che ospita i ritratti dei regnanti; la chiesa del monastero, sicuramente una delle più belle della città, dove è conservato un prezioso reliquario ed il museo. Al centro della chiesa è possibile ammirare un altare con una pala raffigurante la Sacra Famiglia di Bernardino Luini, un allievo di Leonardo da Vinci, e un tabernacolo in bronzo e cristallo di rocca. All'interno c'è un crocefisso con Cristo coronato di spine, stranamente carbonizzato: La leggenda narra che si tratta dei resti di un crocefisso profanato da degli eretici. Tra le 1500 reliquie esposte, merita una segnalazione speciale la piccola sfera di vetro che custodisce il sangue secco di San Pantaleón che, misteriosamente, si liquefa ogni anno il 27 luglio per la festa del santo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare la Spagna in una settimana

Visitare la Spagna in una settimana è una vera impresa ed è piuttosto difficile, perché le attrattive del Paese sono infinite. Pianificando il vostro tempo e facendo i trasferimenti con rapidità, riuscirete a ricavare una settimana ricca di emozioni....
Europa

Come visitare Santa Marìa de Poblet e Santes Creus in Spagna

Il monastero di Santa Marìa de Poblet è un luogo di interesse religioso di notevole importanza artistica e di grande bellezza e cultura, si trova esattamente nella Catalogna orientale a circa cento chilometri di distanza da Barcellona. Il Real...
Europa

Come e perchè visitare Burgos e Bilbao nella Spagna del Nord

Noi italiani amiamo molto la Spagna, probabilmente perché la troviamo molto simile alla nostra cultura e la lingua è tra le più vicine all'italiano. Generalmente le mete più gettonate sono Barcellona, Madrid, la Costa Brava e la Costa Dorata. Ma esiste...
Europa

Come visitare Avila, In Spagna

La Spagna è una nazione che se conosciuta in tutta la sua interezza può regalare davvero delle emozioni incredibili. In questa guida vedremo come visitare Avila, una città spagnola che è capoluogo di provincia della regione della Castigla e Leon....
Europa

Come visitare El Escorial A Madrid

Sui pendii meridionali della Sierra de Guadarrama, a nord-ovest della città di Madrid, sorge il palazzo-monastero El Escorial, detto anche di San Lorenzo del Escorial, edificato nella seconda metà del 1500 in onore di San Lorenzo. Il suo stile austero...
Europa

Come visitare i monasteri più belli di Granada

Granada è una delle più belle città della Spagna, capoluogo della regione che ha il suo stesso nome. È situata in prossimità delle montagne della Sierra Nevada ed alla confluenza tra due fiumi, ma ciò per cui è maggiormente nota non sono le bellezze...
Europa

Come spostarsi nei dintorni di Madrid

Madrid è la famosa capitale spagnola: gode di bellezze straordinarie e basta sapere dove spostarsi per poterle godere in tutto il loro fascino. Si tratta di un misto di arte, architettura e culture culinarie che si intrecciano in tradizioni antiche provenienti...
Europa

Come Pianificare Una Visita All' Escorial

Chiunque voglia pianificare una visita dei monumenti più belli presenti sul territorio spagnolo, non può non includere nel suo itinerario il monastero dell'Escorial, anche detto monastero di San Lorenzo del Escorial, situato nei pressi della città...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.