Come visitare il Musèe National du Moyen Age a Parigi

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Una visita a Parigi è prima di ogni cosa una lezione di storia e di cultura. Nelle strade parigine si respira la brezza sia del Medioevo che di quella del Rinascimento italiano. Si possono ammirare i numerosi monumenti assaporando i diversi stili tra cui quello romano-bizantino, neoclassico, gotico, eccetera; apprezzare le sue antiche ed eleganti piazze; inebriarsi davanti agli eleganti giardini ed alle innumerevoli opere architettoniche ed osservare i suoi musei. Tra questi, merita di essere visto,   il Musèe National du Moyen Age a Parigi. Leggendo questa guida, scopriremo come visitarlo, una volta giunti nella romantica capitale francese.

28

Il Musée National du Moyen Age, meglio conosciuto come Hotel de Cluny - Thermes et Hotel de Cluny, è ubicato nel quinto arrondissement al numero 6 di Place Paul - Painlevé. L'edificio che ospita attualmente il museo, nel passato era la residenza degli abati di Cluny. La sua costruzione iniziò nel 1334 e, tra il 1485 ed il 1510 venne ristrutturata, in stile gotico e rinascimentale, dall'abate Jacques d'Amboise. Nel 1843 venne dichiarata sede del Museo Nazionale del Medioevo.

38

Nel Museo sono custoditi reperti medioevali di vario genere, arazzi, tessuti, sculture del periodo medioevale, monili, mobili risalente al VII-VIII secolo, capolavori di Limoges, pannelli di vetro colorati, sculture gotiche, dipinti provenzali del XV secolo, statue in avorio, oggetti in legno e molto altro ancora. Per poterlo visitare, ti rammento che il museo è aperto tutti i giorni, ad esclusione del martedì, dalle 9.15 alle 17.45 e che il costo di entrata è di 9 euro e che tale cifra viene ridotta a 8 euro durante le mostre. Sappi, inoltre, che il museo è gratuito la prima domenica di ogni mese e per i ragazzi di età inferiore ai 18 anni oltre che per i giovani fino a 25 anni, se provenienti da uno dei paesi dell'Ue, per gli insegnanti in servizio e per i portatori di handicap.

Continua la lettura
48

Sono molte le cose che potrai vedere in questo museo, una più interessante dell'altra. Tra queste ti suggerisco di non tralasciare la sala monumentale delle antiche terme. Nei sotterranei potrai scoprire come erano strutturati i bagni in epoca gallo- romana e come venivano utilizzati. Potrai apprezzare le decorazioni delle varie stanze, conoscere la tecnica del dipinto ad intonaco, gli arredi ed i mosaici che abbellivano i bagni, i numerosi corridoi che conducevano alle cantine, le volte ad arco realizzate in pietra, in malta o in cotto, come era strutturato sia il sistema fognario ed il riscaldamento con la tecnica ipocausto.

58

T invoglio a visitare la Cappella in stile medioevale, risalente alla fine del XV secolo, per contemplare la sua abside, il suo pilastro portante, le sue decorazioni e le sue sculture. La struttura si sviluppa su due livelli ed è circondata da un giardino. Soffermati a vedere le decorazioni ricche di ornamenti floreali sull'abside, i due dipinti murali riportanti le figure di due donne sante che piangono la morte del Cristo. Non tralasciare le vetrate colorate con la rappresentazione della Passione.

68

Non lasciare la costruzione senza aver visto il Museo Storico, le diverse collezioni tra cui quella dedicata agli arazzi, ti consiglio di non perdere l'Arazzo della Liberazione di san Pietro, quella riservata ai tessuti dell'epoca medioevale, la collezione degli smalti religiosi di Limoges, la mostra dell'arte romanica, la mostra delle opere del primo Medioevo e la sala dedicata alle opere artistiche del Mediterraneo a partire dall'antichità fino al XV secolo.
Imperdibile l'arazzo di Giasone e Medea, l'altare delle Cattedrale di Basilea e le corone votive realizzate in perle, in cristallo, in oro, in zaffiro ed in ametiste.

78

Non dimenticare di vedere la stanza denominata "la dama e l'unicorno", un luogo affascinante che ti lascerà senza parole. Le pareti sono coperte da una serie di arazzi medioevali, più precisamente sei, capolavori dell'arte fiamminga del periodo medioevale. Le prime tese raffigurano i cinque sensi ovvero l'olfatto, la vista, l'udito, il tatto ed il gusto, mentre l'ultima, dal titolo "mon seul désir", è rimasta indecifrabile. Quest'ultima è diversa dalle altre tele sia nella grandezza che nello stile, infatti è stata realizzata con l'uso della lana e della seta alla fine del '400.

88

Concludi il tuo itinerario di visita ammirando alcune opere di grande pregio tra cui il "Cristo sulla Croce", una scultura del XII secolo; il ritratto di Alessandro il Sommerard, consigliere alla Corte dei Conti; la statuetta in avorio di Arianna, immagine mitologica legata a Bacco; il dipinto raffigurante l'incoronazione di Luigi XII risalente ai primi del '500, lo scudo riportante la lotta tra Davide e Golia e la collezione Colmar composta da 50 pezzi di gioielleria e 300 monete del periodo compreso tra il XIII ed il XIV secolo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Il Musée National Message Biblique Marc Chagall A Nizza

Nella splendida città di Nizza, in un luogo tranquillo in collina, sorge l'interessantissimo Museo dedicato a Marc Chagall, ovvero il Musée National Message Biblique Marc Chagall, che ospita le bellissime ed oniriche opere religiose del grande artista...
Europa

Come visitare Il Musée Marmottan Monet A Parigi

Il museo Marmottan Monet sorge nel residenziale XVI arrondissement della bellissima città di Parigi e ospita una splendida collezione di dipinti di Monet. I paesaggi ritratti nelle opere del grande artista impressionista offrono una piacevole evasione...
Europa

Come visitare Palais du Luxembourg

Situato a Parigi, al confine tra Saint-Germain-des-Prés e il quartiere latino, il Palais du Luxembourg, fu costruito su iniziativa della regina Maria de' Medici nel 1612. I giardini, che coprono 25 ettari di terreno, sono suddivisi in giardini alla francese...
Europa

Come visitare Parigi in un week-end

Se si hanno a disposizione pochi soldi e poco tempo, ma la voglia di viaggiare è sempre alta, è sempre possibile fare affidamento ai pacchetti last minute di agenzie viaggi o compagnie aeree economiche. Così facendo, con un po' di organizzazione e...
Europa

Come visitare Les Invalides A Parigi

La cupola dorata che si eleva dall'Hôtel des Invalides testimonia la gloria e la magnificenza dei due più grandi mecenati della storia francese. L'Hotel Nantional des Invalide, chiamato anche Les Invalides, è un grandissimo complesso architettonico...
Europa

10 luoghi da visitare a Parigi

Chi pensa di organizzare un viaggio romantico ma nello stesso tempo unico e indimenticabile, non può non pensare a una delle tappe più belle al mondo: Parigi. Si tratta di un luogo veramente magico, dove è possibile visitare incantevoli posti. In questa...
Europa

Come visitare Montmartre e il Sacré-Coeur a Parigi

Un tempo una trentina di mulini a vento si stagliavano nel cielo di Montmartre. Oggi, la ripida collina presenta un punto di riferimento assai più caratteristico, la grande basilica bianca del Sacré-Coeur. Benché Montmartre sia oggi affollata di turisti,...
Europa

Come visitare La Cattedrale Di Notre-dame A Parigi

La cattedrale di Notre Dame è uno degli edifici più emblematici di Parigi e, rappresenta uno dei monumenti più celebri e visitati nel mondo da turisti e pellegrini. Fortemente voluta dall'arcivescovo Maurice de Sully, vanta più di 800 anni di storia....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.