Come visitare il Museo della Marineria nel Cesenatico

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Il comune di Cesenatico, situato in provincia di Forlì-Cesena tra Rimini e Ravenna, è una delle principali mete del turismo balneare della Riviera Romagnola. Il turista che si appresta a trascorrere le sue vacanze in questo tratto di costa italiano ha a sua disposizione diversi itinerari che non comprendono solamente la rilassante "vita da spiaggia". Infatti il territorio, ricco di storia e di musei, possiede un Museo della Marineria, l'unico in Italia ad essere galleggiante. Proseguendo nella lettura di questa guida vi svelerò come visitare in modo semplice e completo il Museo della Marineria nel Cesenatico.

24

Il Museo della Marineria di Cesenatico ha sede nel tratto più antico e caratteristico del Porto Canale Leonardesco di Cesenatico. Il Museo della Marineria possiede due sezioni: una galleggiante facilmente visibile da chi si appresta ad entrare nel Porto Canale, e una a terra dirimpetto a quella galleggiante. Il turista che si appresta a visitare il museo ha due opzioni per raggiungerlo: a piedi o in barca. Al turista che sceglie di raggiungere il museo via mare è offerta la possibilità di ormeggiare temporaneamente la propria barca, se d'epoca, a fianco delle barche naviganti del museo, vivendo in questo modo in prima persona una esperienza unica.

34

La sezione a terra del museo, progettata seguendo i disegni con cui venivano costruiti i vecchi arsenali, propone al visitatore un percorso dedicato alla marineria tradizionale dell'alto e medio adriatico. Questa parte del museo può essere idealmente suddivisa in due percorsi tematici differenti:
1 struttura e costruzione, in cui si possono toccare i materiali e le strutture con cui l'uomo costruisce navi da millenni;
2 propulsione e governo, in cui ancore antiche e relitti sono affiancati ad installazioni interattive che permettono al visitatore di sperimentare alcune pratiche della vita in mare, come la costruzione di nodi nautici.

Continua la lettura
44

La sezione più caratteristica del Museo della Marineria è senza ombra di dubbio quella galleggiante. Le dieci barche che costituiscono la piccola flotta ormeggiata dirimpetto alla sezione a terra sono esempi delle tipiche imbarcazioni che fin dall'ottocento venivano utilizzate dalla marineria dell'alto adriatico. Durante il periodo estivo, e in accodo con le condizioni atmosferiche, vengono issate giornalmente tutte le vele in dotazione di queste imbarcazioni, generando in questo modo uno spettacolo unico. Le vele, con i loro colori caratteristici realizzati con terre, sono ornate dai simboli che fin dall'antichità segnalavano l'appartenenza a differenti famiglie di pescatori.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare Il Museo Nazionale Di Budapest

All'interno della nostra guida andremo a parlare di musei. Nello specifico, come avrete sicuramente colto leggendovi il titolo che accompagna la nostra guida, andremo a spiegarvi Come visitare Il Museo Nazionale Di Budapest.Budapest è una delle città...
Europa

Come visitare il museo picasso di malaga

Siete finalmente in vacanza. Avete anche già trovato la vostra meta, dove passare dei bei momenti che vi rimarranno impressi nella mente per sempre. Da buon intenditori i quali siete, avete scelta di visitare il museo di Picasso di Malaga e, devo dire...
Europa

Come visitare Il Museo Di Caceres In Extremadura

Questa guida ha lo scopo di informarvi su come visitare Il Museo Di Caceres In Extremadura, favolosa terra spagnola sconosciuta e selvaggia. Povera in densità di popolazione, ma ricca di arte e cultura, come testimoniano le molteplici pitture rupestri...
Europa

Come visitare il museo Massa Solis a Caceres in Extremadura

Se ti trovi in Spagna e, precisamente nella comunità autonoma di Extremadura, a sud-ovest della bellissima penisola iberica, allora non puoi far a meno di visitare Caceres e il suo museo Massa Solis. In questa cittadina, dichiarata patrimonio dell’Unesco,...
Europa

Come visitare il museo di arte turca e islamica a Istanbul

Istanbul è una città ricca di suggestioni, di storie e di luoghi imperdibili da visitare. Per poterne capire le origini e l'identità bisogna però scegliere i luoghi giusti da esplorare. La città è, già di per sé, un vero e proprio manifesto di...
Europa

Come visitare Il Museo Diocesano A Ciudad Real

Se ci piace visitare sempre posti nuovi, dovremo per prima cosa conoscere quali sono i luoghi che dovremo assolutamente visitare. In questo modo potremo cercare tutte le informazioni sui vari posti, che ci permetteranno di comprendere meglio cosa andremo...
Europa

Come E Perché Visitare Il Museo Del Prado Di Madrid

Il museo del Prado è uno dei luoghi più importanti e ricchi della Europa ed ospita delle opere d'arte realizzare prima del Novecento; esso è collocato nel territorio di Madrid e, se si fa un viaggio in questa città spagnola, deve essere di certo visitato;...
Europa

Come visitare il Museo Archeologico Nazionale di Atene

Il Museo Archeologico Nazionale di Atene custodisce i tesori dell'antica civiltà Greca, oltre a vantarsi di essere uno dei più grandi musei di tutto quanto il mondo. In definitiva, è letteralmente stracolmo dei più famosi oggetti d'arte dell'antica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.