Come visitare il quartiere ebraico di Vienna

Tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il quartiere ebraico di Vienna è un vero e proprio fiore all'occhiello per la capitale austriaca nonché antica capitale imperiale del Sacro Romano Impero Germanico e in seguito dell'Impero Asburgico, perché la storia ebraica si intrinseca perfettamente con quella della città come accade in altre grandi capitali europee come Budapest e Praga. Addentrarsi nella storia del quartiere ebraico di Vienna significa quindi addentrarsi nella storia di Vienna, ricca di magia e di misteri, in questa breve guida spiegheremo come visitare il quartiere ebraico di Vienna in modo da lasciare che il lettore posa viverne tutta la magia e l'atmosfera mistica che solo una cultura millenaria come quella israelita può trasmettere.

26

Monumento commemorativo

Il tempio ebreo della capitale austriaca fu costruito nel 1825 dall'architetto viennese Josef Kornhäusel, in posizione defilata perché solo le chiese cattoliche potevano essere costruite in bella vista nella capitale imperiale. Nel 1938, durante la persecuzione, la sinagoga fu risparmiata, forse proprio perché poco visibile lungo le principali vie di Vienna. Degno di nota è anche il monumento commemorativo delle vittime della Shoa, che si può ammirare all'interno del tempio nella zona dell'Atrio e ricorda i 65000 ebrei austriaci vittime della follia nazista. Al centro si può notare una colonna di granito spezzata a testimonianza della comunità ebraica sterminata.

36

Palais Eskeles

Assolutamente da non perdere nella visita alla Vienna ebraica è il Museo Ebraico che è riaperto nel 2011 nel Palais Eskeles. La struttura ospita delle mostre permanenti che sono divise in tre settori. Il Museo Ebraico apre una finestra sulla storia e soprattutto sulla vita degli ebrei viennesi, prendendo in esame la società, i mestieri, le festività e i luoghi ricreativi. In ogni piano viene rappresentata la vita quotidiana e le prime installazioni della popolazione giudea della capitale, ponendo l'attenzione soprattutto sulla colonizzazione delle varie vie della città in una crescita che segue pari passo quella di Vienna.

Continua la lettura
46

Museo di Sigmund Freud

Continuando il viaggio nella Vienna ebraica non si può non arrivare al Museo del celebre Sigmund Freud, il celebre psicanalista giudeo che segnò la storia della psicanalisi. Il museo si trova nel palazzo in Bergasse 19 ed è stata la residenza dello psicanalista dal 1891 al 1938, anno in cui Freud fu costretto a lasciare Vienna a causa della persecuzione razziale. Il luogo ricostruisce perfettamente l'ambiente e gli arredi in cui operò il giovane Sigmund.

56

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come E Perchè Visitare Il Quartiere Ebraico Di Budapest

Budapest ovvero la capitale dell'Ungheria è la sede di uno dei quartieri ebraici, e all'interno degli edifici durante la seconda guerra mondiale, venivano raggruppati milioni di ebrei ungheresi. Si tratta dunque di uno dei periodi storici più brutti...
Europa

Come visitare il quartiere ebraico di Parigi

Dopo l'attentato del 2015 che ha segnato la storia di Parigi, questa splendida città francese piena di fascino e di bellezze imparagonabili, ha subito un notevole calo in termini di turismo. Malgrado ciò, sono ancora molti i turisti che scelgono la...
Europa

Come e cosa visitare nella Vienna medievale

Se siete amanti della capitali europee non potete non visitare Vienna, città ricca di storia e cultura, capitale dell'Austria e in passato del Sacro Romano Impero Germanico, nonché città della famosa principessa e poi imperatrice Sissy, che tutti noi...
Europa

Come visitare Vienna in 3 giorni

Vienna è una Capitale europea assolutamente incantevole, specialmente durante la stagione invernale. Certi turisti che vanno in questa città in prossimità delle feste di Natale, si potranno trovare davanti ad uno spettacolo di luminarie molto meraviglioso....
Europa

Come visitare il quartiere di Kolonaki ad Atene

Kolonaki è uno dei quartieri più conosciuti di Atene in quanto considerato aristocratico. Con la sua estensione, che va da Piazza Syntagma fino al Colle del Licabetto, si trova in una zona privilegiata della città. Il quartiere viene caratterizzato...
Europa

Vienna: come muoversi e cosa visitare

Vienna è una delle città più belle al mondo. Capitale della della magnifica Austria è anche sede di numerose organizzazione di importanza internazionale come ad esempio l'ONU.Se siete alla ricerca di una meta incantata e ricca di storia allora Vienna...
Europa

Come visitare Vienna in un week-end

Vienna: da splendida capitale dell'impero Asburgico a città cosmopolita. Definita da tutti la "città dei musicisti" e soprattutto "dei sogni", è meta ogni anno di milioni di turisti. Se non sapete come districarvi tra le tante offerte riuscendo a...
Europa

Come visitare il quartiere di Alfama a Lisbona

L'Alfama è il più antico quartiere di Lisbona. Tra il 711 e il 1147 diventò un importante sobborgo moresco, e successivamente si abbellì delle prime chiese lisbonesi. Oggi, l'atmosfera suggestiva delle vecchie strade di questo quartiere è quasi magica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.