Come visitare il Santuario di San Gerardo Maiella a Materdomini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Gerardo Maiella, uno dei più grandi Santi nella storia della Chiesa, fu un religioso Italiano appartenente Congregazione del Santissimo Redentore la cui canonizzazione fu eseguita da papa PIO X nel 1904, circa 150 anni dopo la sua prematura morte (avvenuta a 29 anni) causata dalla tisi. Il culto di questo santo è prevalentemente presente nell'Avellinese, in particolar modo a Materdomini, dove sono conservate le sue spoglie. Proprio in quest'ultima città è stato costruito un santuario in onore di San Gerardo; è un luogo tra i più cari e i più visitati soprattutto dalle popolazioni e dai credenti del sud Italia. Se siete interessati a raggiungere questo luogo di culto, di seguito, vi spiegherò come fare ed inoltre vi indicherò come visitare al meglio questa struttura!

27

Occorrente

  • Conoscenza personali del luogo
37

La prima cosa da fare per organizzare il vostro viaggio è quella di fissare una data a voi utile; successivamente sarà necessario procurarsi un supporto utile per le indicazioni stradali: se siete delle persone all'avanguardia non vi sarà complicato usare un navigatore, al contrario, potrete sempre far riferimento alle vecchie ed affidabili cartine autostradali!

47

Di seguito vi riporto l'indirizzo del santuario ed un eventuale numero telefonico a cui fare riferimento: Via del Santuario, 30, 83040 Caposele Avellino 0827 58118.

Inoltre, per semplificarvi la vita, vi basterà cliccare su questo link https://www. Google. It/maps/dir//Via+del+Santuario,+30,+83040+Caposele+Avellino/@40.8162349,15.1992862,13z/data=!3m1!4b1!4m8!4m7!1m0!1m5!1m1!1s0x133970b0e055b0d7:0xd238b78ed6e9eb8e!2m2!1d15.233619!2d40.81624 ed aggiungere la vostra posizione al momento della partenza nell'apposita barra.

Continua la lettura
57

Una volta raggiunto il Paese, se proprio non riuscite ad arrivare direttamente al Santuario, potreste semplicemente chiedere informazioni riguardanti la sua localizzazione a degli abitanti di Materdomini. Ogni anno migliaia di pellegrini giungono lì per chiedere la protezione del Santo, in particolar modo durante alcuni giorni della sua festa (la prima domenica di settembre e il 16 ottobre), in cui è presente molta gente e una fiera fornita di ogni genere di prodotto, da quello alimentare ad attrezzi agricoli, utensili e bestiame. Inoltre vi consiglio di dedicare qualche minuto anche alla visita di quest'ultima città: è davvero un luogo incantevole, circondato da montagne tra le più alte dell'Appennino Meridionale.

67

Il Santuario è costeggiato da un'enorme area che è possibile utilizzare per la sosta e funge anche da parcheggio gratuito; infatti lo spazio è tanto ed è presente anche un'area picnic, che è usufruibile per un' eventuale colazione a sacco; potrete decidere anche di mangiare in uno degli ottimi ristoranti che si trovano nelle vicinanze e che offrono menù turistici a prezzi molto economici (a circa 10/15 euro). D'altronde, nei pressi del luogo Sacro, c'è la "Casa del Pellegrino" in cui è possibile alloggiare per fermarsi una notte o qualche giorno in più per godersi maggiormente delle ore di relax, serenità e culto.

77

Non vi ho spiegato la cosa più importante: come visitare il Santuario! Quest'ultimo risulta essere un luogo accogliente, dove poter pregare e dove trovare un momento di relax: in particolar modo dovrete prestare attenzione alla "Basilica Minore Antica", che è stata restaurata in seguito al sisma dell'80 e riaperta al culto nel 2000, e alla grande "Chiesa del Redentore", costruita intorno agli anni sessanta. Vi consiglio vivamente di affrontare questo viaggio.. " l'impresa varrà la spesa", ve lo assicuro.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come visitare il santuario di Santa Rosalia a Palermo

Il Santuario di Santa Rosalia si trova sul monte Pellegrino, nella città di Palermo, ed è tutt’uno con la grotta, la stessa in cui il 15 luglio 1624 fu trovato il corpo della santa e nella quale lei si rifugiò fino alla morte. La sua struttura è...
Consigli di Viaggio

Come visitare Dinnammare e il santuario degli innamorati

Il monte Dinnammare, si trova a sud di Messina, si chiama così perché si affaccia tra due mari: lo Jonio ed il Tirreno. Esso da anche il nome al santuario, nascosto sulla sua vetta e ribattezzato dagli abitanti “Santuario degli Innamorati”. Chi...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere e visitare il santuario di Santa Rosalia a Palermo

In ogni città, paese, comune d'Italia, perfino in ogni piccola frazione vi è un Santo Patrono, a cui sono state dedicate le Chiese ed a cui si rivolgono i fedeli, soprattutto nei momenti più difficili della loro esistenza per aiuti e preghiere. Ogni...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Sebastian in Spagna

San Sebastian in Spagna è una delle città più importanti e si trova nella regione dei Paesi Baschi. San Sebastian si trova sul mare, nel mar Cantabrico e più precisamente si trova non lontano dal confine con la Francia, ma la città mantiene un carattere...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare il tempio di San Fortunato a Todi

Todi è una cittadina della provincia di Perugia famosa per aver dato i natali a Jacopone de Benedetti, meglio noto come Jacopone da Todi, famoso religioso e poeta italiano del Medioevo. Il centro storico di Todi ospita numerosi monumenti di grande pregio,...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Gregorio Armeno

Per chi non la conoscesse, San Gregorio Armeno è una famosissima strada del centro storico della città di Napoli. Questa via chiamata in gergo locale: "O' vico de' pasture" cioè il vico dei pastori, è famosa in tutto i mondo perché vi si trovano...
Consigli di Viaggio

Come e perchè visitare la Certosa di San Martino a Napoli

La Certosa di San Martino si innalza sopra la collina del Vomero. Essa probabilmente è da considerarsi uno dei simboli maggiormente famosi della città di Napoli ed anche di una corrente artistica che in tale città ha vissuto, più precisamente tra...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Miguel de Allende in Messico

Situata nel Messico centrale, nello stato di Guanajuato all'interno della regione Bajío, San Miguel de Allende è una città di circa 150.000 abitanti. Dista quasi trecento chilometri da Città del Messico ed è, tra le altre cose, rinomata per essere...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.