Come visitare Il Sito Archeologico Di Delphi

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

Per chi ama viaggiare e l'architettura antica non possono sicuramente mancare le famose rovine dell'antica Grecia. La Grecia infatti possiede tra i più importanti siti archeologici del mediterraneo, oltre l'Italia, dove infatti ogni anno si recano milioni di turisti proprio per visitare i siti archeologici che hanno più di 4000 anni, e di cui molti, nonostante i millennio trascorsi, riescono a rimanere ancora eretti pronti per essere visitati. Oltre alle rovine di Atene esiste anche il sito di Delphi, che ai tempi degli antichi greci rappresentava una delle più importanti vie di comunicazione. Oltre l'antico stadio ed il teatro, Delphi è particolarmente conosciuta per il famoso tempio dedicato al dio Apollo. Vediamo quindi nella guida come visitare il sito Archeologico di questa magnifica città.

27

Occorrente

  • Abiti leggeri
  • buona guida
37

Nello stadio si svolgevano i giochi pitici che iniziavano tre anni dopo le Olimpiadi e prendevano il nome dalla sacerdotessa che custodiva il culto del dio Apollo. Sull'architrave del portale, tramite il quale si accedeva al santuario che custodiva la fiamma eterna, vi era la famosa scritta "conosci te stesso" che qualche anno dopo fu fatta propria da Socrate e divenuta famosa e studiata da tutti coloro che si approcciano alla filosofia. Il sito archeologico è divenuto patrimonio dell'umanità, protetto e tutelato dall'Unesco.

47

Fu l'École française d'Athènes ad avviare, nel 1889, i primi scavi nel sito archeologico ed ancora oggi se ne occupa pubblicando i ritrovamenti e le scoperte su un apposito bollettino. Inoltre è stato trasformato in un museo che raccoglie opere d'arte che man mano vengono alla luce. Tra questi la più famosa è stata la Sfinge dei Nassi, la statua bronzea dell'auriga di Delphi e la statua di marmo di Antinoo, che risale all'epoca romana. Altri reperti classificati ed esposti sono elmi, vasi, monete, statue, attrezzature agricole e strumenti e armi utilizzati durante le battaglie.

Continua la lettura
57

Il sito archeologico nasce lungo un'importante via di comunicazione chiamata Via Sacra, che corre lungo il pendio del monte Parnaso e che contiene numerosi resti di tombe e altri oggetti funebri legati alla tradizione romana. Infatti furono proprio gli imperatori di Roma a ricostruire il santuario. Salendo verso il monte si trovano invece i resti più antichi legati alla cultura greca. Per i turisti è possibile visitare il Tesoro dei Sifni e iquello degli Ateniesi ricostruiti interamente in epoca recente con materiali autentici ritrovati. Il primo era un tempio risalente al '500 a. C. Dedicato al dio Sifno che conteneva le raffigurazioni della battaglia tra gli dei e i Giganti.

67

Non meno importante è sicuramente il tempio di Atena che presenta una pianta a Tholos, cioè di forma circolare, una tipologia diversa rispetto al classico tempio, ma comunque piuttosto comune. Si tratta infatti di un tempio con doppio ordine di colonne risalente al periodo dorico, come si può notare dal fusto delle colonne e dalla tipologia del capitello.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare il sito archeologico di Nora

La sardegna è una delle isole più bella è affascinanti della nostra amata Italia. La fondazione e la vita della città di Nora inizia nell'VIII secolo a. C. Ma si sviluppa soprattutto nel periodo punico, trasformandosi in centro amministrativo e religioso...
Europa

Come visitare il Museo Archeologico Nazionale di Atene

Il Museo Archeologico Nazionale di Atene custodisce i tesori dell'antica civiltà Greca, oltre a vantarsi di essere uno dei più grandi musei di tutto quanto il mondo. In definitiva, è letteralmente stracolmo dei più famosi oggetti d'arte dell'antica...
Europa

Come visitare Il Ritrovamento Archeologico Dell'Antica Ilio O Troia

L'ubicazione dei resti dell'antica Ilio o Troia che costituiscono oggi un patrimonio di tutta l'umanità sono stati ricercati per anni da studiosi ed esperti di storia antica, per dimostrare che essa non era una leggenda ma realtà. La perseveranza di...
Europa

Come visitare Efeso In Turchia

Efeso, si trova in Turchia, vicino la città di Kusadasi. Particolarmente nota per i suoi scavi archeologici risalenti al 5000 a. C. Si può raggiungere in aereo come in nave. Il sito archeologico di Efeso, con la splendida Biblioteca di Celso, è il...
Europa

Come visitare Hill Of Tara In Irlanda

L'Irlanda è una terra splendida, ricca di verde, ancora in gran parte selvaggia e pura e piena di panorami mozzafiato. È una terra intrisa di storia che si unisce alla leggenda, infatti in questa terra hanno avuto origine tutte le leggende e le storie...
Europa

Come visitare Agios Nikolaos a Creta

Il porto di Agios Nikolaos è uno dei posti più graziosi e popolari di Creta da visitare. In una splendida posizione nel Golfo di Mirabella, conserva alcune antiche magioni. Nei tempi antichi Agios Nikolaos era una prospera località, anche perché serviva...
Europa

Come e cosa visitare a Vulci

Vulci rappresenta una città di origine etrusche e per questo motivo molto può considerarsi una località antica, ricca di arte e cultura. Essa è ubicata all'interno del comune di Canino, nella zona dell'antica Tuscia locale. Un tempo costituiva il...
Europa

Come e perché visitare Corinto

La Grecia è sicuramente uno dei posti dell'Europa più ricchi di storia e di cultura. Il paese, infatti, è caratterizzato da numerosi monumenti e città che vale la pena di vedere almeno una volta nella vita. Uno dei luoghi da visitare è senza dubbio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.