Come visitare la chiesa di Santa Maria a Mare sull'isola di San Nicola

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Santa Maria a Mare a San Nicola: l'isola è il fulcro storico, amministrativo e religioso delle Tremiti, meraviglioso arcipelago del Mar Adriatico. Il territorio è vasto poco più di un chilometro e mezzo, presenta una larghezza di 450 metri con una superficie di 42 ettari e un'elevazione di massimo 75 metri. L'isola è abitata da una popolazione di circa 150 persone ed è famosa per i suoi ricchi resti di monumenti che fanno da testimoni alla storia dell'intero gruppo di isole: troviamo quindi chiese, chiostri, torri e così via. Vediamo nello specifico come visitare la Chiesa di Santa Maria a Mare sull'Isola di San Nicola!

24

L'Isola di San Nicola è raggiungibile tramite un traghetto che da San Domino conduce direttamente al porto chiamato "La Marina". Una volta arrivati alla banchina, ci si trova dinnanzi una strada a rampe, selciata, che conduce al "Cavaliere del Crocifisso": si tratta di una porta fortificata risalente al '200, usata all'epoca come vedetta e posto di guardia. Da qui, non bisogna far altro che seguire la stradina per imbattersi in un altro bastione di guardia chiamato "Torre del Pennello", da essa si ha accesso allo spiazzo che ospita le abitazioni nate nel 1800 per l'accoglienza di guarnigioni e confinati.

34

Superati questi primi posti di guardia, la strada selciata si trasforma in un viale che conduce a un ponte che costeggia la "Torre Aragonese": si tratta di una costruzione a base circolare, edificata verso la fine del XV secolo. Questa non è l'unica torre che si trova lungo il cammino, poiché proseguendo oltre le due rampe presenti si erge anche la "Torre Quadrata", famosa per essere culla di un'incastonatura che ritrae la Madonna col bambino. Il viale ci invita a non fermarci e a raggiungere il "Pozzo della Meridiana" (la cisterna ottagonale, nucleo fondamentale dell'antico sistema idrico) oltre il porticato.

Continua la lettura
44

Oltrepassare il portico significa anche arrivare, finalmente, al famoso santuario di "Santa Maria a Mare". Nel corso degli anni, è stato sia monastero che abbazia e ad oggi il santuario risponde alla giurisdizione dell'arcidiocesi di Manfredonia-Vieste-San Giovanni Rotondo. Gli abitanti del luogo potranno raccontarvi la leggenda dell'eremita legata profondamente a questa, ma la sua nascita ufficiale è da collegare all'opera dei benedettini nell'anno 1045, sebbene durante i secoli sia stata più e più volte restaurata e modificata in particolar modo nella seconda metà del XV per mano dei lateranensi. L'interno del santuario fa da casa a una statua in legno policroma chiamata "Madonna col bambino": si tratta di una delle innumerevoli Madonne dalla pelle nere con origine a Bisanzio che ogni 15 Agosto viene spostata lungo la processione fino al mare.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Cosa visitare alle Isole Tremiti

Le Isole Tremiti sono una arcipelago situato nel Mar Adriatico, a circa 12 miglia dal promontorio del Gargano, Puglia, e costituito dalle isole di San Domino, San Nicola, Capraia, Cretaccio e Pianosa. Questo arcipelago è caratterizzato da uno stupendo...
Italia

10 cose da fare in Puglia in inverno

Finalmente anche in Italia ci stiamo convertendo alla “destagionalizzazione”, neologismo che identifica l'impegno che molti enti del turismo ed operatori turistici mettono nel promuovere le vacanze in localitá marinare, anche al di fuori del canonico...
Italia

Itinerari dei borghi più belli della Lombardia

Alla ricerca di terre bellissime spesso siamo propensi a spingerci oltre i confini del nostro bel paese, o a pensare che un territorio senza mare non possa offrire panorami mozzafiato e orizzonti che ti rimangono nel cuore per tutta la vita. Eppure basta...
Europa

Come visitare la zona tra Scalea e Praia a mare

La Calabria rappresenta una delle mete più ambite, soprattutto durante il periodo estivo. In particolare la zona compresa tra Scalea e Praia a Mare è una delle più interessanti dell'intera regione, a causa della bellezza naturalistica delle sue spiagge...
Europa

Come visitare i paesi albanesi della provincia di Cosenza

Nel cuore della Calabria cosentina esistono paesi che risentono, ancora oggi, di secoli di varie dominazioni a cui furono sottoposti,. Questi, quindi, attualmente conservano tradizioni, rituali e lingue come retaggio di tale periodo, costituendo, di fatto,...
Europa

Come visitare Penne

Antichissima e magnifica città d'arte, ricca di storia e cultura, chiamata "città del mattone" per l'abbondante uso di mattoni "a vista" sia nelle costruzioni che nella pavimentazione dei ripidi e stretti vicoli del centro storico. Città ducale cara...
Europa

Come visitare il basso Molise

Sei alla ricerca di una vacanza economica, interessante e rilassante con gli amici o con il partner? Non è necessario recarti verso mete esotiche sperdute, né spendere un patrimonio per riuscirci! In questa guida vedremo insieme come visitare il basso...
Europa

Come visitare Monopoli

Monopoli, una splendida città della provincia di Bari, in Puglia, che si affaccia sul Mar Adriatico. Ha uno dei porti più attivi del mar Adriatico e un caratteristico centro storico risalente all'alto medioevo, circondato da alte mura che si affacciano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.