Come visitare la Sardegna: Porto San Paolo e Isola di Tavolara

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Quest'oggi, nei successivi passi di questa guida, vi spiegherò come visitare la Sardegna, o almeno una parte ben precisa di essa. La vivace costa a sud di Olbia è disseminata di località balneari che, durante la stagione estiva, sono in pieno fermento, ma che d'inverno sono tutt'altro che deserte. Un esempio tipico è Porto San Paolo, principale imbarco per l'isola di Tavolara. Vediamo quindi come procedere.

26

Occorrente

  • Cartina della Sardegna
  • Macchina fotografica
  • Itinerario
36

Piccola ma vivace località di villeggiatura, Porto San Paolo si trova a circa 14 km a sud di Olbia, percorrendo la SS 125. Questa frazione del comune di Loiri, ha una vocazione puramente turistica. Negli ultimi anni, ha subito grandi migliorie ed ha visto la realizzazione di rinomate strutture turistiche. Qui, potrete affittare un appartamento per le vacanze e spostarvi presso le spiagge di Porto Istana o di Bados. La cittadina è comunque considerata il punto d'imbarco principale per l'isola di Tavolara. Oltre a ciò, nel periodo pasquale e dalla metà di luglio a settembre, ci sono escursioni in barca con partenza dal porto.

46

Le imbarcazioni che collegano Porto San Paolo all'isola salpano ogni ora dalle 10 alle 13, mentre i viaggi di ritorno partono alle 12:30, 16:30 e 17:30, la tratta dura 25 minuti circa. I primi a battezzare Tavolara furono i romani, che la chiamarono "Hermea Insula", cioè "Isola di Ermete", forse perché, per raggiungere l'altopiano, popolato solo da uccelli marini, falchi e qualche agile capra selvatica servirebbero le ali. Si tratta di un'isola quasi disabitata, per gran parte di proprietà della famiglia dei Marzano. I pochi abitanti si concentrano soprattutto lungo il versante occidentale, sul cosiddetto "Spalmatore di Terra", nei pressi della baia in cui approdano le imbarcazioni. Inoltre, sull'isola sono presenti una base militare Nato, un faro ed una piccola stradina militare.

Continua la lettura
56

Oltre a uno spuntino in qualche ristorante sulla spiaggia, non c'è molto da fare qui se non tuffarsi nelle acque cristalline della Spiaggia Spalmatore, ed ammirare le incredibili scogliere di Tavolara e la costa Sarda. L'intera zona appartiene al Parco Marino Tavolara-Punta Coda Cavallo, si tratta per questo di territorio protetto. Potrete scendere a piedi al piccolo cimitero per visitare le tombe dei "re" di Tavolara, ciascuna contrassegnata da una corona, nel luogo in cui si fondano realtà e leggenda. Infine, le insenature rocciose dell'isola offrono l'opportunità di magnifiche immersioni nei pressi del monte sottomarino chiamato "Secca del Papa". Buon viaggio!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Italia

Come visitare la Sardegna in tre giorni

Tra le varie isole d'Italia da poter visitare in poco tempo, non può mancare sicuramente la splendida Sardegna. Si tratta di un'isola molto grande, caratterizzata da spiagge meravigliose, degne di essere visitate da tutti i turisti. Molti sono i luoghi...
Italia

Guida alle isole italiane

Oltre alla Sicilia e alla Sardegna, che sono le due maggiori isole italiane, il nostro Paese conta un vasto patrimonio di piccole isole, affioranti dai mari, dai laghi o dai fiumi. Molto conosciute e meta di turismo internazionale sono anche le isole...
Europa

Come visitare la Sardegna: dintorni di Olbia e Golfo Aranci

L'Italia è un paese ricco di storia e tradizioni, dove diverse culture si sono scontrate o hanno trovato riparo, creando nel tempo bellissimi posti sopravvissuti fino a noi e che rievocano ancora oggi il profumo di tempi passati ma ancora vividi. Tra...
Europa

Come visitare la Sardegna: San Teodoro

Prima di partire per una vacanza in questa meravigliosa isola, è bene sapere come visitare la Sardegna: San Teodoro è uno dei paesi più belli della zona orientale, tra la costa Smeralda e la parte più selvaggia ad est. Per andare a San Teodoro la...
Italia

Guida alle spiagge isolate della Sardegna

Basta dire Sardegna e, immediatamente, vengono in mente distese infinite di sabbia finissima lambite da un mare limpido e cristallino. L'isola però, nonostante abbia probabilmente il mare più bello d'Italia, offre ancora oggi angoli nascosti e incontaminati...
Europa

Come E dove fare le immersioni in Sardegna

Se siete amanti del mare e delle immersioni allora sentite sicuramente il bisgono di tuffarvi in acque cristalline per ammirare fondali colorati e vitali. Ma ciò non vuol dire, come molti sostengono, che bisogna viaggiare molto e andare lontano. Infatti...
Consigli di Viaggio

Come visitare l'isola della Maddalena

Tra l'elenco delle isole più belle e visitate dello stivale, ha un ruolo di primaria importanza le isole appartenenti all'arcipelago de La Maddalena, nella zona nord orientale della Sardegna. Con il suo mare cristallino, le sue spiagge di diversa conformazione...
Europa

Come visitare la Caletta e la Bobba in Sardegna

In questa guida vedremo come visitare le spiagge di La Caletta. Questa è una bellissima zona, forse la più bella che si trova nell'intera regione della Sardegna. Inoltre vedremo anche come visitare la Bobba, un'incantevole spiaggetta di sabbia soffice...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.