Come visitare La Sella Del Diavolo A Cagliari

Tramite: O2O 16/10/2014
Difficoltà: media
17

Introduzione

La Sella del Diavolo a Cagliari, è un promontorio che si estende nella periferia sud della città, interessante sia dal punto di vista archeologico che naturalistico. È possibile visitarlo con un'escursione guidata tutti i giorni dell'anno, sarà sufficiente chiedere informazioni all'ufficio turistico preposto oppure, in alternativa, potrete organizzarvi autonomamente.
Una volta giunti sulla sommità del promontorio potrete ammirare dall'alto il magnifico spettacolo del golfo di Cagliari, estremamente suggestivo al tramonto.
Vediamo dunque, nella guida che segue, qualche indicazione utile sono come visitare la Sella del Diavolo a Cagliari. Seguitemi passo passo e procediamo.

27

Occorrente

  • Scarpe comode e robuste
  • Acqua e cibo per uno spuntino
  • Costume da bagno se vai in estate
37

La Sella del Diavolo deve il suo particolare nome ad una antica leggenda che narra la cacciata di Lucifero da parte dell'arcangelo Gabriele: durante la fuga il diavolo perse la sella, che pietrificandosi diede luogo, appunto, a questo promontorio. Leggenda a parte, quello che vi deve interessare sono le reali proporzioni del sito che andrete a visitare: la Sella del Diavolo è circa 3 km di diametro con un'altezza massima che supera i 150 metri; l'escursione dura circa 2 ore ed il tempo complessivo che impiegherete dipende anche dalla soste che deciderete di effettuare durante il tragitto. La partenza del "tour" solitamente è fissata alle ore 9,30 dal piazzale di Calamosca.

47

Calamosca fa parte di capo S. Elia, vasto promontorio che delimita il golfo di Cagliari. Potrete giungere al piazzale sia con la vostra auto che prendendo l'autobus C direttamente nel centro della città. L'escursione inzia da una stradina privata e dopo alcuni minuti scorgerete il vecchio convento dell' XI secolo, i ruderi delle torri spagnole e, proseguendo ancora, un fortino militare risalente alla II guerra mondiale ed una cisterna romana con pozzetti e canali di raccolta per l'acqua piovana.

Continua la lettura
57

Poco più avanti potrete visitare la torre del Poetto, la grotta dei Colombi, la torre di S. Elia e Cala Fighera, dalle acque cristalline e invitanti; se vi recate in visita d'estate il costume da bagno è d'obbligo.
Nella Sella del Diavolo convivono alberi di olivastro, lentischio e macchia mediterranea. Dal punto più alto potrete dominare con lo sguardo tutto il golfo di Cagliari, da nord a sud; uno spettacolo molto suggestivo.

67

A ridosso della Sella del Diavolo, che tra l'altro costituisce l'inizio, per la parte cagliaritana, del Poetto, c'è Marina Piccola, porticciolo attrezzato per il diporto e la pesca con gru e scivolo da alaggio, dotato di bar, pizzerie e ristoranti, meta di passeggiate serali estive di famigliole e di chi vuole godersi la fresca brezza marittima.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Evita l'escursione in giornate molto ventose.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come e perchè visitare la valle del diavolo

Situata in un quadrato tra Livorno, Firenze, Grosseto e Siena, la regione Toscana nasconde un vero tesoro geotermico da record, la Valle del Diavolo. Questa località è l'ideale per vivere una giornata unica e impossibile da dimenticare, ammirando non...
Europa

Come visitare le spiagge di Quartu Sant'Elena in Sardegna

Quartu Sant'Elena è una bella cittadina situata a sud della Sardegna, a pochi chilometri dal capoluogo. Cagliari e Quartu sono collegate tra loro non solo da una strada, ma anche dalla bellissima baia di Golfo degli Angeli: queste non sono altro che...
Europa

Come visitare le spiagge di Villasimius in Sardegna

Villasimius è una località estiva vicino a Cagliari, famosa per le sue spiagge di sabbia bianca con un mare turchese e ricco di pesci. In questo luogo arrivano non solo italiani, ma anche numerosi turisti stranieri come americani e russi. A tale proposito...
Europa

Come visitare le spiagge di Villaputzu in Sardegna

Le spiagge della Sardegna sono tutte quante belle; ognuna racchiude in sé una particolarità. Vediamo come visitare quelle di Villaputzu situate nella parte sud orientale dell'isola, sempre in provincia di Cagliari. Si trovano a pochi chilometri dal...
Europa

Come visitare le spiagge Dell'Isola Di Sant'Antioco in Sardegna

L'isola di Sant'Antioco è una delle più grandi della Sardegna. Essa è caratterizzata da una spettacolare macchia mediterranea ed ha numerosissime e splendide spiagge bagnate da un mare a dir poco stupefacente. L'isola di Sant'Antioco è la meta ideale...
Europa

Come arrivare e cosa visitare a Dronero

All'interno di questa breve guida, andremo a occuparci di turismo. Nello specifico, come avrete già potuto notare attraverso la lettura del titolo stesso di questa guida, ora andremo a spiegarvi Come arrivare e cosa visitare a Dronero.Dronero è un caratteristico...
Europa

Come visitare Carloforte in Sardegna

In questo articolo vi chiarirete le idee e preparerete subito le valigie per partire e visitare Carloforte. È  l'unico centro abitato dell'Isola di San Pietro, perla della Sardegna meridionale che, insieme all'Isola di Sant'Antioco e ad altri isolotti...
Europa

Come visitare le spiagge di Chia in Sardegna

Chia è una splendida località balneare situata in provincia di Cagliari: si trova in una delle zone costiere più belle e suggestive della Sardegna. Si tratta di una meta turistica molto ambita e rinomata: qui, infatti, si possono trovare numerosi alberghi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.