Come visitare La Tomba Dei Giganti Di Lu Brandali

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Da sempre le popolazioni hanno avuto bisogno di erigere monumenti funebri ai propri morti, soprattutto se per persone di una certa importanza a livello sociale. Fra i complessi tombali più misteriosi da visitare vi è La tomba dei Giganti di Lu Brandali. È un insediamento archeologico del periodo Nuragico sito in Gallura ed è il più diffuso nei pressi di Santa Teresa, all'estremo nord della Sardegna. L'area archeologica si pensa risalga addirittura alla preistoria, quindi a circa cinquecento mila anni fa. Infatti la datazione al carbonio coincide con quella di molti reperti sicuramente risalenti a quel periodo.

26

Occorrente

  • la passione per l'archeologia e scarpe comode.
36

Nel complesso tombale ritroviamo molti oggetti d'uso comune al tempo in ossidiana e selce, poi ceramiche decorate con frammenti di conchiglie tipiche del Neolitico, accompagnate da molti frammenti ceramici risalenti al 3500-2750 a. C.. Questi si pensa siano stati lasciati da insediamenti di piccole comunità sedentarie a base agricola, insediatosi successivamente. Le selci e l'ossidiana rinvenute all'interno degli oggetti sopra citati sono provenienti dal monte Arci di Oristano e dall'Anglona, lungo la costa.

46

Durante il secondo millennio a. C. (quindi nell' età del Bronzo) ebbe inizio l'età Nuragica. Questa epoca diede il via al proliferare di costruzioni tipiche presenti sul territorio. Per la loro costruzuione infatti furono utilizzati in grande quantità i blocchi granitici abbondantemente presenti sul territorio. I Nuraghi di Lu Brandali sono sostanzialmente di due tipi principali, ai quali si rifanno poi quelli rinvenuti in tutta l'isola, cioè "a tholos" e a "corridoio". Il primi si distinguono per la loro forma verticale a falsa cupola, per la costruzione furono impiegati enormi blocchi, dall'altezza notevole. L'altra tipologia è caratterizzata dall'espansione in larghezza e dalla struttura interna divisa in diversi cunicoli. Lo scopo principale dei Nuraghe era quello di difesa e di controllo del territorio.

Continua la lettura
56

La Tomba dei Giganti presente sull'area Gallurese di Lu Brandali è uno spettacolare complesso di tombe costruite con enormi massi. L'impiego di tali rocce, aveva fatto pensare agli archeologi, che per spostare tali pesi fossero stata impiegata la forza di alcuni ciclopi, leggendarie figure gigantesche, gli unici considerati in grado di creare costruzioni di tale imponenza. Molti reperti rinvenuti, in bronzo e ferro, hanno fatto pensare ad una popolazione di guerrieri, cosi come i rinvenimenti di resti umani. L'area rappresenta probabilmente la prima civiltà Nuragica della Sardegna.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • munirsi di una guida illustrata reperibile in loco.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Europa

Come visitare i dintorni di Arzachena: Nuraghe di Albucciu e Tempietto di Malchittu

Arzachena è uno splendido comune nella provincia di Olbia-Tempio, in Sardegna. È il terzo centro più popoloso della Gallura e fra i suoi tesori più belli vi è la campagna circostante. È possibile trovare tra la natura inestimabili tesori storici,...
Europa

Come visitare la Barbagia ed i suoi dintorni

La Sardegna è un'isola meravigliosa e il suo territorio ha una notevole importanza. Essa deve gran parte della sua fama turistica alla bellezza dei suoi paesaggi costieri. Quindi si possono trovare tanti territori ricchi di natura e non deturpati dall'uomo....
Europa

Come visitare St Patrick's Country

St Patrick's Country è situata nell'Irlanda del Nord. Oltre ad accogliere la tomba di San Patrizio, missionario e vescovo d'Irlanda vissuto fino alla fine del quinto secolo d. C., ospita la famosissima cattedrale omonima. Numerose inoltre sono le mostre...
Europa

Come visitare Carmignano

Per gli appassionati dei viaggi nel centro Italia la Toscana è sicuramente una regione bellissima ed affascinante da visitare. La Toscana ha delle città e dei borghi ricchi di storia, di arte e di cultura.In questo articolo mi voglio soffermare a parlare...
Europa

Come visitare Tarquinia e Cerveteri

L'antica Tarquinia costituiva uno dei centri più importanti dell'Etruria. Occupava una posizione strategica su un crinale che dominava la pianura costiera. Nel quarto secolo a. C. Venne conquistata dai romani. Cerveteri era una delle città più popolate...
Europa

Come visitare Valtournenche in Val d'Aosta

Se state progettando le vostre vacanze ed avete deciso di optare per la montagna, vi consiglio di prendere in considerazione l'idea di recarvi nella bellissima Val D'Aosta e più precisamente, a Valtournenche. Se seguirete questa guida, in pochi e semplici...
Europa

Come visitare la Cattedrale di Barcellona

La Cattedrale di Barcellona, il cui nome completo è "Catedral de la Santa Creu i de Santa Eulàlia" è una delle attrazioni più importanti della rinomata città spagnola. Chi si reca a Barcellona non può fare a meno di visitare questa grande cattedrale:...
Europa

Come visitare la Sila

La Sila, situata nella zona centro settentrionale della Calabria, è sicuramente una bellezza indescrivibile, che offre ai visitatori scenari meravigliosi. È un altopiano che si estende per circa 1.700 chilometri nelle province di Cosenza, Catanzaro...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.