Come visitare l'acquario di Messina

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Messina, meta turistica molto frequentata, soprattutto nei mesi estivi, racchiude in sé un "tesoro" poco conosciuto e tutto da scoprire, ossia l'acquario, al cui interno è certamente possibile trovare sia pesci di acqua dolce che salata. A tal proposito, nella seguente guida vi saranno fornite delle dritte che vi spiegheranno come visitare in maniera corretta questa attrazione.

26

Occorrente

  • Tempo a disposizione
  • Macchina fotografica
36

L'acquario di Messina si trova in una posizione centrale della città, semplicissima da raggiungere sia in macchina che a piedi. Arrivando da fuori città è sufficiente uscire allo svincolo di Messina Boccetta e percorrere l'omonimo Viale. Superati svariati semafori si arriva a via Vittorio Emanuele dalla quale, imboccata la prima traversa sulla sinistra, potrete giungere rapidamente nella centralissima Via Garibaldi ed immettervi di conseguenza in corso Cavour. Proprio all'incrocio di quest'ultimo si trova l'acquario sito all'interno di Piazza Mazzini. I parcheggi, essendo immediatamente adiacenti sono assai scarsi: sarà necessario pertanto lasciare l'auto nelle vie limitrofe e quindi spostarsi a piedi.

46

Arrivare a destinazione senza l'aiuto dell'auto vi sarà ancora più agevole. Potrete prendere il tram in centro e scendere alla fermata della prefettura. Tornate indietro di un centinaio di metri e sarete giunti a destinazione. L'aquario è visitabile ogni giorno della settimana escluso il lunedì e la domenica pomeriggio. Ricordatevi sempre che gli orari di apertura vanno dalle noce alle tredici e dalle quindici alle diciannove. Si accede alla struttura direttamente dal portone pagando il biglietto d'ingresso che, intero, ha un costo di tre euro; da quel momento avrete accesso diretto a tutte le sale. In quella più grande potrete vedere tutte le razze di pesci di acqua salata.

Continua la lettura
56

Nelle vasche centrali potrete ammirare le specie di acqua dolce. Tra tutti merita sicuramente di essere visto il pesce balestra che, con i suoi denti enormi, tritura il guscio di tutti i crostacei che mangia. Da non perdere è anche la Magrosa, i Gattucci e i Gattopardi. Prima di uscire, sulla destra, vi imbatterete in una sala unica nel suo genere, nella quale troverete lo scheletro ricostruito di un grosso pesce del Mediterraneo, nonché diversi esemplari di altri pesci e conchiglie conservati in appositi "barattoli". Una volta usciti potrete cogliere l'occasione per una visita veloce a Piazza Mazzini, in cui acquistare curiosi souvenir e bevande tipiche negli appositi chioschi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ritagliatevi qualche ora per ammirare i magnifici dintorni dell'acquario.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come arrivare al Santuario di Gibilmanna

Il Santuario di Gibilmanna, come tutte quante le costruzioni sacre che si rispettano, è dedicato ad un Santo e, nella fattispecie, alla Beata Vergine. Questo luogo rappresenta, sicuramente, uno dei più conosciuti e celebrati Santuari presenti nella...
Italia

Come organizzare una vacanza a Vulcano

Vulcano, in provincia di Messina, fa parte delle isole Eolie. In questa isola, risultato dell'antica fusione di alcuni vulcani, si trovavano le mitologiche fucine del marito della bellissima Afrodite, il dio del fuoco (e fabbro degli dei) Efesto o Vulcano....
Italia

I più bei castelli della Sicilia

La Sicilia è l'isola italiana più grande, nonché una delle perle del Mediterraneo. Nove sono le province che la compongono (Palermo, Messina, Catania, Siracusa, Ragusa, Enna, Agrigento, Caltanissetta, Trapani), anche se da Marzo 2014 si parla di solo...
Europa

Come raggiungere e visitare Monforte Sangiorgio

La Sicilia una regione che offre tantissime attrazioni. I paesaggi e anche le cittadine che la compongo possono rappresentare un vero e proprio patrimonio da poter visitare. Quindi, quando prendiamo in considerazione l'idea di programmare un viaggio,...
Europa

Come raggiungere san pier niceto

L'Italia offre numerosissimi luoghi di interesse storico, naturalistico, culturale. Mete turistiche che possono attrarre ogni genere di viaggiatore con posti unici e da ricordare. Esistono moltissimi luoghi poco noti, angoli ameni da scoprire. San Pier...
Consigli di Viaggio

Come arrivare e cosa visitare a Tindari

L'Italia è piena di luoghi meravigliosi da poter visitare. Tuttavia, nella maggior parte dei casi, essi sono poco conosciuti ed apprezzati dalla popolazione. Uno di questi è sicuramente Tindari, una località balneare situata in Sicilia, precisamente...
Consigli di Viaggio

Come visitare le Isole Eolie

L'arcipelago delle Eolie si costituisce principalmente da 7 isole maggiori ed altri piccoli isolotti e faraglioni. Rappresentano un'ambita meta turistica sul Tirreno. Appartenengono a Messina e sono ricche di grotte, calette, pareti rocciose e spettacolari...
Europa

Come organizzare un tour per la Sicilia

In questi mesi in cui si sta già pensando alle vacanze estive, dove e come trascorrerle, è importante pensare a come organizzare la vacanza, per evitare in spiacevoli inconvenienti dell'ultimo minuto, che potrebbero precludere il divertimento e la gioia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.