Come visitare l'antica Pozzuoli

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Pozzuoli in origine rappresentava lo scalo commerciale di Cuma. Venne fondata nel 528 a. C. Da un gruppo di esuli Sarni e venne soprannominata "Dicerachia" anche se, nel 421 a. C., venne ribattezzata "Sannita". Nel 228 a. C. Fu conquistata dai Romani e allora il suo nome mutò nuovamente e venne chiamata "Puteulos", per via delle sorgenti termo-minerali. Il suo porto divenne quindi fondamentale per gli scambi commerciali. Nella guida che segue, qualche consiglio su come visitare l'antica Pozzuoli.

24

Diventata colonia romana nel 194 a. C. Diventò sempre più importante per Roma che ne fece il suo porto principale, tanto che furono costruite molte reti stradali e importanti monumenti o edifici come l'Anfiteatro Flavio per esempio, così come il tempio di Serapide e quello di Augusto, visibili ancora oggi e punti di attrazione turistica, soprattutto da parte degli amanti di storia dell'arte e di conservazione dei beni culturali. San Paolo vi sbarcò da prigioniero nel 61 d. C. Ricevuto da una piccola comunità cristiana. Ecco perché molte persone che si recano a visitare L'Antica Pozzuoli, sono soprattutto persone devote che creano veri e propri pullman per i pellegrinaggi.

34

Per visitare L'Antica Pozzuoli in una chiave storica, si può anche provare un'esperienza unica, ossia quella di guardarla nella sua veste archeologica sommersa. A pochi metri di profondità, infatti, esiste l'area archeologica più estesa esistente. C'è un battello appositamente attrezzato con la sua chiglia di vetro, per visitare la città sommersa che permette di provare delle emozioni incredibili. Il battello parte quando raggiunge un minimo di quattro persone.

Continua la lettura
44

Per visitare L'Aantica Pozzuoli si può scegliere l'itinerario predisposto e guidato, che inizia dalle ore 8:30 circa e termina alle h 13:30 circa. Si svolge partendo da Cuma, si procede visitando l'antro della sibilla e i templi di Giove e Apollo. In loco è visitabile il Castello Aragonese adibito a museo in cui sono conservati migliaia di reperti. Si continua poi con la visita a Solfatara e lì, diventa facile capire perché i greci li chiamavano "campi flegrei". In conclusione, si può vedere il magnifico anfiteatro Flavio che, dopo il Colosseo, rappresenta uno dei resti romani più importanti, insieme ai suoi sotterranei mieravigliosamente conservati. L'Antica Pozzuoli è sempre stata afflitta dal fenomeno del bradisismo, il suolo cioè si è sollevato di diversi metri, sconvolgendo così il suo porto. Attualmente, infatti, si può vedere come il molo è stato spostato più avanti, tanto che hanno dovuto riposizionare le bitte di attracco per le navi. Questo fenomeno unito ai continui terremoti, mise gli abitanti nelle condizioni di rifugiarsi, alla fine del V° secolo a. C., sulla sua altura chiamata "Castro Puteolano".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Consigli di Viaggio

Come raggiungere il parco del Poggio a Napoli

A Napoli, presso i colli Aminei, è possibile visitare un parco davvero molto interessante: il Parco del Poggio, dalla quale si può godere una vista mozzafiato del Golfo di Napoli. All'interno del parco, oltre ai begli angoli verdi, si trova anche un...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere la piscina scandone di napoli

La piscina Scandone la più importante struttura per il nuoto e la pallanuoto della città. Nelle sue acque si svolgono diverse competizioni, e annualmente, durante il mese di maggio, le migliori 4 squadre europee di pallanuoto si contendono la Coppa...
Consigli di Viaggio

Come e cosa visitare a mergellina a napoli

Mergellina è uno splendido e bellissimo quartiere sito nella città di Napoli, a pochi km dai luoghi simbolo della cultura partenopea come il Castello Dell'Ovo o Piazza del Plebiscito, zona portuale e principale collegamento per visitare le isole del...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere la mostra d'oltremare di napoli

La mostra d'Oltremare è il quartiere fieristico situato a Napoli. Il quartiere fieristico è alquanto grande e, tra i vari, è uno dei più nuovi. Ospita con notevole frequenza manifestazioni e fiere. Tra le più famose e note si trovano la Fiera della...
Consigli di Viaggio

Come raggiungere l'isola di Procida

Procida è sicuramente una delle perle del Mediterraneo. Stradine e borghi di pescatori disegnano dei paesaggi mozzafiato caratterizzati dai colori caldi e rilassanti. Gli odori della cucina tipica vi accompagneranno lungo le spiagge di sabbia vulcanica....
Consigli di Viaggio

Come visitare l'antico cimitero delle fontanelle di napoli

Napoli è una delle città più antiche della nostra penisola, e come tale possiede una lunga storia e moltissime tradizioni. Vale la pena visitarla almeno una volta nella propria vita e godere delle piccole meraviglie che vi si possono trovare, come...
Europa

Come visitare la zona di Cuma e Puteoli

La Campania è una regione che andrebbe scoperta, essa infatti nasconde tantissimi tesori che aspettano solo di essere visitati. Bisognerebbe a tal proposito avere una maggiore conoscenza e soprattutto coscienza delle bellezze che l'Italia possiede. Questo...
Consigli di Viaggio

Come visitare San Gregorio Armeno

Per chi non la conoscesse, San Gregorio Armeno è una famosissima strada del centro storico della città di Napoli. Questa via chiamata in gergo locale: "O' vico de' pasture" cioè il vico dei pastori, è famosa in tutto i mondo perché vi si trovano...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.